SculturaMostre a Bologna

Pegah Pasyar. "Mnemosine"

  • Quando:   25/01/2024 - 11/02/2024
  • evento concluso
Pegah Pasyar. Mnemosine
Pegah Pasyar, Mnemosine, 2023, Tecnica mista, cm 50 x 50 x h 33, Foto © Marco Baldassari, Courtesy l’artista

I Musei Civici d'Arte Antica del Settore Musei Civici Bologna sono lieti di presentare, nella sede del Museo Civico d'Arte Industriale e Galleria Davia Bargellini, la mostra personale di Pegah Pasyar dal titolo "Mnemosine", a cura di Marco Baldassari. 
 


Visitabile dal 25 gennaio all'11 febbraio 2024, il progetto espositivo si inaugura mercoledì 24 gennaio alle ore 17.30 nell'ambito della dodicesima edizione di ART CITY Bologna, il programma istituzionale di mostre, eventi e iniziative speciali promosso dal Comune di Bologna in collaborazione con BolognaFiere in occasione di Arte Fiera.



Le nove sculture inedite che l'artista iraniana presenta in questa occasione - di cui sei in terracotta e tecnica mista e tre in metallo, tutte accomunate dallo stesso titolo Mnemosine - riportano lo sguardo interiore alla Memoria e al Ricordo, ad un momento dove tormento e felicità convivono.

Il lavoro di Pegah Pasyar parte dalla tradizione creativa che guarda alle antiche tecniche, come quello della miniatura persiana da lei praticata per oltre 10 anni in Iran, e alla creazione di gioielli, con una manualità che trova ispirazione nei piccoli formati. Nella cultura occidentale, la memoria torna ai piccoli giocattoli dell'infanzia che l'artista fonde nelle forme geometriche come una sintesi del mondo adulto, mentre il ferro consumato, arrugginito è l'esperienza che modifica col tempo le forme. La diversità delle forme e dei colori delle opere indica una diversità di esperienze, ciascuna con una propria vita, anche se alla base i giocattoli sono un messaggio universale di unità dei bambini di tutti i continenti. All'inizio delle vite delle persone, nell'infanzia non c'è differenza di religioni, razze, o nazioni. La forma complessiva delle sculture fluttua tra la forma geometrica regolare e l'infinito mondo infantile.



Spiega il curatore Marco Baldassari: "Già come il poeta Rilke indicava, il gioco introduce una ambiguità spazio-temporale non ordinaria. Il gioco ha in sé stesso il suo fine, come l'arte. "O ore dell'infanzia, quando /dietro alle figure c'era più del semplice / passato, e a noi dinanzi non il futuro. /...Eppure nel nostro solitario andare / quel che dura ci recava diletto e stavamo tra giocattolo e mondo, nello spazio intermedio che dal principio fondato fu per un evento puro". Tempo senza temporalità. Per questo processo si avvale del tema del riciclo e del recupero. In Pegah è sia nella tecnica con cui modella le sue forme, sia negli oggetti inseriti Già nella passata edizione di ART CITY Bologna l'artista con le opere "Voci dall'Abisso" creava il suo rapporto con la Memoria, una costanza che qui si esprime in forme geometriche che rappresentano l'età adulta che racchiude pensieri dell'infanzia. "L'Atlante Mnemosyne" di Aby Warburg, conteneva disegni, contemporanei. Uno storico dell'arte che nutriva la memoria con immagini".... leggi il resto dell'articolo»

Il dialogo con il Museo Civico d'Arte Industriale e Galleria Davia Bargellini è costruito sia all'interno del percorso creativo personale di Pasyar che attraverso il confronto con le opere conservate nelle collezioni permanenti, tra splendide marionette, ceramiche, pitture e sculture e opere realizzate da artiste donne del passato, come i dipinti di Lavinia Fontana e Ginevra Cantofoli, il ventaglio di Marta Palomba, le sculture di Clarice Vasini e i paramenti barocchi delle Putte del Baraccano.

