Arte contemporanea‎Mostre a Venezia

Robert Indiana: The Sweet Mystery

  • Quando:   17/04/2024 - 24/11/2024
Robert Indiana: The Sweet Mystery
Robert Indiana: The Sweet Mystery, 1960-62, Oil on canvas, 72 x 60 inches (182.9 x 152.4 cm) Photo: Courtesy of Tom Powel Imaging, New York; Artwork: © 2024 Morgan Art Foundation Ltd./ Artists Rights Society (ARS), Courtesy The Robert Indiana Legacy Initiative

La mostra "Robert Indiana: The Sweet Mystery" è una nuova prospettiva su uno degli artisti più iconici al mondo. Visitabile dal 17 aprile al 24 novembre presso le Procuratie Vecchie in Piazza San Marco.

Presentata da Yorkshire Sculpture Park e curata da Matthew Lyons, "Robert Indiana: The Sweet Mystery", evento collaterale ufficiale della 60. Esposizione Internazionale d'Arte - La Biennale di Venezia, allestito presso lo storico complesso delle Procuratie Vecchie, recentemente restaurato dall'architetto David Chipperfield, vincitore del premio Pritzker.

La mostra, sviluppata con The Robert Indiana Legacy Initiative, offre una prospettiva rivelatrice sull'opera di Indiana, incentrata sui temi fondamentali della spiritualità, dell'identità e della condizione umana, essenziali per comprendere l'evoluzione creativa dell'artista. Le opere in mostra ripercorrono sei decenni della carriera di Indiana e comprendono opere giovanili significative, alcune delle quali raramente esposte.

Simon Salama-Caro, fondatore e direttore di The Robert Indiana Legacy Initiative, ha dichiarato: "Con il passare degli anni è sempre più evidente come Bob Indiana sia stato uno dei più grandi artisti della nostra epoca. Aveva la straordinaria capacità di immergersi profondamente nello spirito del suo tempo, realizzando opere complesse, innovative, stratificate e di grande intensità emotiva. È meraviglioso constatare come l'eredità artistica di Bob sia ora riconosciuta alla Biennale di Venezia, dove le sue opere possono essere apprezzate sotto una nuova prospettiva accademica".

Figura preminente dell'arte americana, Robert Indiana (1928-2018) è celebre per la serie iconica LOVE. Leader influente del Pop, si è distinto per aver affrontato rilevanti questioni sociali e politiche, inserendo nelle sue opere profondi riferimenti storici, letterari e biografici. Il titolo della mostra, The Sweet Mystery, è tratto da uno dei primi dipinti in cui Indiana ha inserito le parole, una pratica che caratterizzerà la sua carriera.... leggi il resto dell'articolo»

Clare Lilley, direttrice dello Yorkshire Sculpture Park e curatrice di Robert Indiana: Sculpture 1958-2018 (YSP 2022-23), ha dichiarato: "La reazione del pubblico all'opera di Robert Indiana testimonia la continua importanza di questo straordinario artista per nuove generazioni di persone diverse. Indiana ha risposto al mondo materiale reinventando e assemblando oggetti e immagini in un linguaggio nuovo, che amplifica le preoccupazioni politiche e sociali e promuove l'unità, l'accettazione e l'amore. La genialità di Indiana risiede nell'abilità di plasmare una poesia raffinata e decisa in forme materiali meticolosamente realizzate. È entusiasmante osservare come la sua opera interagirà con l'architettura delle Procuratie Vecchie e con un pubblico nuovo".

"Robert Indiana: The Sweet Mystery", curata da Matthew Lyons, rappresenta la più significativa esposizione dell'opera dell'artista in Italia. La mostra presenta oltre 40 opere, tra dipinti e sculture, che esplorano la condizione umana e la fede in tempi tumultuosi. Tra le opere principali esposte figurano The Sweet Mystery, EAT/DIE, Love is God e The Melville Triptych.

Matthew Lyons ha commentato: "Questa mostra esplora con meticolosa maestria l'uso che Indiana fa dell'autoreferenzialità per indagare profonde questioni metafisiche sulla natura della vita. Integrando nelle sue opere dettagli biografici intricati, Indiana crea non solo una narrazione personale ma sottolinea anche i legami duraturi con i movimenti artistici radicali del passato in America. Attraverso una selezione tematica di opere, la mostra funge da portale che introduce una nuova generazione di spettatori alla prospettiva Pop peculiare e trascendentale di Indiana, mentre affrontano i loro pressanti dilemmi esistenziali in questo secolo".

