Arte contemporaneaMostre a Milano

Armin Boehm. Et les yeux pour me dire

  • Quando:   04/04/2024 - 11/05/2024
Armin Boehm. Et les yeux pour me dire
Armin Boehm, TBT, olio e tessuto su tela 2024. Courtesy l'Artista e Francesca Minini, Milano

La galleria Francesca Minini a Milano inaugura "Et les yeux pour me dire", personale di Armin Boehm, dal 3 aprile all'11 maggio 2024.

Si tratta della prima personale in Italia del pittore tedesco.
In mostra nove tele di grande formato a tracciare i confini dell'universo poetico dell'artista, un percorso in una realtà notturna e misteriosa di cui il paesaggio è assoluto protagonista. Vedute a volo di uccello sulla città, spazi illuminati da luci artificiali o dal chiarore delle stelle, luoghi magici e allo stesso tempo sinistri sono i soggetti di queste opere.

Il visitatore osserva panorami dal cromatismo seducente in cui fin dall'inizio si percepisce come una nota inquietante, una sorta di sottile tensione che ricorre in tutti i lavori.
Si tratta di ambienti apparentemente anonimi che in realtà l'artista ha selezionato con cura. Boehm decide infatti di rappresentare luoghi fortemente connotati, teatri di vicende di cronaca, località in qualche modo emblematiche.

Untitled (Genua Riot), Untitled (Qandahar) o Untiled (Zhwar Kili Base), sono alcune delle opere esposte, a testimoniare come il reale, la cronaca, sia il punto di partenza dell'artista; dagli spazi delle rivolte di piazza durante il G8 a Genova ai campi di addestramento dei terroristi, dai laboratori nucleari alla serie delle carceri, si tratta di luoghi che non riusciamo ad identificare precisamente, ma che popolano l'immaginario contemporaneo.

Un'atmosfera sospesa pervade la pittura di Boehm, un clima misterioso, magico, in bilico tra ricordo e finzione scenica ottenuta con meticolose sovrapposizioni di colore. Il prezioso uso della luce accentua ulteriormente il carattere enigmatico delle opere trasfigurando il dato reale in qualcosa tra il sogno e la memoria.
Armin Boehm dipinge storie, il paesaggio è lo spunto per una narrazione evocativa che procede per suggestioni. Un racconto che non diventa mai esplicito ma resta suggerimento, sussurro.... leggi il resto dell'articolo»

L'opera di Boehm si colloca nel solco modernista della critica scettica verso l'utopia positivistica e tecnologica. Tra i motivi centrali di questo modernismo dai toni cupi spicca quello del corpo dilaniato, spezzato o distorto, il "body in pieces" in cui la storica dell'arte Linda Nochlin ha ravvisato la metafora principale dell'epoca moderna. Si tratta di un modernismo che scansa la via maestra dell'astrazione e che, lungi dal reprimere l'aspetto letterario, narrativo, lo esibisce invece in modo deliberato. Una modernità "altra" è anche quella delle comunità gay e lesbiche, a cui Armin Boehm rende omaggio con la sua "Queer Orgy". Tra i volti dei festanti si riconoscono quelli di Leigh Bowery, Freddie Mercury, Klaus Nomi, Robert Mapplethorp e Patti Smith, mentre il DJ alla consolle è Michel Foucault. Ma dietro l'euforia sfrenata del festino incombono malattia e morte. Molti dei personaggi raffigurati sono morti di AIDS negli anni Ottanta e Novanta.

Nonostate rappresenti in varie opere persone e situazioni note, Boehm non può essere definito un artista politico in senso stretto, nonostante sia ricorrente la messa in scena di situazioni ambigue, i cui attori alludono in maniera velata a politici del nostro tempo. Come ad esempio nel dipinto The Open Eyes of the Death, che ci accoglie sulla grande vetrata all'ingresso, in cui la figura di Donald Trump si staglia su tutti gli altri personaggi dell'affollata scena. Ambientata in una situazione di relax e tempo libero, sullo sfondo della città di Los Angeles con le sue colline, la sua vegetazione esotica e i suoi locali, la narrazione cela inquietanti possibili risvolti suggeriti da alcuni elementi come il ragazzo fasciato di dinamite, la donna sdraiata che mette volgarmente in mostra le sue nudità, e i molti volti sdoppiati dei personaggi. Ricorrente in molte opere di Boehm è la figura del Giano Bifronte, simbolo del lato oscuro che spesso ignoriamo dietro la sfavillante facciata. Il dipinto, risalendo a mesi prima dell'elezione di Trump a presidente, sembra oggi una tragica premonizione dell'artista.

