Arte contemporaneaMostre a Milano

Women in Art – Abstract

  • Quando:   02/03/2024 - 30/03/2024
  • evento concluso
Women in Art – Abstract

lo spazio espositivo Atelier Balderi dell'Archivio Iginio Balderi di Milano, via Ausonio 20, ospita la mostra "Women in Art – Abstract" realizzata grazie ad una collaborazione con la fondazione olandese Galerie Conny van Kasteel e l'Atelier Balderi.

La mostra, che raccoglie oltre 70 opere, è curata dall'artista visiva e curatrice Karin van Bodegom, che ha già maturato esperienze con altre artiste olandesi alla Fondazione Galerie Conny van Kasteel riscontrando un buon successo di pubblico e critica. Questa mostra è anche dedicata alla Giornata Internazionale della Donna, che si celebra in tutto il mondo l'8 marzo; infatti, anche nell'arte è importante che le artiste siano viste, ascoltate e apprezzate e l'arte astratta ha una ricca tradizione e storia di artiste molto attive ancora oggi.

Le artiste che presentano le loro opere a Milano sono:

Ada van Wonderen | Anneke Helder | Annemiek van Kollenburg | Babette Treumann | Gerda Kruimer | Gerda Schimmel | Joke Vink | Manja Hazenberg | Nelleke Bosland | Nelleke Hulsen | Nies de Vuijst | Talitha Schiffer.

Dodici donne che come Karin, anche lei presente nella mostra con alcune opere, lavorano nella tradizione dell'arte astratta. Un'indagine che riguarda l'interazione tra composizione, forma, linea, colore, superficie, luce, geometria, griglie, strutture, motivi e materiale utilizzando diverse tecniche.... leggi il resto dell'articolo»

La curatrice Karin van Bodegom ha seguito la sua formazione in disegno e pittura a Utrecht e Amsterdam e ha studiato anche olandese e storia dell'arte. Dal 2008, Karin è attiva come organizzatrice/curatrice delle mostre "Urban Landcapes", delle Manifestazioni astratte ad Alkmaar, delle mostre "Abstract in Image" e delle mostre "Women in Art". È anche membro dell'associazione degli artisti De Boterhal di Hoorn, dove è anche presidente del comitato espositivo, ed è anche membro del Kunstenaars Centrum di Bergen.

Note biografiche

Ada Van Wonderen
Ada van Wonderen vive e lavora ad Amsterdam.
Negli ultimi anni ha lavorato principalmente nella pietra naturale. Lei ha davvero deciso di farlo. Del suo lavoro dice: Voglio dare spazio alla pietra per mostrarsi come indipendenza.
Le mie sculture in pietra, con il loro linguaggio formale geometrico, si riferiscono solo a se stesse. Sono così autonomi nella loro astrazione che sembra che abbiano deciso di stare in piedi, sdraiati o seduti.

Anneke Helder
I miei quadri sono solitamente realizzati su tela. Nel mio lavoro pratico l'arte dell'omissione per poi rivelare l'essenza. È, per così dire, ridotto a forme e segni altamente astratti e "semplici". Anche l'uso sobrio del colore è caratteristico e non fa che rafforzare l'apparente semplicità. Il mio lavoro è una ricerca di equilibrio nella crescita, nel cambiamento, nel movimento, nel flusso, nella pace, nella quiete, nell'approfondimento.

Annemiek Van Kollenburg
La mia fonte di ispirazione è l'architettura. Ciò che mi ispira è il grande gesto degli edifici.
Costruisco con lastre di argilla. Le mie immagini hanno forma geometrica. Il riferimento letterale dell'architettura. Forma nello spazio, ombra contro luce. Quello che cerco è sobrietà, tranquillità. Costruttivo e minimalista. Viene mostrato l'essenziale, la stretta necessità. L'enfasi è sulle relazioni matematiche tra le superfici. Le immagini riguardano la forma, la geometria e la luce.

Babette Treumann 
Finora il mio lavoro è sempre stato dentro una cornice: un quadrato, un rettangolo, con o
senza cornice, e all'interno della superficie piana. Con le tecniche laser posso realizzare forme che emergono dalla superficie piana e dai rettangoli calibrati.
I colori esaltano la suggestione spaziale. Il dipinto è stratificato per ammorbidire la rigidità delle forme. L'opera mostra un'indagine coscienziosa sulla forma e sul colore. Un'ampia varietà di prospettive, dalle forme geometriche più astratte, a un modo di lavorare libero. Nel corso degli anni il suo lavoro è stato di qualità costante.

