Hospitality in the Pluriverse

  • Quando:   16/04/2024 - 04/05/2024
  • evento concluso

Arte contemporaneaMostre a Venezia


Hospitality in the Pluriverse

(Re)Create Project Space Venice presenterà Hospitality in the Pluriverse, a cura di Gale Elston, durante la 60. edizione della Biennale di Venezia dal 16 aprile al 4 maggio 2024. L'inaugurazione si terrà il 16 aprile 2024 dalle 17:00 alle 19:00

JEREMY DENNIS
ANITA GLESTA
ANN MCCOY
WARREN NEIDICH
ILONA RICH

Questa mostra comprende cinque artisti che esplorano le dimensioni politiche, storiche, estetiche, fisiche ed epistemologiche dell'ospitalità e dei suoi conflitti. Basandosi sull'analisi di Jacques Derrida, nel suo Of Hospitality, questa mostra esamina la reazione dell'ospite all'alterità o all'alterità. Ogni artista esamina varie domande riguardanti l'incontro tra uno straniero e il sovrano che lo ospita utilizzando una varietà di media come pittura, fotografia, scultura e animazione. In dialogo con la mostra Foreigners Everywhere di Adriano Pedrosa, la mostra Hospitality in the Pluriverse comprende la complessità dell'immigrazione e solleva la questione di cosa sia l'ospitalità e quando e come dovrebbe essere estesa allo straniero, allo straniero, all'"altro". Da un lato gli effetti devastanti della disuguaglianza globale, del cambiamento climatico (rifugiati climatici) e delle pressioni politiche create hanno portato a migrazioni di massa e caos politico e sociale. Al contrario, la ricchezza dei contributi dell'altro sotto forma di molteplicità culturale ed epistemologica è inestimabile.

Jeremy Dennis, artista della First Nation e membro tribale della Shinnecock Indian Nation a Southampton, NY, utilizza tecniche di messa in scena e tecniche assistite dal computer per creare insolite fotografie a colori che ritraggono l'identità, la cultura e l'assimilazione indigene. Le sue fotografie sfidano il modo in cui gli indigeni sono stati presentati nei film western americani e danno loro potere attraverso l'uso di un inquietante tropo zombi che stabilisce il potere della conoscenza ancestrale come mezzo di resistenza.

Ann McCoy, scultrice, pittrice e critica d'arte con sede a New York ed editor-at-large per il Brooklyn Rail, include un nuovo disegno dalla sua recente borsa di studio Guggenheim che esplora la fiaba di un lupo nei panni di argento, oro e tungsteno di suo padre. mulino. La fiaba è basata su un luogo storico in cui morirono molti lavoratori immigrati irlandesi ed esprime la tragedia utilizzando riferimenti junghiani e alchemici.... leggi il resto dell'articolo»

Il lavoro di Warren Neidich Pluriverse* si occupa del concetto di giustizia cognitiva. Come ha affermato Bonaventura de Sousa Santos, non può esserci giustizia sociale senza giustizia cognitiva. Cognitivo che include il diritto delle diverse tradizioni di conoscenza e delle pratiche culturali in cui sono impegnate a coesistere senza costrizioni. Particolarmente rilevanti per noi qui sono quelle forme di conoscenza che si sono evolute nel cosiddetto Nord globale illuminato, le conoscenze indigene e quelle nel Sud globale subalterno e in Asia. Pluriverso è un'espressione che include queste diverse epistemologie. Non vogliamo vivere in un Universo normativo e omogeneo, ma piuttosto in un Pluriverso eterogeneo e molteplicità.*

Anita Glesta, raffigura lo straniero non umano (un virus corona che si muove attraverso il corpo come un insetto o una farfalla) su una colonna sonora di Hildegard von Bingen, la badessa e compositrice di epoca medievale. Il video di Glesta è stato sviluppato nell'ambito di una borsa di studio con l'ARC Laureate Felt Experience & Empathy Lab per ricercare come l'ansia influisce sul nostro sistema nervoso. Come estensione della serie sulla pandemia, le sue animazioni invitano lo spettatore a sperimentare come gli esseri umani elaborano la paura e l'ansia nei loro corpi.

Il lavoro dell'artista spagnola Ilona Rich continua il tema di cosa significhi essere straniero a livello psicologico. Le sue sculture colorate descrivono una visione distopica del luogo comune e del quotidiano. Il suo lavoro ci mostra una persona che si sente estranea nella propria pelle, ansiosa, precaria, non normativa. I suoi cani hanno due teste e i molti piedi di un millepiedi. Verrà esposta la sua scultura Ruota della fortuna, che presuppone che il destino dipende dal caso e che i nostri ruoli di ospite o straniero sono soggetti a rapidi cambiamenti inaspettati.

La mostra offre uno studio vertiginoso dell'alterità, sul piano biologico (Glesta), sociale (Dennis), storico (McCoy), cognitivo (Neidich) e personale (Rich). Lo spettatore ne uscirà con una visione ampliata e arricchita. di cosa significhi essere straniero e si chiede quali eventuali contingenze debbano accompagnare l'ospitalità.

