Dorothea Lange. L'altra America

  • Quando:   27/10/2023 - 04/02/2024
  • evento concluso

FotografiaMostre a VicenzaDorothea LangeBassano del Grappa


Dorothea Lange. L'altra America
Dorothea Lange: Migrant Mother (Destitute pea pickers in California. Mother of seven children. Age thirty-two), Nipomo, California, 1936, Farm Security Administration, Office of War Information Photograph Collection, Library of Congress Prints and Photographs Division Washington, D.C., USA

Guarda e scopri la mostra

Iscriviti al nostro canale per non perdere i nuovi contenuti!

Dal 27 ottobre 2023 al 4 febbraio 2024 i Musei Civici di Bassano del Grappa, in collaborazione con CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia di Torino, presentano al pubblico l'opera di Dorothea Lange (1895 –1965), celeberrima fotografa statunitense, co-fondatrice nel 1952 di Aperture, la più autorevole rivista fotografica al mondo e prima donna fotografa cui il MoMa dedicò una retrospettiva nel 1965, proprio pochi mesi prima della sua scomparsa.

Photographer of the people, la fotografa della gente. Così Dorothea Lange si presentava nel suo biglietto da visita. Perché lei, borghese del New Jersey, aveva scelto di non fotografare i divi o i grandi protagonisti del suo tempo, per concentrarsi invece sugli "ultimi" di un'America che stava affondando nella Grande Depressione. Lo sguardo con cui Lange coglie questa umanità dimenticata non è pietistico bensì profondamente "inclusivo". Le sue immagini dimostrano infatti comprensione, sensibilità, partecipazione e immensa umanità, unite ad una capacità di lettura del contesto sociale rafforzata dal rapporto sentimentale e professionale con il marito, l'economista Paul Taylor. Nativa del New Jersey da una famiglia borghese di origini tedesche, a nove anni viene colpita dalla poliomielite che la rende claudicante; poi il dissidio con il padre, che abbandona la famiglia e che lei coraggiosamente ripudia assumendo il cognome materno.

Gli esordi la vedono a New York con Clarence White e Arnold Genthe. Nel 1918 parte per una spedizione fotografica in giro per il mondo, viaggio che si conclude prematuramente per mancanza di denaro a San Francisco, dove apre un proprio studio. Dopo avere operato per una decina di anni nel campo della ritrattistica professionale, abbracciando uno stile pittorialista, aderisce nei primi anni Trenta all'estetica della straight photography (fotografia diretta) per farsi madrina di una poetica della realtà e testimone della condizione dei più deboli ed emarginati: dai disoccupati e i senzatetto della California fino ai braccianti costretti a migrare di paese in paese alla ricerca di campi ancora coltivabili.

I drammatici accadimenti che segnano gli anni della Grande Depressione la portano a contatto con il grande progetto sociale e fotografico della "Farm Security Administration", di cui diviene la rappresentante di punta. Nella seconda metà degli anni Trenta fotografa dunque la tragedia dell'America rurale colpita da una durissima siccità, realizzando alcune delle sue immagini insieme più drammatiche e più celebri: in questo contesto nasce infatti Migrant Mother, un'icona con cui Lange scrive una pagina indelebile della storia della fotografia imponendosi quale pioniera della documentazione sociale americana. Tuttavia, soffermandosi su quelle immagini potentemente evocative ci si accorge che vi è qualcosa di più. È lo sguardo di un'artista colta e raffinata che riesce a narrare temi e soggetti di grande drammaticità quali la crisi climatica, le migrazioni, le discriminazioni con una forza, un'incisività e una modernità sorprendenti. Nonostante ci separino diversi decenni da queste immagini, i temi trattati da Lange sono di assoluta attualità e forniscono spunti di riflessione e occasioni di dibattito sul nostro presente.

Fulcro – e novità – della mostra curata da Walter Guadagnini e Monica Poggi e che presenterà quasi duecento scatti, sarà uno speciale affondo sulla nascita di questo capolavoro, secondo un percorso espositivo di grande fascino ma anche di forte valenza divulgativa e didattica: la presentazione degli scatti eseguiti da Lange per trovare la foto perfetta, permetterà al pubblico di comprendere il procedimento attraverso il quale nasce un'icona.... leggi il resto dell'articolo»

Su commissione del governo americano, Lange si occupò successivamente anche della controversa vicenda dei campi di prigionia per cittadini giapponesi presenti sul territorio americano dopo l'attacco di Pearl Harbor, serie che per il suo atteggiamento critico nei confronti della politica governativa verrà sostanzialmente censurata e riportata solo molti anni più tardi. Queste fotografie – ulteriori testimonianze della profondità e della lucidità dello sguardo fotografico di Dorothea Lange – saranno esposte per la prima volta in Italia in modo così esaustivo proprio in occasione della rassegna; un evento nell'evento, in quanto la mostra si accompagna alla riapertura del Museo Civico di Bassano del Grappa che, dopo sei mesi di lavori di ammodernamento e riqualificazione, riconsegna al pubblico le proprie importanti collezioni permanenti in spazi completamente rinnovati e con un allestimento affascinante, aggiornato e ricco di opere inedite.

