Arte contemporaneaMostre a Padova

Fabrizio Plessi. Nero Oro

  • Quando:   06/04/2024 - 13/10/2024
Fabrizio Plessi. Nero Oro
Fabrizio Plessi. Nero Oro, Fondazione Peruzzo ph. © Ugo Carmeni, 2024

Una mostra che occupa per la prima volta tutti gli spazi dell'ex Chiesa di Sant'Agnese a Padova, riprendendo il dialogo mai interrotto di Fondazione Alberto Peruzzo l'arte contemporanea italiana. "Fabrizio Plessi. Nero Oro" è la mostra monografica a cura di Riccardo Caldura che apre al pubblico dal 6 aprile al 13 ottobre 2024.

Dopo Mari Verticali presentata nel 2011 al Padiglione Venezia dei Giardini della Biennale, Liquid Life. Liquid Light alla Biennale Arte del 2015, e L'Anima di Pietra nel 2018 al Museo Pushkin di Mosca, ancora una volta Padova e la Fondazione, in occasione della 60° Biennale Arte di Venezia, rendono omaggio a un grande artista veneziano di adozione, che in quegli stessi giorni compie 84 anni.

Il progetto Nero Oro mette in scena non soltanto una dialettica, ma anche la rappresentazione di un processo alchemico che rimanda al passaggio dalla notte al giorno, dalla materia grezza alla massima espressione umana, e si compone di tre momenti articolati nelle tre aree principali dell'edificio del XII secolo.

Nella Navata un'opera aurea, archetipo di un mosaico, dialoga idealmente con i frammenti d'affresco del Trecento ritrovati nel corso del restauro e tutt'ora esposti nell'ex chiesa; nell'Ipogeo dove sono esposti alcuni reperti archeologici, una colata d'oro sembra invadere i resti di una strada romana ancora visibile; nella Sacrestia oltre 100 disegni raccontano l'evoluzione del tema dell'Oro nella poetica di Plessi.

«Appena varcata la porta d'ingresso, nello spazio della navata, su una grande parete nera, collocata trasversalmente così da rompere la simmetria dello spazio, compare uno straordinario mosaico luminoso, vibrante, quasi ogni tessera fosse costituita da un fluido dorato» – spiega il curatore Riccardo Caldura –. «Si tratta di un'elaborazione originale dell'artista e testimonia del suo costante rapporto con il passato, considerato evidentemente come un'eredità viva a cui attingere. Un passato, dunque, da intendere piuttosto come un presente, quasi che la stessa natura di cui è composta l'opera di Plessi, la luce, trapassasse subitaneamente stagioni temporalmente distanti se concepite a scala umana, ma che il mezzo evidenzia invece essere contemporanee».... leggi il resto dell'articolo»

Nella ex Sacrestia, preceduto da "Senza titolo" opera permanente del 1996 di Kounellis composta da una trave in legno di circa quattro metri, che segna il passaggio tra la navata e la canonica, un grande disegno di Plessi ("Legàmi", del 1970) introduce a un percorso immersivo e analitico nelle fasi iniziali del lavoro dell'artista, caratterizzate da numerosi studi e disegni, la cui produzione è una presenza costante nella sua pluridecennale ricerca.

In tutta la carriera di Plessi, continua Caldura, «il disegno ritma una sorta di ripetuta pratica dell'artista che, nel tempo, ha generato materiali di grande qualità, sia in termini di opere a sé stanti, autonome, quanto di elementi indispensabili per comprendere l'evolversi della concezione delle grandi installazioni e delle opere multimediali. Estratti dalle grandi cassettiere presenti nello studio dell'artista alla Giudecca, dove sono conservate centinaia di disegni, schizzi, quaderni, costituiscono, nelle parole dello stesso artista, "la parte biologica e genetica del mio lavoro", la navigazione quotidiana basata su una 'attrezzeria' "secca, elementare, povera e spartana", apparentemente lontana dalla complessità delle tecnologie utilizzate dall'artista, ma che in realtà aiuta a comprendere quel che più gli preme: il processo di "umanizzazione" a cui vanno sottoposte le medesime tecnologie».