Gale Elston

China Blue, Saturn Walk: Embodying Listening durante la Biennale di Venezia 2024 con (Re)Create Project Space Venice, a cura di Elga Wimmer.
L'artista statunitense/canadese China Blue crea performance artistiche che danno un'espressione fisica al suono in base al suo interesse per la connessione attraverso l'arte e la scienza.
Per la sua mostra a Venezia del 2024, Saturn Walk: Embodying Listening di China Blue, artisti e i visitatori camminano in un labirinto ascoltando una composizione creata da lei e Lance Massey. Questo è un lavoro basato sui suoni negli anelli di Saturno scoperti da China Blue e dal dottor Seth Horowitz una sovvenzione della NASA per esplorare gli anelli di Saturno.

In Saturn Walk: Embodying Listening for the (Re)Create Project Space Venice, l'artista invita agli spettatori di sperimentare la passeggiata sonora dopo lo spettacolo di danza. I ballerini includono Andrea Nann e Jennifer Dahl, Canada, e Laura Coloman, Regno Unito. Una traccia di China Blue's rimarrà in scena un'opera d'arte, Celestial Pearls, basata su 16 delle oltre 100 lune di Saturno guarda su (Re)Create Project Space Venezia.
L'artista austriaco Rainer Ganahl esegue la sua opera, Requiem in memoriam per il dissidente russo Alexei Navalny.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Hospitality in the Pluriverse

Venezia - (Re)Create Project Space Venice

Apertura: 16/04/2024

Conclusione: 04/05/2024

Organizzazione: (Re)Create Project Space Venice

Curatore: Gale Elston

Indirizzo: Corte de Ca' Sarasina, Castello 1199 - Venezia

Inaugurazione: 16 aprile 2024 dalle 17:00 alle 19:00

Orari galleria: dal martedì al sabato, dalle 10:00 alle 18:00

Performance di CHINA BLUE a cura di Elga Wimmer il 16, 18 e 19 aprile alle 18
RAINER GANAHL, Requiem, eseguito il 17 aprile alle 18:00



Altre mostre a Venezia e provincia

Arte contemporaneamostre Venezia

Hyun Cho. Electric Supermoon

Blue Gallery presenta "Electric Supermoon", personale di opere nuove e recenti dell'artista coreana Hyun Cho, a Venezia dal 9 giugno al 7 luglio 2024. leggi»

09/06/2024 - 07/07/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Georges Noël a Venezia: Palinsesti e paesaggi notturni, 1961 - 2000

"Georges Noël a Venezia. Palinsesti e Paesaggi notturni, 1961 - 2000", è la mostra di opere pittoriche su carta e tela a Venezia dal 31 maggio al 30 giugno 2024 presso lo Spazio Artenetwork Orler. leggi»

31/05/2024 - 30/06/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Carla Tolomeo. L'albero della vita

Fino al 24 novembre 2024, il Museo di Palazzo Mocenigo - Centro Studi di Storia del Tessuto, del Costume e del Profumo, a Venezia, ospita L'Albero della Vita, la grande installazione che Carla Tolomeo. leggi»

25/05/2024 - 24/11/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Robert Indiana: The Sweet Mystery

"Robert Indiana: The Sweet Mystery" alle Procuratie Vecchie, Evento collaterale della 60. Esposizione Internazionale d'Arte-La Biennale di Venezia presenta oltre 40 opere dell'artista americano. leggi»

17/04/2024 - 24/11/2024

Veneto

Venezia

Fotografiamostre Venezia

Monique Jacot. La figura e i suoi doppi

Nell'ambito del suo programma di sostegno alla Fotografia, la Fondation Bru ha il piacere di presentare con Photo Elysée, La figura e i suoi doppi, mostra della fotografa svizzera Monique Jacot. leggi»

25/05/2024 - 14/09/2024

Veneto

Venezia

Ingresso libero

Arte contemporaneamostre Venezia

Amanda Panezo. Corone Nomate

"Corone Nomate" è il nome della mostra di Amanda Panezo che sarà presentata a Murano presso Ingalleria Art Gallery il 1° giugno 2024 e che espone 16 tele in lino. leggi»

01/06/2024 - 30/08/2024

Veneto

Venezia

Arte del vetromostre Venezia

Federica Marangoni. On the road 1970-2024

Dal 19 maggio al 24 novembre 2024 a Murano il Museo del Vetro, Spazio Ex Conterie ospita la mostra di Federica Marangoni "On the road 1970-2024". leggi»

19/05/2024 - 24/11/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Omaggio a Ennio Finzi

Ca' Pesaro prosegue la sua attività di valorizzazione degli artisti della collezione permanente con un autore tra i più radicali del Novecento italiano: Ennio Finzi. leggi»

17/05/2024 - 06/10/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Obey. Art will save the world

MV Arte presenta la mostra dedicata ad Obey dal titolo "Art will save the world" presso il Museo nazionale di Archeologia del Mare di Caorle (VE). leggi»

26/05/2024 - 29/09/2024

Veneto

Venezia