Arte contemporaneaMostre a Padova

Orizzonti d'arte. Giuliana Griselli e Maria Pia Mucci

  • Quando:   06/04/2024 - 27/04/2024
  • ultimi giorni
Orizzonti d'arte. Giuliana Griselli e Maria Pia Mucci

L'esposizione "Orizzonti d'arte" è un'opportunità unica per immergersi nel mondo della creatività e della pittura attraverso gli occhi di due Artiste di lunga carriera e grande talento. Le Opere esposte offrono una prospettiva unica e affascinante sul mondo dell'arte sia classica che contemporanea, spaziando tra stili e tecniche diverse.
Gli artisti sono spesso considerati delle menti creative e sensibili, in grado di cogliere e trasmettere le emozioni umane attraverso le proprie opere.

Giuliana Griselli e Maria Pia Mucci due Artiste triestine, sono due esempi di come l'arte possa essere un mezzo per esplorare il mondo e comunicare con gli altri in modo profondo e significativo.
La pittura di Giuliana si distingue per la sua delicatezza e raffinatezza, con colori morbidi e forme sinuose che trasmettono una sensazione di armonia e serenità. Le sue opere sono un invito alla contemplazione e alla riflessione, invitando il pubblico a immergersi in un mondo di bellezza e poesia della natura.
Le Opere di Maria Pia , al contrario, sono audaci, in grado di catturare l'attenzione del pubblico con la loro originalità e creatività. Le sue Opere spesso giocano con le forme e i materiali, sfidando le convenzioni e stimolando la nostra mente a pensare in modo diverso.

Entrambe, tuttavia, pur essendo diverse nel loro stile e tecnica artistica, condividono una predilezione per il colore blu.. sembrano essere attratte dalla varietà di sfumature e tonalità che il blu può offrire, creando opere che celebrano un senso di contemplazione.
Nonostante le differenze nel loro approccio artistico, il blu funge da filo conduttore comune creando una connessione visiva e emotiva che trasmette un senso di armonia e bellezza attraverso l'uso di questo potente colore.

Questa mostra offre un'opportunità unica per apprezzare la diversità e la ricchezza dell'arte attraverso gli sguardi unici e originali di due straordinarie artiste.
Vi invitiamo quindi a conoscere più da vicino le opere di Giuliana Griselli e Maria Pia Mucci lasciandovi trasportare dalle emozioni che esse riescono a suscitare e godendo di un'esperienza artistica indimenticabile.
Non perdete l'occasione di scoprire l'universo artistico di queste due talentuose creatrici e di lasciarvi ispirare dalle loro opere che si aprono a nuovi orizzonti di bellezza e creatività.

Vi aspettiamo numerosi per celebrare insieme l'arte e l'estro di queste due straordinarie artiste durante il Momento inaugurale il 6 Aprile alle ore 17.30 presso la Galleria QueenArtStudio di Padova in Riviera Tito Livio 31.
Seguirà Aperitivo Artistico
L'esposizione si potrà visitare fino al 27 Aprile 2024 dal martedì al sabato h. 15.30-20.00
Ingresso libero... leggi il resto dell'articolo»

Note biografiche

Giuliana Griselli, artista triestina formatasi a Venezia prima frequentando il Liceo artistico e successivamente presso la facoltà di Architettura, ha saputo rielaborare, conferendo la propria impronta, gli insegnamenti di Nino Perizi che l'hanno edotta all'arte figurativa ancora adolescente.
Altre significative esperienze formative hanno contribuito a rendere Giuliana l'artista affermata e completa di oggi come quella presso la bottega di Ottone Griselli, allievo dello stimato Parin e membro dell'Accademia Tiberiana e della Legion d'Oro di Roma. La pregnanza di questi percorsi è stata tale da partecipare alla scelta di diventare essa stessa insegnante di storia dell'arte e disegno per oltre un trentennio, curando e coltivando i delicati semi della sensibilità artistica che ha saputo impiantare nelle menti dei suoi allievi.
Già dagli anni 60 la sua carriera è stata arricchita da note esposizioni internazionali e mostre personali alle quali ha portato la sua essenza concretizzata nelle sue opere e r ricevendone in cambio approvazione e successo di critica, un esempio fra molti è il ripetuto conseguimento del premio Marco Aurelio.
Due percorsi costituiscono la sua produzione, essi differiscono nella proposizione del soggetto trattato, ma ad un secondo livello di analisi interpretativa scorgiamo un intento comune di rappresentare una realtà che da soggettiva si proietta all'esterno alienandosi sulla tela in un moto di condivisione con il pubblico che attraverso lo sguardo la convalida e legittima.
I suoi carboncini che si muovono all'interno dei confini del suo supporto materiale così come l'incorporea incisività della tecnica mista diventano generatori di ritratti di corpi anatomicamente fedeli, ma carichi di tensione emotiva ed espressività e i paesaggi ,scorci di un ambiente naturale che assume connotazioni culturali e personali alla mente di chi lo osserva. Il suo paesaggio, la sua spiaggia, il suo molo diventano quello dell'osservatore che di fronte al tremolio emotivo suscitato apre la strada alla propria personale ermeneutica proiettata nell'opera.
Così la sponda del fiume come il vaso di fiori diventano messaggeri di pace interiore per chi osserva ed invitano lo spettatore a lasciarsi prendere per mano dall'artista che lo saprà guidare come un benevolo Virgilio tra le vie dell'intima memoria trasformandola in luogo d'incontro e reciproco scambio.

