Arte modernaMostre a Bologna

Mario De Maria. Ombra Cara

  • Quando:   21/03/2024 - 30/06/2024
Mario De Maria. Ombra Cara
Mario De Maria, Veduta di Capri con tramonto, 1887, olio su tela, 43x55 cm

A cent'anni dalla morte, avvenuta il 18 marzo 1924, il Museo Ottocento Bologna celebra la figura del pittore simbolista Mario De Maria, noto anche come "Marius Pictor".

La mostra Mario De Maria, "Marius Pictor" (1852-1924). "Ombra cara", in programma dal 21 marzo al 30 giugno 2024 presenta 70 dipinti - tra capolavori, inediti e opere ritrovate e appositamente restaurate dal Museo Ottocento Bologna - provenienti da prestigiose istituzioni museali italiane (Gallerie degli Uffizi di Firenze, Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea di Roma, Galleria d'Arte Moderna di Milano) e da collezioni private nazionali e internazionali.

Una mostra antologica significativa - la prima che tenta di organizzare una disamina della produzione di De Maria - per conoscere ed approfondire il singolare percorso dell'artista, uomo complesso e tormentato, sodale di Gabriele D'Annunzio, padre del "Simbolismo italiano" o "Naturalismo spiritualista", e tra i pionieristici fondatori della Biennale di Venezia.

La mostra, a cura di Francesca Sinigaglia, è parte del progetto Bologna pittrice | Il Lungo Ottocento | 1796 – 1915, un'iniziativa promossa dal Settore Musei Civici Bologna che coinvolgerà quindici sedi espositive delineando un percorso nella pittura bolognese dall'età napoleonica all'inizio della Grande Guerra.

Ombra cara è strutturata in sette sezioni che ripercorrono la vita di De Maria dagli esordi fino alla morte. Il percorso si delinea come un "racconto" attraverso le parole dell'artista, al centro dei cambiamenti artistici di fine secolo. Le sue parole sono tratte dalle lettere manoscritte che inviò all'amico Vittore Grubicy de Dragon, oggi conservate presso l'archivio Grubicy del Mart di Rovereto e dell'archivio De Maria presso la Biblioteca del Museo Correr di Venezia. Attraverso esse, il visitatore potrà farsi un'idea della personalità dell'artista, sempre in conflitto con se stesso e con gli altri, ma al tempo stesso "raffinato e onesto critico della sua opera" (Sinigaglia).... leggi il resto dell'articolo»

Il percorso di mostra prende avvio dai primi anni della formazione a Bologna all'esperienza romana con D'Annunzio con l'illustrazione dell'Isaotta Guttadauro, all'analisi del suo personale apporto alla fondazione della Biennale di Venezia (di questo periodo sono esposti diversi capolavori, tra cui il grande dipinto La luna che torna sulla madre terra (1903) della Fondazione di Venezia): la sua presenza presso la Sala del Sogno e la grande personale del 1909, i legami con il Nord Europa e la pittura di Rembrandt. Una sezione particolare della mostra, la quarta, è dedicata alla morte della figlioletta Silvia, con l'opera Ombra cara (1911-1914) realizzata in ricordo dall'amico e collega Vittore Grubicy de Dragon. La mostra si conclude indagando il rapporto tra De Maria e le città di Asolo e Bologna, con la serie dedicata alla Putredine della Casa di Satana e alle narrazioni macabre della seconda metà degli anni dieci del Novecento.

Mario De Maria frequentò l'Accademia di Belle Arti di Bologna per poi trasferirsi a Roma, dove aprì uno studio in via Margutta. Fu tra gli animatori del gruppo In Arte Libertas, che vantava, tra i suoi membri, gli artisti più conosciuti in ambito internazionale del periodo: Giulio Aristide Sartorio, Dante Gabriel Rossetti, Arnold Böcklin. A Roma entrò in contatto anche con il più importante letterato del secolo: Gabriele D'Annunzio, a cui fu legato da una profonda amicizia e proficue collaborazioni, realizzando il suo capolavoro L'alunna (1886) intonato sui versi di Isaotta Guttadauro e Eliana, dai candidi pavoni, finalmente riuniti dopo più di un secolo. Oltre che da D'Annunzio, De Maria venne sostenuto anche dai critici d'arte Angelo Conti detto "Doctor Mysticus" e Diego Angeli, che lo riteneva il pittore più rilevante di fine secolo.