Attraverso un'ampia selezione di opere – alcune delle quali non esposte nella tappa torinese della mostra – provenienti da diversi nuclei collezionistici che conservano l'opera di Dorothea Lange (tra cui in particolare la Library of Congress di Washington, i National Archives statunitensi), la mostra si incentrerà principalmente sul periodo d'oro della carriera della fotografa, dagli anni Trenta alla Seconda Guerra Mondiale, presentando anche scatti precedenti e successivi per dare conto della varietà e della profondità della sua ricerca, sempre tesa a restituire un sincero e partecipato ritratto di ciò che la circondava. Come affermò lei stessa, "la macchina fotografica è uno strumento che insegna alla gente come vedere il mondo senza di essa".

La mostra è patrocinata dalla Regione Veneto. Official sponsor: pba S.p.A.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Dorothea Lange. L'altra America

Bassano del Grappa - Museo Civico

Apertura: 27/10/2023

Conclusione: 04/02/2024

Organizzazione: CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia di Torino con i Musei Civici di Bassano del Grappa

Curatore: Walter Guadagnini e Monica Poggi

Indirizzo: Piazza Garibaldi, 34 - 36061 Bassano del Grappa (VI)

Per info: +39 0424 519901/904 | info@museibassano.it

Sito web per approfondire: https://www.museibassano.it



Altre mostre a Vicenza e provincia

Arte contemporaneamostre Vicenza

POP/BEAT – Italia 1960-1979. Liberi di Sognare

"POP/BEAT – Italia 1960-1979. Liberi di Sognare", la grande mostra in Basilica Palladiana a VIcenza celebra la libertà, i sogni e la bella rivoluzione dal 2 marzo al 28 luglio 2024. leggi»

02/03/2024 - 28/07/2024

Veneto

Vicenza

Arte contemporaneamostre Vicenza

CromatiNatura. Una retrospettiva di Massimo Turlinelli

In occasione della sua riapertura estiva, il Museo Le Carceri di Asiago propone "CromatiNatura", dedicata al celebre artista e disegnatore fermano Massimo Turlinelli. leggi»

31/05/2024 - 23/06/2024

Veneto

Vicenza

Arte contemporaneamostre Vicenza

HM, HE, HA | Prima parte: Pesce Khete e Michele Tocca

La Fondazione Coppola è lieta di presentare negli spazi del Torrione di Porta Castello la mostra in due parti HM, HE, HA a cura di Elena Volpato e Davide Ferri.
 leggi»

02/06/2024 - 14/09/2024

Veneto

Vicenza

Pittura del '600mostre Vicenza

Ospiti al Chiericati. Il Saraceni di Basilea

"Ospiti al Chiericati" accoglie dal 3 ottobre 2023 al 7 luglio 2024 l'opera del pittore veneziano Carlo Saraceni (Venezia, 1578/1583 - 1620), "L'angelo che appare alla moglie di Manoach". leggi»

03/10/2023 - 07/07/2024

Veneto

Vicenza

Ingresso libero

Arte del Rinascimentomostre Vicenza

Ospiti al Chiericati. Il Montagna di Vittorio Cini

Esposizione al pubblico di uno dei capolavori di Bartolomeo Montagna negli anni della sua prima maturità: la tavola con la "Madonna con il Bambino e i santi Giovanni Battista e Francesco". leggi»

16/11/2023 - 23/06/2024

Veneto

Vicenza

Ingresso libero

Arte modernamostre Vicenza

Opere di Mario Mirko Vucetich. La donazione Breganze

La mostra "Opere di Mario Mirko Vucetich. La donazione Breganze" ripercorre le tappe più significative della vita e della carriera professionale dell'artista. leggi»

21/12/2023 - 29/09/2024

Veneto

Vicenza

Ingresso libero

Arte contemporaneamostre Vicenza

Piero Fogliati. La città Fantastica

Atipografia presenta "La città fantastica", personale dedicata a Piero Fogliati aperta al pubblico dal 25 maggio al 14 settembre 2024 ad Arzignano. leggi»

25/05/2024 - 14/09/2024

Veneto

Vicenza

Arte contemporaneamostre Vicenza

Sergio Zen. Il Colore, La Mia Voce

Sabato 25 Maggio ore 17.00 presso i giardini della Biblioteca Civica di Valdagno verrà inaugurata la mostra "Sergio Zen. Il Colore, La Mia Voce". leggi»

25/05/2024 - 23/06/2024

Veneto

Vicenza

Arte anticamostre Vicenza

Argilla. Storie di incontri

Prosegue fino al 9 settembre 2024 a Vicenza la mostra "Argilla. Storie di incontri", preziosa testimonianza della cultura della Grecia d'Occidente. leggi»

12/10/2023 - 08/09/2024

Veneto

Vicenza