La ricca raccolta di disegni esposti nella ex-Sacrestia rappresenta dunque una rara occasione per entrare nella più intima officina dell'artista, seguirne le fasi della concezione compositiva e la molteplicità di varianti formali che può assumere la tensione originaria del suo processo ideativo.

L'intero progetto Nero Oro pensato da Plessi per la Fondazione Alberto Peruzzo vuole essere una sintesi di decenni di creazione dedicati dall'artista agli elementi primari dell'Acqua, della Terra, del Fuoco e dell'Aria, oggi approdata agli elementi essenziali dell'Oro e del Nero: questi ultimi danno vita a opere che, nel dialogo con spazi tanto carichi di storia e significati, sono in grado di rinnovarsi costantemente.

La mostra è composta anche da alcuni interventi site-specific creati per dialogare con la storia di Sant'Agnese, fatta di memoria e stratificazioni, che ben si sposa con il concetto di Età dell'Oro, da anni al centro del lavoro dell'artista.

«Richiamandosi a questa tensione fra sfondo e luce, fra nero e oro, ed è una novità nell'utilizzo dello spazio padovano, anche la parte ipogea viene coinvolta nel percorso espositivo» – conclude Caldura –. «Un nuovo lavoro video concepito per la Fondazione Alberto Peruzzo riprende la relazione con il contesto storico della ex-chiesa e in particolare con le tracce di lastricato romano emerse durante gli scavi. Il motivo del lastricato viene ripreso e sottoposto a un processo di sublimazione digitale che lo dematerializza, restituendo così la consunzione che il tempo imprime alle cose in un aureo fluire luminoso».

Nuova Sant'Agnese
Lo spazio culturale della Fondazione Alberto Peruzzo ha come sede principale la chiesa di Sant'Agnese, un'antica edificazione del Duecento sita a Padova. Il restauro della ex chiesa, concluso nel 2023, nasce dalla volontà di creare uno spazio inedito, più precisamente un luogo che possa diventare punto di riferimento per la città di Padova e per la collettività.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Fabrizio Plessi. Nero Oro

Padova, Fondazione Alberto Peruzzo

Apertura: 06/04/2024

Conclusione: 13/10/2024

Organizzazione: Fondazione Alberto Peruzzo

Curatore: Riccardo Caldura

Indirizzo: Nuova Sant’Agnese, via Dante Alighieri, 63 – 35139 Padova

Sito web per approfondire: https://fondazionealbertoperuzzo.it/



Altre mostre a Padova e provincia

Arte modernamostre Padova

Da Monet a Matisse. French Moderns 1850–1950

A Palazzo Zabarella a Padova si accendono i riflettori sul modernismo francese con la mostra "Da Monet a Matisse. French Moderns, 1850–1950". leggi»

16/12/2023 - 12/05/2024

Veneto

Padova

Arte contemporaneamostre Padova

Alessio Schiavon. Il linguaggio universale dell'Arte, alfabeto dell'Anima

A Palazzo Santo Stefano a Padova la Mostra di Alessio Schiavon "Il linguaggio universale dell'Arte, alfabeto dell'Anima". leggi»

14/04/2024 - 05/05/2024

Veneto

Padova

Arte modernamostre Padova

Monet. Capolavori dal Musée Marmottan Monet di Parigi

Dal 9 marzo al 21 luglio Monet in mostra a Padova con i capolavori cui teneva di più, le "sue" opere, quelle che ha conservato gelosamente nella sua casa di Giverny, provenienti dal Musée Marmottan. leggi»

09/03/2024 - 21/07/2024

Veneto

Padova

Arte contemporaneamostre Padova

Orizzonti d'arte. Giuliana Griselli e Maria Pia Mucci

Galleria QueenArtStudio di Padova presenta la mostra "Orizzonti d'arte" con opere di Giuliana Griselli e Maria Pia Mucci, due artiste triestine. leggi»

06/04/2024 - 27/04/2024

Veneto

Padova

Ingresso libero

Fotografiamostre Padova

Mimmo Cattarinich. Backstage

Dal 9 febbraio al 16 giugno 2024 il Museo Villa Bassi ad Abano Terme ospita "Backstage" del grande fotografo di scena Mimmo Cattarinich, testimone dell'opera di Maestri assoluti del cinema. leggi»

09/02/2024 - 16/06/2024

Veneto

Padova