Nel 1891 si trasferì a Venezia assieme a l'élite culturale italiana del circolo dannunziano che sfociò nella creazione della Mostra Internazionale d'Arte di Venezia nel 1895, di cui De Maria realizzò il primo padiglione. Egli fu inoltre l'unico bolognese a far parte della prima commissione giudicatrice della Biennale.

Qui ebbe la possibilità di portare avanti le sue ricerche pittoriche legate al concetto di Simbolismo, spesso approfondito con narrazioni ed episodi della tradizione. Tra queste è degna di nota la Salomè (1890 ca.), opera di grandi dimensioni, recentemente ritrovata, in cui l'artista traspone, in maniera inedita, la storia biblica in una storia popolare, racchiudendo nell'ombra la chiave di lettura dell'intera opera.

De Maria si spostava spesso da Venezia a Brema, in Germania (la moglie Emilia Voigt era infatti tedesca), ebbe quindi l'occasione di approfondire la conoscenza dell'opera di Rembrandt, da cui rimase affascinato, realizzando opere fondamentali come Lilienthal (1901), che immortala uno scorcio di un fiume in un bosco rosso e giallo autunnale che fa da sfondo ad una processione di Cardinali. Da lui considerata uno dei suoi capolavori, l'opera viene ufficialmente presentata al pubblico, in questa mostra, anche in veste di nuova acquisizione del Museo Ottocento Bologna.

In questo periodo si colloca inoltre la triste vicenda familiare che portò l'artista sulla soglia della disperazione: la morte della figlia Silvia, di soli sei anni. De Maria non si riprenderà mai completamente dal lutto, arrivando a sperimentare, nelle sue opere, un Simbolismo dai risvolti sempre più macabri e drammatici.

Dopo la morte della bambina, l'artista realizzò significativi dipinti come la serie de La casa di Satana, di cui si conoscono varie versioni, in cui, seppur ambientate in luoghi reali come il cortile di una casa veneziana, gli ambienti sono trasfigurati e fanno emergere il senso del Male racchiuso nella realtà, oppure La monaca e il Diavolo (1922) che racconta la leggenda medievale dell'Arco dello Spavento a Firenze, dove per placare le voglie fameliche di un serpente diavolesco si costituì una comunità di religiose preposte a nutrire il mostro con degli innocenti conigli.

Il Simbolismo di Mario De Maria va comunque letto alla luce dell'ambiente culturale italiano proprio del periodo che va dagli ultimi due decenni dell'Ottocento agli anni Venti del Novecento, che vedeva nelle rievocazioni storiche e mitologiche contatti diretti con il divino.

De Maria morì a Bologna all'Ospedale Maggiore nel 1924. Si narra che il giorno prima di morire egli fuggì dall'ospedale per ammirare l'ultimo raggio di sole che colpiva la facciata della Basilica di San Petronio. Aveva fondato la Biennale di Venezia, partecipato a dieci edizioni della manifestazione e costruito la Casa dei Tre Oci che esiste ancora oggi, alla Giudecca. Nel 1909 Vittore Grubicy scrisse: «Gli artisti "a lui solo dedicati", anche con lustro di illustrazioni, si contano a decine con un accordo non solito nel nostro paese. Ne risulta in sostanza che al momento attuale dell'Arte Italiana non v'è nessun altro pittore che possa venir anteposto a Lui».

