FotografiaMostre a Vicenza

Tommaso Pitton. ICE-land

  • Quando:   23/02/2024 - 30/03/2024
  • evento concluso
Tommaso Pitton. ICE-land

Attraverso una ventina di scatti, esposti al Punto Ottico Human Eyes di Contrà santa Barbara a Vicenza fino al 30 marzo prossimo, il fotografo e architetto Tommaso Pitton porta su stampa fine art il suo senso del sublime, nato dal confronto con la natura primordiale e selvaggia del paesaggio islandese - terra dove l'acqua è presenza preponderante sia essa allo stato solido, liquido o gassoso.

Dopo aver gestito per 10 anni lo spazio culturale Cantiere Barche 14 nel cuore di Vicenza, per il quale ha selezionato svariati artisti e progetti culturali, Pitton ritorna a esporre in città con il progetto fotografico ICE-land.

Scatto dopo scatto, la mostra accompagna in un percorso che porta a galla sensazioni che richiamano un primitivo confronto con una natura indomita, dove l'uomo non può che entrare in punta dei piedi, restare ai bordi per osservare tutta la sua potenza e provare a non esserne risucchiato.

Il suo incontro con questa terra è quindi racchiuso in queste immagini dove la forza di una natura che non fa sconti - né a chi ci vive, né a chi prova a fotografarla – si percepisce in modo evidente. Si coglie nei colori morbidi della terra e del cielo, nel contrasto del bianco e nero di acqua e roccia vulcanica, nella luce e nel senso di quiete.

L'Islanda esce qui vittoriosa di una lettura rispettosa e delicata che affascina, dove ogni fotografia racconta di un incontro che racchiude a sua volta tanti piccoli incontri con cui Pitton si è dovuto misurare: il freddo pungente, la luce abbagliante e il riflesso del mare, il vapore umido dei geiser, il rumore assordante delle cascate e l'immobile regalità dei ghiacciai.... leggi il resto dell'articolo»

Se l'artista dichiara apertamente una predilezione per la figura umana, che ama ritrarre come testimonianza di quell'intesa naturale che nasce tra soggetto fotografato e fotografo, qui Pitton si misura con un rapporto i cui equilibri si spostano su un piano cerebrale.

È lui, solo, di fronte al sublime naturale che lo sfida e lo induce a mettere a nudo tutta la sua sensibilità, non ci sono sconti quando si fotografa qualcosa di eccelso e spettacolare: il confine che separa un risultato banale da uno scatto che si eleva a un piano di universalità è sottile.

Tanto nel gioco di riflessi delle nuvole sull'acqua, quanto nella scelta compositiva e cromatica, Tommaso Pitton mette in ogni foto un po' di quel confronto che si è trovato per forza di cose a fare con se stesso nel momento in cui ha scelto di misurarsi con un paesaggio che porta all'introspezione.

Ice Land

L'assenza di figura umana in questo progetto è certamente evidente, senza, tuttavia, far sentire il vuoto della sua mancanza, perché lascia spazio alla luce, all'isolata presenza di un edificio bar/ristorante, o al dialogo tra il cimitero recintato nel nulla con il traliccio dei cavi dell'alta tensione, e ancora ai piccoli e robusti cavalli islandesi dalle folte criniere che vagano liberi e selvaggi.

In questa mostra, c'è sì l'Islanda che uno si aspetta con i suoi elementi iconici famosi in tutto il mondo, ma c'è anche l'onestà umana del sentirsi piccoli con tutti i sensi sovra-stimolati – come la nostra memoria oramai non ricorda più – a interrogarci sulla necessità di saper aprire gli occhi e la mente e mettere dentro all'immagine anche quel sé che torna a casa con un bagaglio emotivo e di riflessioni che ti hanno inevitabilmente cambiato.

