Dove inizia la città. La voce delle periferie nel segno di Jannacci, Gaber, Testori

  • Quando:   30/09/2023 - 15/10/2023
  • evento concluso

Video artMusicaMostre a MilanoMilano


Dove inizia la città. La voce delle periferie nel segno di Jannacci, Gaber, Testori

Alla Fabbrica del Vapore un percorso fra immagini e video curati da Marco Garofalo daranno spazio, luce e voce ai protagonisti che abitano oggi le periferie di Jannacci, Gaber e TestoriDove inizia la città propone anche session collettive di beatmaking, talk, incontri e performance musicali fra trap e drill

Accadono quest'anno tre anniversari che portano Milano a rinnovare la riflessione su sé stessa: Enzo Jannacci ci ha lasciato da dieci anni, Giorgio Gaber da venti, Giovanni Testori da trenta, ed è nato cento anni fa. Ciò che lega queste tre personalità va oltre la comune passione per l'uomo, la creatività, le dissonanze con il potere e i palazzi. "La realtà si capisce meglio dalle periferie che dal centro": questa espressione, spesso utilizzata da Papa Francesco, può bene esprimere la peculiarità che legava questi tre artisti.

Parte proprio dalle periferie di Jannacci, Gaber e Testori, il progetto Dove inizia la città a cura di VITA Impresa Sociale e Casa Testori che dal 30 settembre al 15 ottobre racconterà anche le periferie di oggi attraverso una mostra, session collettive di beatmaking, talk, incontri e performance musicali. Il percorso di immagini e video, a cura di Marco Garofalo, uno dei maggiori fotoreporter italiani, darà spazio, luce e voce ai protagonisti che oggi abitano le periferie e che negli anni ha conosciuto, ritratto e intervistato. Marco Garofalo, indaga da tempo sulle nuove forme espressive che segnano la vita delle periferie. Il suo è un lavoro di documentazione che lo ha portato a stringere legami e rapporti di fiducia con i giovani, in gran parte rapper e trapper. Gli stessi ragazzi e ragazze che saranno protagonisti degli incontri e delle performance, per scoprire le sintonie dei loro lavori e delle loro voci con i tre grandi interpreti delle periferie milanesi. Un lavoro corale che confluirà nella realizzazione, curata da Jaybee Vibes, di un EP che raccoglierà le tracce prodotte campionando frammenti ricavati da canzoni, interviste, letture di Jannacci, Gaber, Testori e nella live session collettiva di beatmaking curata da MAS dove i producer creeranno davanti al pubblico tracce partendo dalla campionatura di frasi e musiche dei tre autori.

La sede dove tutto ciò avverrà è la Fabbrica del Vapore, un luogo centrale non solo geograficamente, ma perché è stato il primo spazio indipendente dedicato all'arte contemporanea a Milano. È qui che giovani artisti legati alle realtà attive milanesi si incontreranno con alcune persone vicine ai tre grandi artisti, per affetti e professione, tra cui Riccardo Bonacina (Vita Impresa sociale), Giuseppe Frangi (presidente Associazione Testori), il fotografo Marco Garofalo, Paolo Dal Bon (Fondazione Gaber), Paolo Jannacci, Massimo Bernardini (giornalista e conduttore Rai), Giorgio Vittadini (presidente Fondazione per la Sussidiarietà).

«Jannacci, Gaber, Testori hanno guardato la realtà dalle periferie, quelle geografiche, quelle esistenziali (emarginazione, carcere, dipendenze), quelle linguistiche – afferma Riccardo Bonacina, presidente onorario e fondatore di Vita -. Questa capacità ha fondato e caratterizzato la loro arte, che aveva la periferia, in tutte queste accezioni al centro. "Dove inizia la città" scaraventa la vitalità e anche il caos proprio della periferia di oggi nel centro della città, nel suo cuore. La periferia al centro, appunto, come lo è stato, per tutta la vita per questi tre artisti».... leggi il resto dell'articolo»

La mostra interseca così le periferie cittadine: per Jannacci Baggio, Ortica, Idroscalo, Rogoredo, per Gaber il Giambellino, per Testori Ghisolfa, Bovisa, Affori, Roserio. Quelle esistenziali: dei barboni, dei piccoli truffatori, dei tossici, dei senza casa, dei carcerati, degli anziani soli, che popolano il teatro di Testori e le liriche di Jannacci e Gaber. Quelle linguistiche: i tre artisti, ciascuno con le proprie eccedenze, invenzioni, novità di espressioni, sapevano rinnovare i lasciti della tradizione e creare linguaggi che a loro volta ne innestavano di inediti, destinati a sedimentarne di nuovi ancora.