Gerda Kruimer 
Numerose opere di Gerda Kruimer si basano su una griglia identica o sulle sue variazioni su un tipo ridotto all'essenza. Nelle sue opere indaga principalmente la griglia stessa come portatrice di significato e contenuto. Strutture, pattern, sistemi, percezione, interazione tra spazio interno ed esterno, elementi di luce e ombra che riflettono una consapevolezza spaziale che caratterizza le sue opere. Gerda Kruimer crea mostre ed esposizioni di arte visiva nei Paesi Bassi e all'estero. Il suo lavoro abbraccia collezioni pubbliche e private.

Gerda Schimmel 
Gerda Schimmel è un'artista tessile olandese che vive e lavora vicino alle dune e al mare, dove trova la sua ispirazione. Per il suo lavoro, infila strisce di tessuto in oggetti indipendenti. Infilature e piegature meticolose creano forme che sembrano riferirsi a elementi naturali. Schimmel rivela la potenza della materia, trasformando il tessuto
trasparente in una pelle resistente. Questo processo unico, un'nterazione di ispirazione e intuizione, si traduce in opere d'arte che sembrano sfidare la gravità. Il suo lavoro invita all'interpretazione e rivela la bellezza oltre la superficie.

Joke Vink
Pietre, acqua, piante e alberi sono solitamente la fonte di ispirazione per i dipinti di Joke Vink. Vernice, inchiostro e materiali vari sono i mezzi visivi con cui dà forma alle sue tele. Un riferimento alla realtà, con una sua identità, il che fa sì che il suo lavoro possa spesso essere classificato nell'ambito dell'astratto lirico o organico.

Karin Van Bodegom
Il lavoro di Karin van Bodegom riguarda principalmente la composizione, il ritmo, la ripetizione, la struttura e la trama, più che una rappresentazione realistica. Nel suo lavoro astratto ricerca l'armonia nel movimento e nel riposo. La ripetizione della monocromicità in (piccoli) elementi evoca la riflessione. Gli astratti geometrici si basano sull'uso di forme geometriche a volte, ma non sempre, collocate in uno spazio non illusionistico e combinate in composizioni non oggettive (non rappresentative). I punti o punti (basati sul Puntinismo e sulla Minimal Art) in diverse opere sono il risultato di elementi non oggettivi nell'arte come composizione, colore, linea, punti e superficie.

Manja Hazenberg
I miei lavori sono geometricamente astratti. Le dimensioni sono solitamente basate sulla serie di Fibonacci. È un gioco ritmico di forma e forma residua. Le ombre svolgono un ruolo importante. A volte realizzo una composizione di elementi quasi identici, dove l'insieme è più della somma delle parti. I pezzi sono realizzati in zinco. Sono costituiti da parti segate che vengono saldate. Quindi gli oggetti sono cavi e non pesanti.
Mettendo in risalto la forza espressiva della materia, la superficie viene lavorata con acidi o foglia oro. Questo crea contrasti di consistenza e colore.

Nelleke Bosland
Nelleke Bosland crea mondi alienanti con nastri adesivi e animazioni video. Linee e ombre dai colori vivaci danzano e cadono ritmicamente insieme, le superfici riflettenti creano una ripetizione confusa. Espone a Women in the Arts a Milano: l'installazione Vast (2021) con schermi diversi con la stessa animazione video su tutti gli schermi a un ritmo mutevole.
- Disegni su nastro adesivo su plexiglass (2023) fissati a parete con distanziatori trasparenti. Il
colore del vetro è visibile come un'ombra sul muro.
- Disegni su nastro su carta fotografica e vetro (2023)

Nelleke Hulsen 
Penso e lavoro in un'area che va oltre il linguaggio, oltre le parole.
Il mio lavoro non ha bisogno di raccontare storie e non è una forma di espressione; è principalmente inteso come una formalità visiva. In contrasto con l'intuitivo, l'emotivo, preferisco rivolgermi al lato più razionale di me stessa. Creare ordine, omettere il superfluo, estetica e progettazione sono elementi fondamentali nel mio lavoro. Sembra una forma di sopravvivenza in un mondo di caos ed emozioni.
Nel mio lavoro utilizzo fibre o tessuto come materiale, ma anche la tecnica della tessitura che interagisce con la forma può essere un importante punto di partenza; la morbidezza del tessuto, che in combinazione con le forme geometriche e l'uniformità dell'arte, formano un tutt'uno. I miei lavori presentano più strati di tessuto intrecciato contemporaneamente; questi strati si incrociano e sono collegati tra loro.

