Marco Vecchiato. Come l’odore dei sogni del giorno dopo

  • Quando:   29/04/2024 - 18/05/2024
  • evento concluso

Arte contemporaneaMostre a Modena


Marco Vecchiato. Come l’odore dei sogni del giorno dopo
Marco Vecchaito, Untitled 14-23. 90x100, mixed media e olio su tela, 2023

Dal 29 aprile 2024 al 18 maggio 2024, Artekyp ospita una serie di opere inedite di Marco Vecchiato nella mostra "Come l'odore dei sogni del giorno dopo", con testo critico di Emanuele Beluffi.

Vecchiato fa una pittura estrema, secca, inclemente, scarnificata, materiata di segni, lontana anni luce dal fervore cromatico che pure a suo modo c'è, pulsante da quel grande bianco che è il film pittorico su cui i soggetti stanno, semplicemente stanno, espressione di quella "pittura dell'ignoto", tanto per citare il titolo del catalogo di una mostra di più di una decina di anni fa di Mario Raciti, di cui sicuramente Vecchiato è profondo conoscitore e debitore per quei fondi indefiniti e grezzi e quella "narrazione" meta/fisica nel vero senso dell'espressione, cioè al di là dell'apparenza familiare.

«La mia pittura è realista perché parla del presente, è figurativa, fenomenologica, ammesso e non concesso che queste distinzioni vogliano dire qualcosa, perché sotto il groviglio di linee c'è la figura e quella figura non può che essere l'uomo, l'essere, l'io», dice Vecchiato.

Marco Vecchiato è noto per una pittura non-empatica, "maleducata", una pittura "primitiva" nell'unico senso in cui possiamo intendere l'arte primitiva (cioè gino-de-dominicisianamente giovane e contemporanea) e cioè in un senso elevatissimo,fatta di impulsi che producono forme inorganiche che si riaccompagnano per reminiscenza alla figura umana: una pittura dell'inquietudine che traduce per immagini quella Filosofia dell'inquietudine di cui ci parlava il filosofo Renato Troncon e che ri-troviamo nei corpi allungati di Giacometti.

Nella mostra presso ArtEkyp vediamo una pittura che denota l'inquietudine dell'uomo contemporaneo (o forse meglio di alcuni contemporanei) verso un mondo evidentemente indecifrabile: qui la realtà è bianca, tabula rasa da marcare con l'interpretazione a piacimento, sia essa un rituale magico o un'impresa scientifica o un'opera d'arte visiva o una composizione musicale... leggi il resto dell'articolo»

In queste opere i corpi sono tratteggiati da un segno scabro, a volte sono tronchi di corpi e altre nemmeno quelli, solo allusioni, sono spettatori accennati che non dialogano né interagiscono col mondo là fuori. «I corpi di Vecchiato – scrive Emanuele Beluffi nel testo a catalogo - hanno solo due cavità piccole come spilli, piccole come occhi di un topo a denotare le cavità nasali del teschio e null'altro attorno, sono gli amanti di Magritte ai quali è stato tolto il velo dalla faccia con tutto quello che c'era sotto: sotto il velo niente, come nel romanzo di Marco Parma (alias di Paolo Pietroni) Sotto il vestito niente, l'anima dove l'hanno persa?»

Note biografiche
Marco Vecchiato (Padova, 1974) comincia a usare matite e pennelli nel 2015, piuttosto tardi per un artista di quella generazione, sì, quando qualcosa dentro non è più rappresentabile come prima, o forse perché il fuori era cambiato, chi lo può sapere, a volte nella vita tocca cambiare linguaggio se si vuole continuare ad esistere. Questo è quello che ha fatto Vecchiato, e non importa se l'arte lo perseguita da quando aveva vent'anni, "tanto" dice con un pizzico di nostalgia "mai nel 1999 o giù di lì, avrei potuto fare i lavori che mi vengono oggi, ho cercato, perché la vena c'era, eccome, solo che allora mi sembrava tutto distrutto... non so perché ma alla fine ho pensato che non ne valesse la pena così ho mollato".
Semplicemente non era pronto! E comunque non si sta parlando di un talento precoce, di quelli che stanno sempre a disegnare e lo fanno "bene", quasi avessero bisogno di allenarsi perché prima o poi coloreranno il mondo intero. Cosa ha fatto allora fino al 2015? Ha tenuto sotto controllo la creatività con la scrittura, soprattutto di poesie, pubblicando due raccolte, ma poi si sa l'arte è una disciplina dispotica, e Vecchiato si è messo a ri-cercarla, affondando con metodo storico nelle vicende, nella storia degli altri però: epoche, correnti, artisti. Si è abbandonato alla ricerca (come indipendente) affondando nell'arte tedesca (di Austria e Germania soprattutto) tra la fine del XIX e l'inizio del XX (nazionalsocialismo compreso).
"Alla fine di tutto quel lavoro non so cosa sia rimasto, so che non ho buttato niente" confessa. I lavori di Vecchiato sono contemporanei nel linguaggio ma anche nella sostanza, anche se di questi tempi non c'è molto da scherzare, "Mi piacerebbe fare una mostra sulla felicità, anche se adesso non è il momento!" ripete a chi gli chiede dei progetti futuri.
Nel 2022 ha pubblicato la raccolta di racconti L'ultimo guardiano d'aprile (ed. Cleup) e fra le mostre recenti ricordiamo: Come l'odore dei sogni del giorno dopo, con testo di Emanuele Beluffi (2024) e Alienation Zone curata da Barbara Codogno.