I riferimenti più espliciti alla nostra contemporaneità, non scalfiscono il potere dei personaggi di apparire sempre eterni nella loro alienazione e indeterminatezza. Composizioni oniriche e surreali, prodotto di visioni e paure non solo collettive, ma anche personali, popolano le tele di Boehm. Così molte delle scene raffigurate, affollate da soggetti ritratti in una forte continuità con il contesto alle loro spalle, sono spesso il frutto della rielaborazione di suoi sogni.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Armin Boehm. Et les yeux pour me dire

Francesca Minini, Milano

Apertura: 04/04/2024

Conclusione: 11/05/2024

Organizzazione: Francesca Minini

Indirizzo: via Massimiano 25 - 20134 Milano

Inaugurazione: 3 aprile 18.00-21.00

Orario: martedì-sabato 11.00-19.00

Per info: +39 0226924671 | info@francescaminini.it



Altre mostre a Milano e provincia

Arte contemporaneamostre Milano

Giuseppe Veneziano. Art Design

La galleria Fabbrica Eos ospita, nel suo spazio di Viale Pasubio 8/a, dal 5 aprile all'11 maggio 2024 la mostra personale di Giuseppe Veneziano dal titolo ART DESIGN. leggi»

05/04/2024 - 11/05/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporanea Designmostre Milano

What? A homage to Alessandro Mendini by Philippe Starck

Triennale Milano ospita nell'Impluvium, dal 16 aprile al 16 giugno 2024, un'installazione ideata da Philippe Starck. leggi»

16/04/2024 - 16/06/2024

Lombardia

Milano

Designmostre Milano

Design Beyond East and West

Dal 16 aprile al 5 maggio 2024, Milano celebra il140° anniversario delle relazioni diplomatiche tra Corea e Italia con la mostra "Design Beyond East and West". leggi»

16/04/2024 - 05/05/2024

Lombardia

Milano

Fotografiamostre Milano

Robin Lopvet. Living Certosa

Dal 16 aprile a fine giugno 2024 arrivano al Milano Certosa District i grandi collage fotografici open air dell'artista Robin Lopvet, con la mostra diffusa "Living Certosa" a cura del collettivo Kublaiklan. leggi»

16/04/2024 - 30/06/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Haris Epaminonda vol. XXXI: Futurism Drama

Dal 10 aprile al 12 maggio 2024 presso il Museo del Novecento di Milano inaugura "VOL. XXXI: Futurism Drama", intervento site-specific dell'artista cipriota Haris Epaminonda. leggi»

10/04/2024 - 12/05/2024

Lombardia

Milano

Designmostre Milano

Iconic Women. Solo show by Domenico Pellegrino

"Iconic Women" dell'artista siciliano Domenico Pellegrino: dieci icone pop per dieci racconti, per dieci voci femminili che regalano un'anima alle installazioni luminose. leggi»

15/04/2024 - 26/04/2024

Lombardia

Milano

Designmostre Milano

KUO DUO. WORD PLAY: OBJECTS

In occasione della Milano Design Week 2024, Lapalma presenta la mostra "WORD PLAY: OBJECTS", prima personale a Milano dei KUO DUO. leggi»

15/04/2024 - 21/04/2024

Lombardia

Milano

Designmostre Milano

ALL IS WELL- GUESS WHO I AM?

Per il Fuorisalone 2024 in occasione della Milano Design Week nel Tortona Design District, lo Spazio Model+Studio di Via Novi ospiterà l'ambizioso evento espositivo ALL IS WELL- GUESS WHO I AM? leggi»

16/04/2024 - 21/04/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Italia 70. I nuovi mostri

70 artisti invadono le strade di Milano con "Italia 70. I nuovi mostri", il progetto di Fondazione Nicola Trussardi in concomitanza con miart, l'Art Week e la Design Week. leggi»

08/04/2024 - 22/04/2024

Lombardia

Milano