Arte contemporaneaMostre a Roma

Le paysage est passage

  • Quando:   15/03/2024 - 04/05/2024
Le paysage est passage

Dal 15 marzo al 4 maggio 2024, inaugurazione venerdì 15 marzo alle 18.30, la Galleria La Nica di Roma propone la mostra collettiva "Le paysage est passage", che vede esposte opere legate al tema del paesaggio ed il suo saper mettere insieme le intenzioni del passato, la forza del presente ed i desideri di futuri possibili. Gli artisti esposti, tra storicizzati ed emergenti, sono:

Luca Alinari | Renato Birolli | Pierluigi Delutti | Tano Festa | Ugur Gallenkus | Lorenzo Gramaccia | Piero Guccione | Umberto Lilloni | Ottone Rosai | Mimmo Rotella | Giovanni Stradone | Nino Tirinnanzi | Francesco Trombadori | Jacopo Truffa | Renzo Vespignani | Giovanni Viola.

Da sempre uno dei temi cardine della Storia dell'arte, il paesaggismo ha rappresentato per centinaia di anni lo sguardo dell'uomo sul mondo, su ciò che lo circonda, finanche a diventare nel tempo metafora di uno spazio interiore, nelle sue infinite potenzialità di trasformarsi da veduta a specchio dell'anima. Quello che gli artisti moderni avevano cominciato ad intuire in maniera romantica e che oggi appare pressoché scontato è che esiste una profonda comprensione e compenetrazione tra uomo e paesaggio: noi siamo il paesaggio ed il paesaggio è noi. Una relazione, questa, che oltre a venire interiorizzata a livello artistico è stata sottolineata altresì nel 2000 nella Convenzione europea del Paesaggio, documento che è parte del lavoro del Consiglio d'Europa sul patrimonio culturale e naturale, la quale ha dato una nuova definizione di paesaggio: "designa una determinata parte di territorio, così come è percepita dalle popolazioni, il cui carattere deriva dall'azione di fattori naturali e/o umani e dalle loro interrelazioni".

Durante iI XXVI Convegno nazionale del FAI (febbraio 2022), Bertrand Folléa, architetto paesaggista ed urbanista nonché docente all'École nationale supérieure de paysage, commenta proprio la definizione di paesaggio della Convenzione europea, asserendo che: "Personalmente, ciò che più mi colpisce della definizione di paesaggio ivi espressa è la sua dimensione doppiamente relazionale. Riguarda infatti le relazioni tra gli elementi oggettivi e tangibili di un territorio – campi, quartieri, strade, ma anche edifici, infrastrutture, suolo, geologia, clima – e gli elementi sensibili, che riguardano le relazioni affettive, soggettive, culturali tra le popolazioni e il territorio. La virtù della nozione di paesaggio è quella di non separare queste due dimensioni relazionali. Nel paesaggio non si ha mai una separazione tra cultura e natura, tra scienze oggettive e scienze umane, e non c'è alcuna separazione tra il contesto in cui viviamo e il nostro stile di vita."
Sono tematiche, queste, che Follèa aveva trattato già nel 2019 nel suo testo "L'archipel des métamorphoses: La Transition par le paysage", nel quale l'autore chiede un completo rovesciamento di prospettiva, di dimenticare quindi lo status di 'conseguenza accidentale' del paesaggio, affinché esso possa diventare un mondo da vivere e plasmare, un mondo desiderato di cui siamo responsabili.

II XXVI Convegno nazionale del FAI (19-23 febbraio 2022) ha infatti posto come tema una domanda: Come sarà il paesaggio italiano nel 2026, quando sarà completato il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza? Due aspetti sono emersi dalla discussione: l'inevitabile trasformazione del paesaggio a seguito della transizione ecologica e l'opposizione tra urgenza di infrastrutture per lo sviluppo e dovere della tutela del paesaggio.... leggi il resto dell'articolo»

Il titolo della mostra, "Le paysage est passage", letteralmente "Il paesaggio è
passaggio", è una citazione tratta dal testo di Bertrand Folléa che rappresenta sia il punto di vista dell'architetto – che la Galleria La Nica sposa pienamente – sia la chiave di lettura dell'intera mostra.
Partendo dalle vedute più tradizionali, passando per le ferite che le molteplici guerre hanno inferto al paesaggio, finanche alle opere più oniriche, la mostra presenta disegni, dipinti, sculture e new media che percorrono un arco di tempo che va dalla prima metà del Novecento ai giorni nostri, sottolineando proprio la dimensione relazionale esistente tra uomo e paesaggio e come il nostro "passaggio" abbia mutato nel tempo le vedute e soprattutto le prospettive sullo stesso, poiché come sostiene sempre Folléa: "Il paesaggio è uno specchio che riflette le questioni più globali del nostro tempo" (Bertrand Folléa, L'Archipel des métamorphoses. La transition par le paysage, Éd. Parenthèses, 2019, p. 83).