Maria Pia Mucci

Nel corso degli anni della sua attività professionale di biologa, oltre all'interesse per la scienza, ha sempre cercato di seguire anche la passione per l'arte e la grafica.
Si è quindi avvicinata allo studio delle tecniche incisorie (acquaforte, acquatinta, puntasecca, xilografia), che continua ad utilizzare anche oggi, perché è particolarmente affascinata dalle varie modalità di stampa e perché ha iniziato proprio con questi metodi il suo percorso artistico, esprimendo nei suoi primi lavori la nostalgia per il paesaggio toscano. Utilizza talvolta anche la tecnica del monotipo, che le piace per la sua intrinseca spontaneità.
Le sono sempre interessate come soggetto le "Città", che nel mondo contemporaneo sono diventate il centro delle attività umane e lo specchio dell'evoluzione sociale e ha continuato a andare alla ricerca di un modello di Città più umana, prendendo spunto dalla città di Pienza (Siena), la "Città Ideale" del Rinascimento, progettata e costruita dall'architetto Rossellino per Papa Pio II Piccolomini e città d'origine della sua famiglia.
Vivendo da tanti anni a Trieste, porta d'Oriente, ha scoperto anche il fascino del mondo che va dai Balcani fino ai paesi dell'Estremo Oriente, regioni raccontate nel 1300 da Marco Polo nel suo libro "Il Milione" con lo storico viaggio lungo la Via della Seta, un itinerario che proprio ai nostri giorni sta riacquistando notevole importanza, con Trieste ed il suo porto situati in posizione strategica.
Da questi interessi è nata l'idea di illustrare "Le Città invisibili" di I. Calvino, il bellissimo romanzo in cui il protagonista Marco Polo, incaricato dal Grande Imperatore d'Oriente, descrive le città incontrate nel suo viaggio ai confini dell'Impero e in cui la fantasia multiforme e senza limiti dello scrittore fa volare l'immaginazione. Questo libro l'ha spinta a creare delle opere che rappresentano città molto diverse l'una dall'altra, sia per il soggetto, che per la tecnica impiegata (acrilico, olio acquarello, puntasecca, collage, tecnica mista) dando spazio alle memorie, ai sogni e alle ricerche che costituiscono il suo percorso artistico.
L'artista Maria Pia Mucci nelle sue opere ci dà uno sguardo trasversale su mondi utopici creati dalla sua multiforme fantasia. I suoi sono paesaggi dell'anima, immaginati e interiorizzati, e poi trasferiti nello spazio pittorico da una mano consapevole e dotata di approfondite cognizioni tecniche. Una modalità espressiva che diventa così interessante cifra stilistica, elaborando composizioni di taglio surreale.(P.Levi)

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Orizzonti d'arte. Giuliana Griselli e Maria Pia Mucci

Padova, Galleria QueenArtStudio

Apertura: 06/04/2024

Conclusione: 27/04/2024

Curatore: Maria Grazia Todaro Art Director of Queen Art Studio Gallery

Indirizzo: Riviera Tito Livio 31 - Padova

Ingresso libero


Inaugurazione: 6 Aprile alle ore 17.30
Orari: dal martedì al sabato h. 15.30-20.00



Altre mostre a Padova e provincia

Arte modernamostre Padova

Da Monet a Matisse. French Moderns 1850–1950

A Palazzo Zabarella a Padova si accendono i riflettori sul modernismo francese con la mostra "Da Monet a Matisse. French Moderns, 1850–1950". leggi»

16/12/2023 - 12/05/2024

Veneto

Padova

Arte contemporaneamostre Padova

Alessio Schiavon. Il linguaggio universale dell'Arte, alfabeto dell'Anima

A Palazzo Santo Stefano a Padova la Mostra di Alessio Schiavon "Il linguaggio universale dell'Arte, alfabeto dell'Anima". leggi»

14/04/2024 - 05/05/2024

Veneto

Padova

Arte contemporaneamostre Padova

Fabrizio Plessi. Nero Oro

Dal 6 aprile al 13 ottobre 2024 a Padova si tiene "Nero Oro" la mostra monografica dedicata a Fabrizio Plessi che racconta l'evoluzione del tema dell'Oro nella sua poetica.| leggi»

06/04/2024 - 13/10/2024

Veneto

Padova

Ingresso libero

Arte modernamostre Padova

Monet. Capolavori dal Musée Marmottan Monet di Parigi

Dal 9 marzo al 21 luglio Monet in mostra a Padova con i capolavori cui teneva di più, le "sue" opere, quelle che ha conservato gelosamente nella sua casa di Giverny, provenienti dal Musée Marmottan. leggi»

09/03/2024 - 21/07/2024

Veneto

Padova

Fotografiamostre Padova

Mimmo Cattarinich. Backstage

Dal 9 febbraio al 16 giugno 2024 il Museo Villa Bassi ad Abano Terme ospita "Backstage" del grande fotografo di scena Mimmo Cattarinich, testimone dell'opera di Maestri assoluti del cinema. leggi»

09/02/2024 - 16/06/2024

Veneto

Padova