Guercino nello studio

  • Quando:   28/10/2023 - 25/02/2024
  • evento concluso

Pittura del '600Mostre a BolognaGuercinoBologna


Guercino nello studio

Guercino nello studio, dal 28 ottobre 2023 al 25 febbraio 2024 alla Pinacoteca Nazionale di Bologna.

"Gran disegnatore e felicissimo coloritore", secondo la felice definizione del caposcuola della pittura bolognese Ludovico Carracci, il Guercino, al secolo Giovanni Francesco Barbieri, apre prospettive di grande interesse nel panorama artistico del Seicento, infondendo alla componente figurativa naturalistico-classicista una intensa forza espressiva che ne fa un autore internazionale di straordinaria modernità, interprete di un sentimento religioso sincero e umile, segnato da un'attenzione peculiare per la dimensione umana.

La Pinacoteca Nazionale di Bologna, che conserva un nucleo di opere di grande rilievo del maestro centese, gli dedica l'esposizione "Guercino nello studio". Curata da Barbara Ghelfi, Raffaella Morselli e dallo staff del museo, la mostra è incentrata sulla figura dell'artista e sulla complessa trama di relazioni che lo legarono ai suoi collaboratori e alla clientela, indagate anche alla luce di inedite testimonianze d'archivio.

L'esposizione è il contributo della Pinacoteca Nazionale di Bologna ad un progetto promosso assieme al Comune di Bologna, alla Città Metropolitana di Bologna, al Comune di Cento, alla Regione Emilia- Romagna e a Bologna Welcome, e articolato in una serie di itinerari e appuntamenti, con lo scopo di promuovere e consolidare un'offerta culturale e turistica permanente attorno al patrimonio del Guercino presente in regione.

L'occasione da cui è nato questo ambizioso programma è stata la prossima e attesa riapertura nel novembre del 2023 della Pinacoteca Civica di Cento, un museo intitolato al maestro, di cui conserva importanti capolavori nella città che gli ha dato i natali.... leggi il resto dell'articolo»

"Inoltre - afferma la direttrice Maria Luisa Pacelli - questo progetto espositivo è anche l'occasione e lo strumento per proseguire il lavoro di studio e approfondimento del patrimonio della Pinacoteca finalizzato a un aggiornamento complessivo dei suoi percorsi espositivi permanenti, Il programma d'interventi, avviato con la rassegna sul Rinascimento nel 2022, interesserà per fasi le diverse sezioni del museo. In questo caso, la mostra si inserisce senza soluzione di continuità nel racconto della grandiosa stagione del Seicento felsineo, in particolare nelle sale dedicate al Barocco, il cui allestimento verrà completamente rinnovato al termine dell'iniziativa."

L'iniziativa intende fare chiarezza sul processo esecutivo e di elaborazione tecnica del pittore, dalla progettazione grafica all'opera finita, avvalendosi del significativo apporto di approfondimenti tecnico-diagnostici, che hanno portato a considerevoli aggiornamenti negli studi. Ciò che si propone al pubblico è una lettura capillare dell'attività dello studio del Guercino, mettendo a fuoco il fondamentale contributo dei collaboratori, soprattutto i fidati Gennari, nell'affermazione di una realtà "aziendale", disciplinata da precise strategie di know-how e di mercato.

Nella prima sezione del percorso espositivo, allestito nelle sale del Barocco del museo di via Belle Arti, i dipinti dell'artista conservati in Pinacoteca saranno fatti dialogare con prestiti mirati provenienti da istituzioni pubbliche e collezioni private, per mettere in evidenza il metodo di lavoro del Guercino.

Punto cardine del percorso sarà la Vestizione di San Guglielmo (1620), pala di solenne monumentalità, della quale viene messa in risalto la complessità come prodotto derivante da una lunga gestazione, testimoniata dai molti disegni preparatori. Sarà anche possibile ammirare, dopo oltre tre secoli, l'antica struttura del complesso decorativo poiché la pala sarà, in questa occasione, ricongiunta con la sua cimasa raffigurante il Padre Eterno col puttino (1620), proveniente dai Musei di Strada Nuova di Genova.