La mostra è ospitata al secondo piano delle Procuratie Vecchie, mentre il terzo piano è stato dedicato da Generali alla Home of The Human Safety Net e alla mostra interattiva "A World of Potential", un hub aperto alla comunità internazionale che tratta i temi dell'inclusione sociale, dell'innovazione e della sostenibilità.

Il catalogo della mostra sarà completamente illustrato e includerà nuovi studi sull'opera dell'artista, con contributi di Clare Lilley, Allan Schwartzman e Matthew Lyons.

Note biografiche

Robert Indiana
Dopo un'infanzia itinerante nel Midwest americano e una formazione artistica a Chicago e in Europa, Robert Indiana giunge a New York nel 1954 utilizzando ancora il suo nome di battesimo, Robert Clark. Due anni dopo, un incontro fortuito con Ellsworth Kelly modifica il corso personale e professionale della sua giovane esistenza.

Si ritrova ben presto a vivere in un loft a Coenties Slip, un'area decadente di Lower Manhattan, dove i resti di un vivace passato marittimo si confondono con il fiorente settore finanziario. Avendo scarsi mezzi per il materiale artistico, Indiana crea assemblaggi usando i residui dell'attività portuale circostante, sviluppando parallelamente un linguaggio pittorico bidimensionale, in dialogo con l'affiatata comunità di vicini, tra cui artisti d'avanguardia come Kelly, Agnes Martin, James Rosenquist, Cy Twombly e Jack Youngerman. Durante questo periodo di fervore, in un atto di reinvenzione e rinascita si ribattezza con il nome del suo stato natale, l'Indiana. All'inizio degli anni Sessanta, realizza tele audaci, caratterizzate da geometrie pure, testi e numeri in toni non modulati, in risposta alla cultura visiva di un consumismo sempre più pervasivo. Le sue opere, ricche di reminiscenze personali e dettagli biografici, esplorano interrogativi universali sulla condizione umana e sulla fede in epoche turbolente, affrontando contemporaneamente temi legati all'identità queer e al sé. La sua peculiare forma di Pop art rappresenta un'estensione del radicalismo americano, attingendo alle radici dei trascendentalisti del XIX secolo e alla sperimentazione formale dei primi modernisti. Attraverso una selezione mirata che abbraccia oltre cinquant'anni di produzione artistica, comprese molte opere giovanili raramente esposte, Robert Indiana: The Sweet Mystery presenta Indiana a un nuovo pubblico, invitandolo a riflettere su questioni metafisiche di fronte alle sfide del XXI secolo.

Yorkshire Sculpture Park
Fondato nel 1977, YSP è un centro internazionale unico di scultura moderna e contemporanea. È un ente benevolo e un museo, situato nella tenuta di Bretton Hall, una proprietà del XVIII secolo che si estende su oltre 200 ettari nel West e South Yorkshire. Con un programma culturale straordinario, mostre itineranti e sculture permanenti e temporanee integrate nel paesaggio, nel corso della sua storia YSP ha collaborato con più di 1.000 artisti provenienti da oltre 40 Paesi. Tra questi Ai Weiwei, Fiona Banner, Tony Cragg, Leonardo Drew, Barbara Hepworth, Damien Hirst, Robert Indiana, KAWS, Lindsey Mendick, Henry Moore, Annie Morris, David Nash, Sean Scully, Chiharu Shiota, Yinka Shonibare CBE, David Smith, James Turrell, Joana Vasconcelos, Bill Viola ed Erwin Wurm.

The Robert Indiana Legacy Initiative

Fondata nel 2022, The Robert Indiana Legacy Initiative si impegna a diffondere la conoscenza e l'apprezzamento per la vastità e la profondità dell'opera di Robert Indiana. Rivolta a curatori, studiosi, collezionisti, professionisti del mercato dell'arte e al grande pubblico, The Robert Indiana Legacy Initiative gestisce una collezione e un archivio delle opere dell'artista, promuove e sostiene mostre e installazioni pubbliche, assiste e promuove la ricerca accademica su Indiana e la sua carriera artistica; gestisce il sito web http://ww.robertindiana.com/ e pubblica una newsletter.