Renzo Piano guardando le foto del Giambellino il quartiere di Gaber nella Ballata del Cerutti, il suo antieroe che tentava maldestri furti di biciclette, ha detto: «Le periferie sono fabbriche di desideri. Ritratti di facce radiose, sorridenti nonostante tutto, chi coltiva pomodori nell'orto collettivo, chi con pazienza insegna italiano agli stranieri, chi straniero aggiusta il citofono del vicino italiano».

Per Giuseppe Frangi, presidente Associazione Giovanni Testori, «accompagnati da Jannacci, Gaber e Testori vogliamo ricentrare lo sguardo sulle periferie per capirne di più la vera anima, la vitalità e portare allo scoperto quella bellezza nelle sue forme attuali. Per questo "Dove inizia la città", che a tutti gli effetti si innesta nel programma del Centenario Testoriano, non è un evento retrospettivo, come nessuno degli eventi che abbiamo promosso, ma un palcoscenico in cui vanno in scena le periferie che oggi abitano la città, che la determinano, che la cambiano».

«La modalità con cui Jannacci, Testori e Gaber si sono esposti su questo mondo reale delle periferie passa per un "sentire la vita" che vuol dire tenersi fedeli a una visione in cui periferia fisica e periferia esistenziale sono sempre affratellate - afferma Marco Garofalo -. Da qui i nessi, alcuni dei molti possibili, che in questa mostra, e nel programma di eventi e performance che la arricchisce, indaghiamo. Il linguaggio, come nascono le parole della periferia; il desiderio, espresso o sotto traccia che caratterizza i testi dei rapper; i legami, uno degli asset che rendono le periferie interessanti.  La musica trap in questi ultimi mesi è ormai diventata sui media sinonimo di spaccio, violenza e criminalità, soprattutto nel nord Italia. Riducendo questo fenomeno solo a fatti di cronaca si rischia però di alzare un ulteriore muro di incomprensione e di sottovalutare un fenomeno che è sempre più diffuso e che andrebbe invece compreso. A volte credo che, se non ci fossero questi ragazzi e queste (purtroppo poche) ragazze, si saprebbero ben poche cose che succedono fuori dalle circonvallazioni (dai recinti come li chiama Tedua, il primo forse in Italia a cantare della legge della Giungla che impera nelle periferie). Ecco con il mio lavoro ho cercato di dare un volto a questo disagio e alla spinta creativa delle periferie, creando delle immagini che si mettono a metà fra l'immaginario trap/drill dei videoclip fatto di pistole (finte), droga, soldi (veri) e la cronaca superficiale di certa informazione che mette in luce solo i fatti di cronaca nera (una microscopica percentuale) e si dimenticano del resto del 'film'».

Programma
Inaugurazione: sabato 30 settembre ore 18.00
Inaugurazione sabato 30 settembre ore 18.00 e presentazione del progetto, dei suoi perché, dalla voce degli stessi ideatori e protagonisti, delle iniziative che lo costituiscono.

Percorso per immagini e video a cura di Marco Garofalo
dal 30 settembre al 15 ottobre 2023 – ore 15.00>21.00
Sulle pareti e nello spazio della Sala delle Colonne Gaber, Jannacci e Testori si incontreranno virtualmente con i ragazzi delle periferie d'oggi. Nel corso delle due settimane di esposizione si alterneranno incontri con i testimoni dei grandi milanesi con i ragazzi delle periferie

Session collettiva di beatmaking
Martedì 10 ottobre 2023
Inizio lavori a partire dalle 14.00, ascolto session dalle 18.00>22.00
grazie a @vocidiperiferia e @maidiremas
Saranno i giovani artisti delle periferie milanesi ad animare il secondo evento, una sessione collettiva di beatmaking dove i producer produrranno live tracce partendo dalla campionatura di frasi e musiche dei tre autori, tracce sulle quali si esibiranno al termine della sessione e che costituiranno materiale per alimentare ulteriori appuntamenti.

Periferie al centro, Gaber, Jannacci, Testori incontrano le voci di periferia.
Domenica 15 ottobre a partire dalle 18.00>23.00
Oltre a costituire un momento di restituzione dell'intero progetto attraverso i video girati nelle settimane precedenti, la serata finale sarà un appuntamento intergenerazionale in cui i testimoni di Gaber, Jannacci e Testori si alterneranno a una esibizione libera e live dove rapper e musicisti, nel loro segno, si esibiranno in una session musicale partendo dalle basi realizzate.