Uno spazio fondamentale, poi, sarà dedicato all'imponente San Bruno in adorazione della Madonna in gloria (1647), capolavoro della maturità del Guercino, che, frutto di una probabile collaborazione col fratello Paolo Antonio Barbieri, pittore di nature morte, si distingue per l'ampio utilizzo del pregevole azzurro oltremare. Si tratta di una scelta che palesa il prestigio dell'opera e aiuta a penetrare l'articolata questione della politica dei prezzi, attestata dal Libro dei Conti, al centro di un apposito focus sulla documentazione utilizzata nello studio.

Nella seconda sezione viene descritta la statura imprenditoriale del Guercino e dei suoi collaboratori, in relazione alle dinamiche della committenza e del pubblico, indagando il sistema gestionale con specifica attenzione alla ridistribuzione dei ruoli, alla creazione di competenze specialistiche nei diversi generi pittorici (esecuzione di pale d'altare, quadri di storia, nature morte, ritratti e paesaggi) e, soprattutto, in relazione al fenomeno della realizzazione e diffusione delle copie da quadri importanti del caposcuola, tra questi il Lot e le figlie (1650-1660) e la Negazione di San Pietro (1623-1626).

La mostra sarà anche l'occasione per riscoprire tele importanti ma poco conosciute come Maria Maddalena e San Paolo Eremita (1652-1655) che secondo le fonti rimasero nello studio del pittore dopo la sua morte e che si conservano nei depositi della Pinacoteca.

Il progetto avrà uno dei suoi punti di forza nell'esposizione dello strumento più utile per comprendere il funzionamento dello studio del pittore, ovvero il Libro dei conti, generosamente concesso in prestito dalla Biblioteca dell'Archiginnasio di Bologna. Il registro, nel quale venivano annotati i quadri venduti, il nome dei clienti e i relativi guadagni, rappresenta un inventario prezioso dei molti dipinti eseguiti nella fiorente bottega del Centese.

Infine il pubblico potrà addentrarsi nei contenuti della mostra e nella conoscenza della tecnica pittorica del Guercino attraverso un tavolo multimediale nel quale saranno proposti alcuni percorsi di approfondimento, a partire dalle novità emerse nel corso delle indagini diagnostiche condotte sulle opere della Pinacoteca di Bologna dal Laboratorio Diagnostico per i Beni Culturali del Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Bologna (Campus di Ravenna) nell'ambito del progetto Guercino. Oltre il colore.

Con l'iniziativa "Guercino nello studio" si avvalora il lungo cammino di indagini critiche sul pittore centese e, più in generale, sulla stagione del Barocco emiliano; un progetto che incoraggia ad intraprendere un'attenta riflessione su nuove soluzioni allestitive, nel solco del lavoro di un raffinato studioso, collezionista e nume tutelare, Sir Denis Mahon, che, con la donazione di un nucleo cospicuo di opere del Barbieri e un fecondo dialogo con la Pinacoteca Nazionale di Bologna, tracciò la via maestra per un'autentica valorizzazione del patrimonio storico-artistico museale.

L'esposizione è accompagnata da un ricco catalogo, pubblicato da Dario Cimorelli editore, che raccoglie i contributi delle curatrici e di numerosi studiosi con approfondimenti inediti sulla figura del Guercino. Nei mesi di apertura saranno anche organizzate attività educative e di approfondimento intorno alla mostra.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Guercino nello studio

Bologna - Pinacoteca Nazionale

Apertura: 28/10/2023

Conclusione: 25/02/2024

Organizzazione: Pinacoteca Nazionale di Bologna

Curatore: Barbara Ghelfi e Raffaella Morselli

Indirizzo: Via delle Belle Arti, 56 - 40126 Bologna

Orario: da martedì a domenica e festivi ore 9 -19 | lunedì chiuso | (chiuso il 25 dicembre 2023 e il 1° gennaio 2024) | Ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura

Tariffe biglietti: Intero: € 10,00* | Ridotto convenzionati: € 7,00* | Ridotto Bologna | Welcome Card e Card Cultura: € 6,00* | Ridotto giovani dai 18 ai 25 anni: € 3,00*
Gratuità di legge (elenco sul sito web del Ministero della Cultura www.beniculturali.it) e per i soci della Società di Santa Cecilia. Amici della Pinacoteca di Bologna
Il biglietto comprende l'ingresso alla Pinacoteca Nazionale di Bologna e a Palazzo Pepoli Campogrande entro tre mesi dalla data di emissione