Collocate a varie altezze su basi di tufo etrusco, le sculture di Pasyar attraversano tre sale del percorso di visita: la Sala 2, con la galleria dei dipinti, uno dei rari esempi ancora integri di collezionismo storico cittadino, che comprende opere della grande stagione tardogotica del Trecento bolognese; la Sala 6, dove si può ammirare un'elegante berlina da gara da gala da quattro posti tardo settecentesca, straordinariamente dipinta e dorata, e infine la Sala 7, con lo scenografico teatrino per marionette di ambito veneziano, in legno intagliato e dipinto, costituito da boccascena, palcoscenico, due coppie di quinte in tela e cartone dipinti a tempera, e il fondale con 74 figure maschili e femminili, 9 cavalli e 1 scimmia, in parte conservate in deposito e in parte esposte all'interno del teatrino.

Come in una wunderkammer, la contemporaneità si specchia nella storia e nei materiali che lo compongono. Nel mondo di Pegah Pasyar la meraviglia del mondo di queste sculture è la trasposizione delle infinite possibilità della mente dei bambini, dove un piccolo maiale può guidare un elicottero. Mondi fantastici di malinconica apparizione.



L'esposizione è accompagnata da una omonima pubblicazione bilingue (italiano/inglese) edita da Agenzia NFC, contenente le riproduzioni delle opere esposte introdotte da testi di Marco Baldassari e Mark Gregory D'Apuzzo. 


Note biografiche

Pegah Pasyar è nata ad Esfahan, in Iran.
Si è laureata presso l'Università di Arte e Architettura di Kashan nel corso di laurea in Artigianato. Per circa dieci anni si è formata nel disegno di Miniature e Disegno di figura, con un famoso maestro iraniano. Ha insegnato successivamente a sua volta Miniatura. Si è laureata presso la Young Jewelry Designers Association of Iran presso Teheran. Ha creato e disegnato gioielli per un suo brand. Si è laureata nel 2020 in Pittura (Arti Visive), presso l'Accademia di Belle Arti di Bologna.
Partecipazione a mostre, pubblicazioni, eventi: Bench Rest Art, a cura di Tobia Donà, Fiera di Forlì (2016); performance Human Mask, a cura di Barbara Ceciliato rassegna Cineteca di Bologna, Piazza Maggiore, Bologna, (2017); Nulla è come sembra, a cura di Claudio Rosi, Istituto Storico Parri –Museo della Resistenza, Bologna (2017); Su misura, a cura di Casagallery Itinerante, Salone del Podestà di Palazzo Re Enzo, Bologna (2018); Criminis Imago, a cura di Giuseppe Amato e Marco Baldassari, Oratorio di Santa Maria della Vita, Bologna (2020); Russi: Cantiche. Dante e la fotografia, a cura di Beatrice Buscaroli e Bruno Bandini, Russi, centro storico (2021); Catalizzatore, Spazio NFC, Rimini (2021); Tran(S)missions, a cura di Università Roma Tre, Palazzo Taverna, Roma (2021); Skying Routing, BNP, Bologna (2022); Voci dall'Abisso. Quattro artiste iraniane a Bologna, Palazzo Fava. Palazzo delle Esposizioni, Bologna (2023); Women for Freedom, a cura di Claudia Conte, B&C Tax e B&C Legal, Milano (2023); performance,'Respiro Sottoterra'. L'Iran dis-velato di Pegah Pasyar, Lapidario del Museo della Città, Rimini (2023).
Ha inoltre curato l'allestimento delle mostre La diversità dello sguardo. Villa Litta vista da Brera a cura di Marco Baldassari e Rosanna Ruscio, presso Villa Litta Borromeo, Lainate (2023) e Eclipsis al Teatro Arena del Sole, Bologna (2023-2024).