Su quest'ultimo punto, in particolare, ragiona la prima sala espositiva della galleria, presentando un accostamento stridente tra una selezione di paesaggi della tradizione e l'opera "+ 1.5°" di Jacopo Truffa, finalista dello Yicca International Contest of Contemporary Art 2022, unica opera presente in mostra che pone l'accento sul cambiamento climatico e le sue inevitabili conseguenze.

Il paesaggio deve diventare uno stimolo, un pretesto, un luogo per conoscere meglio il mondo e sé stessi, ma anche per mettersi in gioco ed affrontare le sfide che si rivelano urgenti e che continuano a sorprenderci e a ferirci. E cosa meglio dell'arte può aiutarci in tal senso?

"Le paysage est passage", a cura di Cristina Liscaio e Maria Vittoria Marchetta, è fruibile dal 15 marzo al 4 maggio 2024.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Le paysage est passage

Roma, La Nica Galleria d'Arte

Apertura: 15/03/2024

Conclusione: 04/05/2024

Organizzazione: Galleria La Nica

Curatore: Cristina Liscaio e Maria Vittoria Marchetta

Indirizzo: via dei Banchi Nuovi 22 - 00186 Roma

Opening: venerdì 15 marzo, ore 18.30

Orario: martedì-sabato 11.30-19.00

Per info: +39 06 44235025 | +39 329 7490667 | info@gallerialanica.it

Sito web per approfondire: https://www.gallerialanica.it/



Altre mostre a Roma e provincia

Fotografiamostre Roma

Vincent Peters. Timeless Time

Dal 16 maggio 2024 arriva a Roma "Timeless Time" di Vincent Peters, fotografo di fama internazionale che ha reso immortali celebrities, brand e campagne pubblicitarie in tutto il mondo. leggi»

16/05/2024 - 25/08/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Nomads of the Future: A Stop in the Desert

"Nomads of the Future" in collaborazione con la galleria d'arte "Medina Art Gallery" e la residenza artistica "Arte a Fresa" presentano con orgoglio "A Stop in a Desert". leggi»

17/05/2024 - 23/05/2024

Lazio

Roma

Ingresso gratuito

Arte contemporanea Architetturamostre Roma

Ambienti 1956-2010. Environments by Women Artists II

Fino al 20 ottobre 2024 al Maxxi di Roma "Ambienti 1956-2010. Environments by Women Artists II", una mostra che mette al centro l'esperienza fisica come forma di conoscenza. leggi»

10/04/2024 - 20/10/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Wynnie Mynerva. Presagio

Fondazione Memmo presenta "Presagio", la prima mostra personale in Italia dell'artista peruviana Wynnie Mynerva, a Roma dal 8 maggio al 3 novembre 2024. leggi»

08/05/2024 - 03/11/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Fra Artisti III - una collezione particolare

Lo Studio Tibaldi Arte Contemporanea ospita la 3^ edizione della mostra di artisti contemporanei e moderni. leggi»

12/04/2024 - 30/04/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Ilaria Rezzi. Peccati Blu, I Sette Peccati Capitali tra luci e ombre

A Roma apre la mostra di arte contemporanea, "Peccati Blu", il 12 aprile 2024, ore 18:00, presso la Artesse Gallery - Roma, Via di Ripetta 16 - Fino al 31 maggio 2024. leggi»

12/04/2024 - 31/05/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Flaviana Pesce. Simboli svelati

La Galleria Vittoria di Via Margutta 103 a Roma, dal prossimo 19 aprile alle ore 18.00 ospita la personale "Simboli Svelati" di Flaviana Pesce, curata da Tiziana Todi. leggi»

19/04/2024 - 01/05/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Le tentazioni di Apollo

Il PRAC Centro per L'Arte Contemporanea di Ponzano Romano è lieto di presentare un grande progetto collettivo a cura di Graziano Menolascina e Sergio Pimpinelli. leggi»

12/05/2024 - 07/07/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Nicola Pucci. Clash

Von Buren Contemporary è lieta di presentare CLASH, la mostra personale di Nicola Pucci, con testo critico di Gianluca Marziani. leggi»

18/04/2024 - 14/05/2024

Lazio

Roma