Cenni biografici

Vicentino, classe 1972, Tommaso Pitton è architetto, laureato allo IUAV di Venezia.
Ha seguito il corso di Fotografia del Prof. Italo Zannier e lavorato per otto anni come assistente del fotografo Beppe Calgaro, specializzandosi in fotografia di moda e industriale.
Dal 2000 svolge la professione di architetto, solo dal 2011 ha recuperato in modo continuativo la passione per la fotografia riuscendo a coniugare la due attività, aprendo quest'ultima anche al campo artistico.
Nel Febbraio 2011 ha esposto per la prima volta in una personale intitolata "Carnevale e vita" presso lo spazio Galla Caffé di Vicenza. A Maggio 2011 ha realizzato un servizio fotografico per la mostra "Un coro a tre voci" oggetti e architetture di De Pas D'Urbino Lomazzi organizzata dall'ISAI presso il Lanificio Conte di Schio, finalizzato alla pubblicazione di un catalogo fotografico della mostra. Nello stesso anno ha partecipato alla mostra "Sguardi" presso l'Ex Fabbrica Saccardo di Schio.
Nel 2012 ha realizzato un servizio fotografico per i designer D'Urbino e Lomazzi alla Triennale di Milano durante il Salone del Mobile, cui ha fatto seguito una pubblicazione "I Protagonisti del Design" Hachette editrice, ed un servizio fotografico al Politecnico di Milano.
Dal 2013 al 2023 ha gestito lo spazio espositivo Cantiere Barche 14 nel cuore di Vicenza dove ha organizzato esposizioni, concerti, presentazioni di libri, spettacoli di danza e teatro.
Nel Maggio 2013 ha partecipato, su invito, alla fiera internazionale di fotografia "PHOTISSIMA ART FAIR 2013" di Venezia. Sempre nello stesso anno ha realizzato un servizio fotografico e video sulla realizzazione del "Gioiello di Vicenza", modellino tridimensionale in argento della città (riedizione di quello andato distrutto dalle Truppe Napoleoniche). Le fotografie sono state pubblicate su Vicenza Vogue e mandate in onda in una trasmissione televisiva sull'artigianato Vicentino.
Nel 2015 ha realizzato un importante servizio fotografico per l'Hotel Vergilius e per il Centro Benessere a esso collegato con pubblicazioni su diverse riviste di settore e non.
Nel 2017 ha partecipato all'esposizione "Personal Relations" al Pulchri Studio, Aia (Holland); a The London Group, London (England); Galleria Mirror, Vicenza (Italia) ed nello stesso anno è stato anche ospite speciale del Curatore Giorgio Grasso alla "Triennale della fotografia Italiana" Ca' Zenobio (Padiglione Armenia della 57sima Biennale d'Arte) Venezia.
Nel 2018 ha partecipazione all'esposizione "fotografare il vetro – Shooting the glass", Al Padiglione del Vetro, Scoletta di S. Giovanni in Bragora – Venezia a cura di Lisette Caputo.
Nel 2021 ha partecipato al progetto Espositivo "Dameged Daughters", basato su un'idea di Nagita Sykes, presidente dell'associazione culturale americana "Vicenza Women of Color".
Collabora con alcuni artisti fotografando le loro opere attraverso una sua personale interpretazione tesa non alla semplice illustrazione ma alla comunicazione delle emozioni che le opere trasmettono.

Punto Ottico Humaneyes
Da più di 30 anni opera nel settore dell'ottica, accompagnando le persone in un percorso completo, dalla personalizzazione della lente per un comfort incondizionato alla scelta della montatura più idonea.
Il suo staff di ottici optometristi, professionisti con specifica formazione, è esperto della visione e delle disfunzioni della funzione visiva in grado di misurare con precisione i difetti visivi, compensandoli con strumenti specifici. Investe in tecnologia e formazione continua con l'obiettivo realistico di mettere a disposizione un servizio altamente specializzato nel controllo optometrico. Sceglie produttori di eccellenza, che prediligono materiali di alta qualità e lavorano con gli artigiani migliori. Le collezioni sono esito di filiera produttiva certificata e riuniscono qualità tecniche, etiche ed estetiche imprescindibili per il suo progetto.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Tommaso Pitton. ICE-land

Vicenza, Punto Ottico Humaneyes

Apertura: 23/02/2024

Conclusione: 30/03/2024

Organizzazione: Punto Ottico Humaneyes

Indirizzo: Contrà Santa Barbara 25 - Vicenza

Inaugurazione: venerdì 23 febbraio ore 18,30

Sito web per approfondire: https://www.puntoottico.it



Altre mostre a Vicenza e provincia

Arte contemporaneamostre Vicenza

Vision

Dal 16 al 26 maggio in Villa Bonin Maistrello a Vicenza, si terrà la mostra collettiva "Vision" promossa dall'associazione culturale Fix Talent Art. leggi»

16/05/2024 - 26/05/2024

Veneto

Vicenza

Ingresso gratuito

Arte contemporaneamostre Vicenza

Sabino Galante. Veritas

La mostra Veritas di Sabino Galante inaugura il 20 aprile 2024, alle ore 18:30, presso la suggestiva cornice di Villa Caldogno, situata in via Giacomo Zanella, Caldogno (VI). leggi»

20/04/2024 - 10/05/2024

Veneto

Vicenza

Arte contemporaneamostre Vicenza

Marisa Gramola e Lorenzo Lovo. Omaggio al critico d'arte Salvatore Fazia

Dal 6 al 21 aprile 2024 la galleria d'arte Artù-Artisti Uniti di Vicenza presenta la mostra di pittura di Marisa Gramola e Lorenzo Lovo quale "Omaggio al critico d'arte Salvatore Fazia". leggi»

06/04/2024 - 21/04/2024

Veneto

Vicenza

Ingresso libero

Arte contemporaneamostre Vicenza

POP/BEAT – Italia 1960-1979. Liberi di Sognare

"POP/BEAT – Italia 1960-1979. Liberi di Sognare", la grande mostra in Basilica Palladiana a VIcenza celebra la libertà, i sogni e la bella rivoluzione dal 2 marzo al 30 giugno 2024. leggi»

02/03/2024 - 30/06/2024

Veneto

Vicenza

Designmostre Vicenza

SERIE UNICA | Craft Design Made in Veneto

Sabato 6 aprile 2024 a Bassano del Grappa (VI) si inaugura SERIE UNICA | Craft Design Made in Veneto una mostra di oggetti ispirati alle eccellenze del territorio. leggi»

06/04/2024 - 21/04/2024

Veneto

Vicenza

Arte del Rinascimentomostre Vicenza

Rinascimento in bianco e nero. L’arte dell'incisione a Venezia (1494–1615)

Dal 2 marzo al 23 giugno 2024, i Musei Civici di Bassano del Grappa propongono "Rinascimento in bianco e nero. L’arte della stampa a Venezia (1494–1615)", in mostra capolavori imperdibili. leggi»

02/03/2024 - 23/06/2024

Veneto

Vicenza