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Pegah Pasyar. "Mnemosine"

Apertura: 25/01/2024

Conclusione: 11/02/2024

Organizzazione: Musei Civici Bologna

Curatore: Marco Baldassari

Luogo: Bologna, Museo Civico d'Arte Industriale e Galleria Davia Bargellini

Indirizzo: Strada Maggiore 44 - 40125 Bologna

Inaugurazione: mercoledì 24 gennaio ore 17.30

Orario: martedì, mercoledì, giovedì 10.00-15.00 | venerdì 14.00-18.00 | sabato, domenica, festivi 10.00-18.30 | chiuso lunedì non festivi



Orario di apertura durante ART CITY Bologna (1 – 4 febbraio 2024): 
giovedì 1 febbraio 10.00-15.00 | venerdì 2 febbraio ore 14.00-20.00 | sabato 3 febbraio 10.00 – 22.00
Domenica 4 febbraio 10.00-18.30




Per info: +39 051 236708 | museiarteantica@comune.bologna.it | Instagram: @museiarteanticabologna

Catalogo: bilingue (italiano/inglese) edita da Agenzia NFC



Altre mostre a Bologna e provincia

Altre arti

Stregherie. Iconografia, fatti e scandali sulle sovversive della storia

La mostra "Stregherie. Iconografia, fatti e scandali sulle sovversive della storia" arriva a Bologna, dal 17 febbraio al 16 giugno 2024, nelle splendide sale del quattrocentesco Palazzo Pallavicini. leggi»

17/02/2024 - 17/06/2024

Emilia Romagna

Bologna

Arte moderna Arte contemporanea‎ Fotografia

I preferiti di Marino. Capitolo I

"I Preferiti di Marino. Capitolo I" è la nuova mostra di Fondazione Golinelli, visitabile al Centro Arti e Scienze Golinelli di Bologna, dal 2 febbraio al 2 giugno 2024. leggi»

02/02/2024 - 02/06/2024

Emilia Romagna

Bologna

Ingresso libero

Arte moderna

Mario De Maria. Ombra Cara

Dal 21 marzo al 30 giugno 2024, a cent'anni dalla morte il Museo Ottocento Bologna celebra la figura del pittore simbolista Mario De Maria, noto anche come "Marius Pictor". leggi»

21/03/2024 - 30/06/2024

Emilia Romagna

Bologna

Arte contemporanea‎

Mimmo Paladino. Nel Palazzo del Papa

Nel 50esimo anniversario di Arte Fiera l'artista di fama internazionale Mimmo Paladino torna a Bologna con "Mimmo Paladino. Nel Palazzo del Papa", dal 1 febbraio al 7 aprile 2024. leggi»

01/02/2024 - 07/04/2024

Emilia Romagna

Bologna

Arte contemporanea‎

Sergio Lombardo 1960–1970

Villa delle Rose a Bologna accoglie la retrospettiva "Sergio Lombardo 1960-1970" che si concentra su un decennio decisivo nell'attività dell'artista, protagonista dell'avanguardia Pop. leggi»

28/01/2024 - 24/03/2024

Emilia Romagna

Bologna

Ingresso gratuito

Arte contemporanea‎

Greta Schödl. Il tempo non esiste

Greta Schödl, grande artista e performer austriaca, è la protagonista dell'evento espositivo Il tempo non esiste, promosso dalla Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. leggi»

26/01/2024 - 17/03/2024

Emilia Romagna

Bologna

Ingresso libero

Fotografia

Mary Ellen Bartley: Morandi's Books

Il Museo Morandi del Settore Musei Civici Bologna è lieto di presentare la mostra Mary Ellen Bartley: MORANDI'S BOOKS, a cura di Alessia Masi, prima personale in Italia della fotografa statunitense. leggi»

31/01/2024 - 07/07/2024

Emilia Romagna

Bologna

Arte contemporanea‎

Gianni Emilio Simonetti. Windows on Analogy, Finestre sull'Analogia

AF Gallery di Bologna presenta Gianni Emilio Simonetti cone "Windows in Analogy, Finestre sull'Analogia" dal 25 gennaio al 23 marzo 2024. leggi»

25/01/2024 - 23/03/2024

Emilia Romagna

Bologna

Ingresso libero in orario di apertura

Arte contemporanea‎

Sostanziale-Super-Sostanziale. Mattia Barbieri / Monica Mazzone

Dal 1 febbraio al 9 marzo 2024 Studio la Linea Verticale a Bologna presenta la mostra bi-personale "Sostanziale-Super-Sostanziale", di Mattia Barbieri e Monica Mazzone. leggi»

02/02/2024 - 09/03/2024

Emilia Romagna

Bologna