Procuratie Vecchie

Le Procuratie Vecchie sono state aperte al pubblico per la prima volta in 500 anni di storia nel 2022, dopo un'importante opera di restauro a cura di David Chipperfield, commissionata da Generali e diretta da Generali Real Estate. Il terzo piano ospita la sede di The Human Safety Net, fondazione attiva in 26 Paesi per liberare il potenziale di chi vive in condizioni di vulnerabilità. La mostra permanente "A World of Potential" e l'Art Studio sono concepiti come un'esperienza che guida i visitatori alla scoperta della combinazione unica dei punti di forza caratteriali individuali, consentendo loro di riconoscere le migliori qualità nelle persone che li circondano.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Robert Indiana: The Sweet Mystery

Apertura: 17/04/2024

Conclusione: 24/11/2024

Organizzazione: Yorkshire Sculpture Park

Curatore: Matthew Lyons

Luogo: Venezia, Procuratie Vecchie

Indirizzo: P.za San Marco, 105 - 30124 Venezia

Sito web per approfondire: http://ww.robertindiana.com/



Altre mostre a Venezia e provincia

Arte contemporanea‎

Renzo Marzona. Segni del Tempo

La Galleria Arte, Spazio e Tempo ospiterà la mostra dell'artista Renzo Marzona che raccoglie il lavoro selezionato degli ultimi dodici anni. leggi»

08/03/2024 - 23/03/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporanea‎

Chiara Dynys. Lo stile

Dal 20 Aprile al 15 Settembre 2024, contestualmente alla 60esima Biennale d'Arte di Venezia, la Galleria Internazionale di Arte Moderna, ospita la personale di Chiara Dynys "Lo Stile". leggi»

20/04/2024 - 15/09/2024

Veneto

Venezia

Fotografia

Re-Emerging Venezia. Beyond Lockdown

Gaby Wagner, Sophie Fauchier e Val Masferrer-Oliveira, le opere fotografiche rappresentano il contributo artistico a Re-Emerging, osservatorio sul post pandemia a Venezia e in Laguna. leggi»

01/03/2024 - 15/03/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporanea‎

Gaia il pianeta vivente. Oksana Kolosyuk / Tatyana Chaar

Fino al 9 marzo 2024 International D’E.M. Venice Art Gallery a Mestre presenta "Gaia. Il pianeta vivente", due mostre personali delle artiste Tatyana Chaar e Oksana Kolosyuk. leggi»

10/02/2024 - 09/03/2024

Veneto

Venezia

Fotografia Installazioni

The Rivus Altus Cronorama in 10 years by Max Farina

"The Rivus Altus Cronorama in 10 years by Max Farina", installazione fotografica in mostra dal 7 febbraio al 4 aprile 2024 al Fondaco dei Tedeschi a Venezia. leggi»

07/02/2024 - 04/04/2024

Veneto

Venezia

Ingresso libero

Arte contemporanea‎

Giovanna Rigattieri. Pittoriche Contemplazioni

Spazio Thetis a Venezia presenta la mostra di Giovanna Rigattieri, "Pittoriche Contemplazioni", visitabile dal 16 febbraio al 3 aprile 2024. leggi»

16/02/2024 - 03/04/2024

Veneto

Venezia

Grandi Personaggi

Jean Cocteau. La rivincita del giocoliere

Dal 13 aprile al 16 settembre 2024 la Collezione Peggy Guggenheim presenta "Jean Cocteau. La rivincita del giocoliere", prima, grande retrospettiva realizzata in Italia dedicata al grande artista. leggi»

13/04/2024 - 16/09/2024

Veneto

Venezia

Altre arti

Marco Polo 700. I mondi di Marco Polo

In occasione delle celebrazioni per i 700 anni della morte di Marco Polo, Venezia dedica al grande viaggiatore un'importante mostra a Palazzo Ducale dal 6 aprile al 29 settembre 2024. leggi»

06/04/2024 - 29/09/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporanea‎

Moor Gianluca Balocco. Venice Skin & Floating Eros

Palazzo Donà dalle Rose di Venezia presenta "Venice Skin & Floating Eros" di Moor Gianluca Balocco 28 gennaio al 25 febbraio 2024. leggi»

28/01/2024 - 25/02/2024

Veneto

Venezia

ingresso gratuito