Marco Garofalo - Bio
Marco Garofalo (Milano, 1976) ha iniziato a lavorare nell'ambito della fotografia venticinque anni fa, inizialmente occupandosi di stampa fotografica tradizionale e poi come assistente di fotografi di moda e pubblicità. Oggi lavora come fotoreporter, concentrandosi su temi sociali e culturali, principalmente nella città di Milano e in tutta l'Africa, oltre che su progetti architettonici e di ricerca personale. Dopo cinque anni nel team dell'agenzia Grazia Neri, ora lavora come freelance. Ha pubblicato le sue immagini su importanti riviste italiane ed europee, ha esposto in gallerie ed eventi fotografici internazionali. È fotografo e curatore di mostre per Africa Rivista, un magazine italiano che si occupa di svelare il volto meno conosciuto del continente africano con la collaborazione di alcuni dei migliori reporter della scena internazionale.
Garofalo è stato il fotografo di scena per il film documentario Io sto con la sposa, un inaspettato successo cinematografico del 2014 che racconta la storia di cinque rifugiati siriani in viaggio verso Stoccolma, proiettato alla 71ma edizione della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Dal 2017 lavora a un reportage intitolato Energy Portraits, progetto a lungo termine sull'accesso all'energia e sui contesti significativi a livello mondiale in cui questa sfida si concretizza, esposto in moltissime cornici prestigiose tra cui il festival internazionale Cortona On The Move nel luglio 2021 e la COP26 la conferenza mondiale sui cambiamenti climatici indetta dalle Nazioni Unite che nel 2021 si è tenuta a Glasgow, Scozia. Il reportage Ultima Chance che racconta il rapporto tra gli artisti trap e le periferie è stato ufficialmente invitato dal Consiglio d'Europa di Strasburgo presso la decima edizione del World Democracy Forum (novembre 2022) per rappresentare la crisi della democrazia tra i giovani delle periferie d'Europa.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Dove inizia la città. La voce delle periferie nel segno di Jannacci, Gaber, Testori

Milano - Fabbrica del Vapore-Sala delle Colonne

Apertura: 30/09/2023

Conclusione: 15/10/2023

Curatore: Vita Impresa sociale, Casa Testori

Indirizzo: via Giulio Cesare Procaccini 4 - 20154 Milano

Inaugurazione: sabato 30 settembre ore 18.00

Informazioni: eventi@vita.it | vita@vita.it

Sito web per approfondire: https://www.fabbricadelvapore.org/



Altre mostre a Milano e provincia

Arte contemporaneamostre Milano

Enrico Antonello. Love-Hate

Prosegue fino al 27 agosto 2024 "Love - Hate", l'arte dell'ossimoro di Enrico Antonello in mostra al Mercato Generale Milano. leggi»

17/07/2024 - 27/08/2024

Lombardia

Milano

Grandi Personaggimostre Milano

Mike Bongiorno 1924 – 2024

Nel centenario della nascita di Mike Bongiorno Palazzo Reale, dal 17 settembre al 17 novembre 2024, racconta la storia personale e professionale del grande protagonista della televisione. leggi»

17/09/2024 - 17/11/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Ilaria Mautone. Eco-Ansia | Le conseguenze del cambiamento climatico sulla salute mentale

Malegaleco presenta la mostra "Eco-Ansia. Le conseguenze del cambiamento climatico sulla salute mentale", dal 24 luglio al 15 agosto a Milano. leggi»

24/07/2024 - 15/08/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Valerio Adami. Pittore di Idee

Palazzo Reale celebra i sessantacinque anni di carriera di Valerio Adami, tra i maggiori artisti italiani del Dopoguerra, con un'antologica, dal 17 luglio al 22 settembre 2024 a Milano. leggi»

17/07/2024 - 22/09/2024

Lombardia

Milano

Ingresso libero

Arte contemporaneaInstallazionimostre Milano

Julian Opie. Walking in Milan

I passanti di Julian Opie arrivano a Milano, visibili fino al 27 agosto 2024 in piazza del Quadrilatero. leggi»

03/07/2024 - 27/08/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Terry Rodgers. The Last Supper - Visions of Eternal Return

Le immaginifiche visioni di Terry Rodgers sono in mostra negli spazi Wizard Gallery a Milano dall'11 settembre al 3 novembre 2024. leggi»

11/09/2024 - 03/11/2024

Lombardia

Milano

Fotografiamostre Milano

Eroticism in Fashion Photography: Newton / Von Unwerth

Dal 20 settembre al 16 novembre 2024 a Milano "Eroticism in Fashion Photography", la doppia mostra dedicata a Newton e Von Unwerth. leggi»

20/09/2024 - 16/11/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Jigger Cruz. To The Walls from the Wound of Oddities

Primo Marella Gallery è lieta di annunciare l'inaugurazione della mostra personale di Jigger Cruz: To The Walls from the Wound of Oddities. leggi»

18/07/2024 - 17/09/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Jean Marie Barotte

Milano Fabbrica del Vapore dedica un'importante retrospettiva all'artista italo-francese Jean-Marie Barotte, dal 4 al 31 ottobre 2024. leggi»

04/10/2024 - 31/10/2024

Lombardia

Milano