Nies De Vuijst 
Per De Vuijst ogni opera è una nuova indagine sulla tela. Il processo di pittura in sé, come affronta la vernice, il pennello, il colore e la superficie. La creazione di un dipinto è un processo intuitivo in cui prende come punto di partenza contraddizioni come orizzontale-verticale, movimento e immobilità, struttura e trasparenza. Mentre dipinge, fa costantemente considerazioni sulla composizione e sul colore. Questo continua finché tutto finalmente va a posto ed esiste. Un'immagine che parla da sola.

Talitha Schiffer 
Talitha ha iniziato la sua carriera in architettura ma ha continuato il suo percorso dopo 10 anni nelle arti visive. Il suo casting ha una firma architettonica abbastanza forte in cui mette in discussione la coesistenza di apparenti contraddizioni. Il disegno avviene nello spazio negativo e si manifesta in quello positivo. La serie PARTS in legno inizia sempre da un solido che è stato segato in parti su misura. Con queste parti è sempre possibile realizzare nuove configurazioni.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Women in Art – Abstract

Milano, Atelier Balderi

Apertura: 02/03/2024

Conclusione: 30/03/2024

Curatore: Karin van Bodegom

Indirizzo: Via Ausonio, 20 - 20123 Milano

Opening: sabato 2 marzo ore 18.30

Orario: mercoledì-sabato ore 15.00-19.30

Per info: archivio@iginiobalderi.org | +39 3470466165 | +39 3470466165

Sito web per approfondire: https://www.iginiobalderi.org/



Altre mostre a Milano e provincia

Architettura Designmostre Milano

Cini Boeri nella biblioteca del parco

In occasione delle celebrazioni per il centenario della nascita di Cini Boeri, Triennale Milano e Archivio Boeri le dedicano la mostra "Cini Boeri nella biblioteca del parco", dal 15 al 28 aprile 2024. leggi»

15/04/2024 - 28/04/2024

Lombardia

Milano

Designmostre Milano

Gaetano Pesce. Nice To See You

Dal 19 al 23 aprile 2024, in occasione della Design Week, Milano celebra Gaetano Pesce, architetto, artista e design recentemente scomparso, con due progetti: "Nice to See You" e "L'Uomo Stanco". leggi»

19/04/2024 - 23/04/2024

Lombardia

Milano

ingresso libero

Arte contemporanea Sculturamostre Milano

Claudia Comte. Home Sweet Home

Vistamare è lieta di presentare "Home Sweet Home", personale di Claudia Comte, fino all'8 giugno 2024 a Milano. leggi»

11/04/2024 - 08/06/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Dady Orsi - Lo spazio dell'altrove

L'Associazione Dady Orsi organizza negli spazi espositivi della Galleria Carlo Orsi (Via Bagutta 14) la mostra "Dady Orsi - Lo spazio dell'altrove", a cura di Elena Pontiggia. leggi»

22/05/2024 - 31/05/2024

Lombardia

Milano

Fotografiamostre Milano

Mario Giacomelli. Questo ricordo lo vorrei raccontare

Nel contesto Mufoco20Fest il 24 febbraio 2024 inaugura la mostra del grande maestro della fotografia italiana Mario Giacomelli "Questo ricordo lo vorrei raccontare". leggi»

25/02/2024 - 19/05/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Giuseppe Veneziano. Art Design

La galleria Fabbrica Eos ospita, nel suo spazio di Viale Pasubio 8/a, dal 5 aprile all'11 maggio 2024 la mostra personale di Giuseppe Veneziano dal titolo ART DESIGN. leggi»

05/04/2024 - 11/05/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporanea Designmostre Milano

What? A homage to Alessandro Mendini by Philippe Starck

Triennale Milano ospita nell'Impluvium, dal 16 aprile al 16 giugno 2024, un'installazione ideata da Philippe Starck. leggi»

16/04/2024 - 16/06/2024

Lombardia

Milano

Designmostre Milano

Design Beyond East and West

Dal 16 aprile al 5 maggio 2024, Milano celebra il140° anniversario delle relazioni diplomatiche tra Corea e Italia con la mostra "Design Beyond East and West". leggi»

16/04/2024 - 05/05/2024

Lombardia

Milano

Fotografiamostre Milano

Robin Lopvet. Living Certosa

Dal 16 aprile a fine giugno 2024 arrivano al Milano Certosa District i grandi collage fotografici open air dell'artista Robin Lopvet, con la mostra diffusa "Living Certosa" a cura del collettivo Kublaiklan. leggi»

16/04/2024 - 30/06/2024

Lombardia

Milano