Giornate ad ingresso gratuito: Ogni prima domenica del mese 4 novembre 2023

Per info: pin-bo.urp@cultura.gov.it 051.42.09.401-400-405

Catalogo: pubblicato da Dario Cimorelli editore



Altre mostre a Bologna e provincia

Fotografiamostre Bologna

Michele Palazzo. This is Not New York: Generative explorations of the urban landscape

Michele Palazzo combina fotografia e arte generata dall'IA in "This is Not New York: Generative explorations of the urban landscape", da Big Eyes Art Gallery di Bologna fino al 19 settembre 2024. leggi»

19/06/2024 - 19/09/2024

Emilia Romagna

Bologna

Arte contemporaneamostre Bologna

Eccentriche Nature. Dieci artiste bolognesi su natura e vegetazione

Cubo, il Museo del Gruppo Unipol, presenta dal 5 giugno al 5 ottobre 2024 a Bologna "Eccentriche Nature", le opere di dieci artiste bolognesi su natura e vegetazione. leggi»

05/06/2024 - 05/10/2024

Emilia Romagna

Bologna

Ingresso libero

Arte contemporaneaInstallazionimostre Bologna

Il giardino delle idee cristallizzate | Similitudine dell'opera pubblica e delle forze a lei avverse

Museo Spazio Pubblico è lieto di presentare un nuovo progetto di Marcello Tedesco (Bologna, 1979) che indaga in modo innovativo e radicale il significato dell'opera pubblica. leggi»

14/06/2024 - 19/07/2024

Emilia Romagna

Bologna

Designmostre Bologna

Aldo Rossi. Cabine dell'Elba (1982)

Il progetto garage BENTIVOGLIO a cura di Davide Trabucco, saluta l'inizio dell'estate con l'ultimo appuntamento, che vede protagoniste le leggendarie Cabine dell'Elba di Aldo Rossi. leggi»

03/07/2024 - 27/07/2024

Emilia Romagna

Bologna

Pittura del '700mostre Bologna

Mrs Thomas Gainsborough in visita a Bologna dalla collezione Rau per l'UNICEF

Dal 29 giugno al 6 ottobre 2024 il Museo Civico d'Arte Industriale e Galleria Davia Bargellini a Bologna espongono "Ritratto della signora Gainsborough" di Thomas Gainsborough. leggi»

29/06/2024 - 06/10/2024

Emilia Romagna

Bologna

Ingresso gratuito

Video artmostre Bologna

Una ricerca polivalente. Esperienze dal centro vido arte di Ferrara

Dal 27 giugno al 13 ottobre 2024 il MAMbo di Bologna ospita la mostra "Una ricerca polivalente. Esperienze dal centro video arte di Ferrara" e ne celebrare la produzione di video-tape. leggi»

25/06/2024 - 13/10/2024

Emilia Romagna

Bologna

Arte contemporaneamostre Bologna

Opentour 2024. LABS Contemporary Art presenta "L'immagine rubata"

In occasione di Opentour 2024 LABS Contemporary Art presenta fino al 20 giugno 2024 L'immagine rubata, mostra a cura di Lelio Aiello e Leonardo Regano. leggi»

20/06/2024 - 20/07/2024

Emilia Romagna

Bologna

SculturaPittura del '800mostre Bologna

Da Felice Giani a Luigi Serra. L'Ottocento nelle Collezioni della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna

Apre al pubblico una mostra che riunisce per la prima volta le principali opere dell'Ottocento bolognese appartenenti alle Collezioni d'arte e di storia della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna. leggi»

21/03/2024 - 28/07/2024

Emilia Romagna

Bologna

Arte contemporaneamostre Bologna

Robert Kuśmirowski. P E R S O [A] N O M A L I A

In occasione del 44°anniversario della strage di Ustica, il MAMbo – Museo d'Arte Moderna di Bologna del Settore Musei Civici Bologna ospita la mostra Robert Kuśmirowski. P E R S O [A] N O M A L I A,. leggi»

21/06/2024 - 29/09/2024

Emilia Romagna

Bologna