Artekyp di Modena
Artekyp è lo spazio espositivo di un collettivo di artisti, costituitosi in Associazione Culturale, che prende vita dalla necessità condivisa di confrontarsi, misurarsi, e ispirare. Gli artisti riuniti credono che il gruppo sia una modalità giusta per favorire questi processi e far sì che dagli stessi scaturisca un naturale miglioramento del proprio operato.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Marco Vecchiato. Come l’odore dei sogni del giorno dopo

Modena - ArtEkyp

Apertura: 29/04/2024

Conclusione: 18/05/2024

Organizzazione: ArtEkyp

Indirizzo: via della Torre 65 - 41121 Modena

Opening: sabato 27 aprile, ore 18.00

Orario: mattina 10.00 – 12.30; pomeriggio 16.30 – 19.00 | chiuso giovedì pomeriggio e festivi

Per info: (+39) 335 5715735 | info@artekyp.com | https://www.marcovecchiato.com/ | marcovecchiato74@gmail.com

Sito web per approfondire: https://www.artekyp.com/



Altre mostre a Modena e provincia

Arte contemporaneamostre Modena

Nat's. Forget me

"Forget me" è la mostra personale dell'artista Nat's presso Hobo Spazio Urbano a Modena, visitabile all'11 maggio al 22 giugno 2024. leggi»

11/05/2024 - 22/06/2024

Emilia Romagna

Modena

Illustrazionemostre Modena

Zitt! Zitt! Arriva Lupo Alberto

"Zitt! Zitt! Arriva Lupo Alberto. Silver, 50 anni da lupo", fino al 25 agosto 2024 a Modena una mostra per scoprire tutto, ma proprio tutto, sul lupo azzurro più adorabile e simpatico che esista. leggi»

08/03/2024 - 25/08/2024

Emilia Romagna

Modena

Arte contemporanea Fotografiamostre Modena

Embodiment

FMAV - Fondazione Modena Arti Visive presenta "Embodiment" dal 16 maggio al 26 maggio 2024. In mostra i risultati del progetto PANG! di Artisti Drama. leggi»

16/05/2024 - 26/05/2024

Emilia Romagna

Modena

Ingresso libero

Arte contemporaneamostre Modena

Marco Massarotti. Infinire

Il percorso artistico di CRAC prosegue con la mostra "Infinire" di Marco Massarotti, allestita da domenica 7 aprile fino a domenica 26 maggio. leggi»

07/04/2024 - 26/05/2024

Emilia Romagna

Modena

Fotografiamostre Modena

Franco Fontana. Modena dentro

Modena festeggia i 90 anni di Franco Fontana con la mostra "Modena dentro", una selezione di opere in dialogo con capolavori di pittura e scultura di artisti contemporanei e stranieri. leggi»

27/03/2024 - 16/06/2024

Emilia Romagna

Modena

Ingresso libero all'inaugurazione

Arte contemporaneamostre Modena

Jonathan Binet. Cabriole

Dopo la sua ultima esposizione in galleria nel 2017, Jonathan Binet inaugura una nuova personale presso la Galleria Mazzoli, offrendo un'ampia prospettiva di nuove opere. leggi»

23/03/2024 - 31/05/2024

Emilia Romagna

Modena

Arte graficamostre Modena

Daniela Savini. L'Archivio Inciso

Dal 15 marzo al 30 giugno 2024 presso la Sala della Biblioteca dell'Archivio di Stato di Modena si terrà l'esposizione di incisioni dell'artista Daniela Savini dal titolo "L'Archivio Inciso". leggi»

15/03/2024 - 30/06/2024

Emilia Romagna

Modena

Ingresso libero

Arte contemporaneamostre Modena

CRAC. VII stagione

A Castelnuovo Rangone al via la settima stagione di CRAC, nuova edizione della rassegna dedicata all'arte contemporanea
con sei mostre in programma dal 4 febbraio 2024 al 26 gennaio 2026. leggi»

04/02/2024 - 26/01/2025

Emilia Romagna

Modena

fruizione libera e gratuita