La mostra è accompagnata da catalogo monografico in italiano e in inglese completo di illustrazioni a colori e regesto completo dei dipinti conosciuti, con testi critici degli studiosi del pittore e dei contesti di fine secolo: Elena Di Raddo, Anna Mazzanti, Francesca Sinigaglia.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mario De Maria. Ombra Cara

Apertura: 21/03/2024

Conclusione: 30/06/2024

Organizzazione: Musei Civici Bologna

Curatore: Francesca Sinigaglia

Luogo: Bologna, Museo Ottocento

Indirizzo: Piazza S. Michele, 4C - 40125 Bologna

Orario: tutti i giorni 10.00-19.00

Ingressi: intero 12€ | ridotto 10€ (Card Cultura, Bologna Welcome Card, studenti, disabili e accompagnatori, gruppi dalle 7 persone in su, bambini dai 6 anni, insegnanti, giornalisti) | gratuito (bambini sotto i 6 anni e guide turistiche con patentino) | Studenti Università di Bologna sconto 50%

Per info: +39 051 498 9511 | info@mobologna.it

Catalogo: monografico italiano/inglese 

Sito web per approfondire: https://mobologna.it/



Altre mostre a Bologna e provincia

Altre arti

Stregherie. Iconografia, fatti e scandali sulle sovversive della storia

La mostra "Stregherie. Iconografia, fatti e scandali sulle sovversive della storia" arriva a Bologna, dal 17 febbraio al 16 giugno 2024, nelle splendide sale del quattrocentesco Palazzo Pallavicini. leggi»

17/02/2024 - 17/06/2024

Emilia Romagna

Bologna

Arte moderna Arte contemporanea‎ Fotografia

I preferiti di Marino. Capitolo I

"I Preferiti di Marino. Capitolo I" è la nuova mostra di Fondazione Golinelli, visitabile al Centro Arti e Scienze Golinelli di Bologna, dal 2 febbraio al 2 giugno 2024. leggi»

02/02/2024 - 02/06/2024

Emilia Romagna

Bologna

Ingresso libero

Arte contemporanea‎

Mimmo Paladino. Nel Palazzo del Papa

Nel 50esimo anniversario di Arte Fiera l'artista di fama internazionale Mimmo Paladino torna a Bologna con "Mimmo Paladino. Nel Palazzo del Papa", dal 1 febbraio al 7 aprile 2024. leggi»

01/02/2024 - 07/04/2024

Emilia Romagna

Bologna

Arte contemporanea‎

Sergio Lombardo 1960–1970

Villa delle Rose a Bologna accoglie la retrospettiva "Sergio Lombardo 1960-1970" che si concentra su un decennio decisivo nell'attività dell'artista, protagonista dell'avanguardia Pop. leggi»

28/01/2024 - 24/03/2024

Emilia Romagna

Bologna

Ingresso gratuito

Arte contemporanea‎

Greta Schödl. Il tempo non esiste

Greta Schödl, grande artista e performer austriaca, è la protagonista dell'evento espositivo Il tempo non esiste, promosso dalla Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. leggi»

26/01/2024 - 17/03/2024

Emilia Romagna

Bologna

Ingresso libero

Fotografia

Mary Ellen Bartley: Morandi's Books

Il Museo Morandi del Settore Musei Civici Bologna è lieto di presentare la mostra Mary Ellen Bartley: MORANDI'S BOOKS, a cura di Alessia Masi, prima personale in Italia della fotografa statunitense. leggi»

31/01/2024 - 07/07/2024

Emilia Romagna

Bologna

Arte contemporanea‎

Gianni Emilio Simonetti. Windows on Analogy, Finestre sull'Analogia

AF Gallery di Bologna presenta Gianni Emilio Simonetti cone "Windows in Analogy, Finestre sull'Analogia" dal 25 gennaio al 23 marzo 2024. leggi»

25/01/2024 - 23/03/2024

Emilia Romagna

Bologna

Ingresso libero in orario di apertura

Arte contemporanea‎

Sostanziale-Super-Sostanziale. Mattia Barbieri / Monica Mazzone

Dal 1 febbraio al 9 marzo 2024 Studio la Linea Verticale a Bologna presenta la mostra bi-personale "Sostanziale-Super-Sostanziale", di Mattia Barbieri e Monica Mazzone. leggi»

02/02/2024 - 09/03/2024

Emilia Romagna

Bologna

Fotografia

Giulia Marchi. Bildungsroman

LABS Contemporary Art ospita "Bildungsroman", personale di Giulia Marchi dal 13 gennaio al 3 marzo 2024. leggi»

13/01/2024 - 02/03/2024

Emilia Romagna

Bologna