Arte contemporaneaMostre a Milano

Luca Spano. Suspended

  • Quando:   02/03/2024 - 31/05/2024
Luca Spano. Suspended

Red Lab Gallery è lieta di annunciare la rappresentanza dell'artista Luca Spano, con l'occasione sarà allestita negli spazi della sede milanese l'esposizione personale Suspended a cura di Elisabetta Masala.

Attraverso un approccio antropologico, filosofico e scientifico, frutto di tre residenze artistiche tra l'Italia e la Germania, Luca Spano esplora i limiti biologici e tecnologici del vedere, indagando il rapporto tra visibile e invisibile e, in particolare, quella zona d'ombra compresa tra i due: l'ultimo punto conosciuto, un'area di confine il cui mistero invita alla scoperta.

Come afferma la curatrice della mostra:
"La poetica di Luca Spano parla di uno spazio liminale sospeso tra confini che non sono solo fisici, ma anche concettuali. Nella sua pratica, scienza, arte, antropologia e filosofia si fondono e si confondono in un fermo tentativo di oltrepassare la frontiera tra discipline. Perché, d'altronde, auto-incasellarsi entro una definizione rigida è pur sempre una forma di limite".

Il lavoro di Spano è infatti caratterizzato dalla sperimentazione di svariati media, dalla fotografia al video, alle sculture installative con assemblaggi di materiali differenti quali il vetro, il ferro, frammenti di ossidiana, sempre nell'ottica dell'interrogarsi su cosa sia un'immagine e quale sia il suo ruolo nella società contemporanea.

Il vernissage fissato per sabato 2 marzo ospiterà alle ore 17:30 una conversazione a più voci dal titolo "L'immagine del non visibile". La curatrice della mostra e l'artista dialogheranno con Ruggero Eugeni - docente di Semiotica dei Media all'Università Cattolica di Milano e Franco Lisi - Direttore scientifico Fondazione Istituto Ciechi di Milano Onlus. Modererà Giovanna Gammarota – Direttrice della rivista on line "tuttequellecose".... leggi il resto dell'articolo»

A partire dalle opere in mostra il dibattito si svilupperà su questioni centrali suggerite dalla storia della scienza e l'era post digitale, mettendo in discussione l'oculocentrismo della nostra società e esplorando come il non visibile guida i processi speculativi di creazione di conoscenza.

Il percorso espositivo di Suspended è stato concepito come un'evoluzione del progetto After the Last Image vincitore di Strategia Fotografia 2022, promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura, ed esposto lo scorso anno al MAN Museo d'arte della Provincia di Nuoro.

La mostra sarà accompagnata dalla pubblicazione bilingue "After the Last Image" edita da Mousse Magazine & Publishig con testi critici di: Elisabetta Masala, Giangavino Pazzola, Anna Caterina Dalmasso, Massimo Canevacci, Luca Spano e Giovanna Corraine, Franziska Perske e Maria Dienerowitz, Ute Dercks, Marco Santangelo.

La mostra proseguirà fino al 31 maggio 2024.

Testo critico

Sospeso come il tempo, come la percezione. Sospeso tra la vista e la sua assenza, tra i propri limiti e il loro superamento, tra questo mondo e l'altrove. Sospensione è la sensazione che attraversa Suspended, la mostra personale di Luca Spano presso la Red Lab Gallery di Milano, che propone una selezione di lavori dal 2022 ad oggi, ciascuno diverso per tecnica e materiali, ma tutti accomunati da una profonda coerenza di fondo.
La poetica di Luca Spano parla di uno spazio liminale sospeso tra confini che non sono solo fisici, ma anche concettuali. Nella sua pratica, scienza, arte, antropologiae filosofia si fondono e si confondono in un fermo tentativo di oltrepassare la frontiera tra discipline. Perché, d'altronde, auto-incasellarsi entro una definizione rigida è pur sempre una forma di limite. E l'artista i limiti intende superarli, indagando quella sottile linea tra visibile e invisibile che aiuta a costruire il sapere.

Far away Structures (2022) è una serie composta di otto elementi, ciascuno dei quali è il risultato di conversazioni che l'artista ha portato avanti con fisici e ricercatori con l'obiettivo di indagare la complessità dei fenomeni percettivi. L'opera diventa, così, parte di un esercizio di conoscenza, frutto della relazione che la scienza intesse con la vista e con l'immagine. Ogni lettera che compone il pensiero è sospesa su una lastra di vetro, trasformando la parola in un velo che separa due dimensioni. Col passare del tempo, il supporto in metallo che sorregge il vetro si arrugginisce, sfuggendo al controllo dell'artista. Questo procedimento è presente anche in The Meaning of Touching (2022), in cui una base di ferro arrugginito e il suo processo di ossidazione creano una geografia astratta non del tutto prevedibile, che trasmette al contempo l'idea dello scorrere del tempo e dell'inesorabile cambiamento che interessa ogni cosa. La serie mostra delle frasi criptate, ispirate a pensieri della filosofia greca incentrati sui meccanismi della vista.

Il sistema di lettura tattile viene sostituito dall'artista con vetri rotti aggettanti disposti per dar vita a dei concetti, proprio come i punti in rilievo del braille. Per decodificare le scritte bisogna essere disposti a ferirsi, il che rende il significato per certi versi inaccessibile, evidenziando la complessità del processo di cognizione. In relazione a quest'ultimo, la vista è ritenuta convenzionalmente il principale tramite per fare esperienza del mondo. Eppure, ogni lavoro di Luca Spano sembra suggerire che ciò non è del tutto vero. Ne è un esempio 35 days of radiation (2023), opera in cui l'artista rende visibile l'invisibile registrando nel proprio studio per trentacinque giorni, più volte al giorno, la presenza di particelle radioattive. Una presenza silenziosa, invisibile all'occhio nudo ma onnipresente forza di trasformazione di ciò che ci circonda.

Il viaggio nell'universo della conoscenza si conclude idealmente con As Far as (2024), che partendo dalla citazione dell'artista concettuale Lawrence Weiner "As Far as the Eye Can See", rende concreta la distanza tra lo sguardo umano e il mondo. Nell'installazione, frammenti di ossidiana che simbolicamente rappresentano il reale, fluttuano nello spazio. A poca distanza un occhio si muove freneticamente ma, nonostante i suoi sforzi, non riesce mai ad afferrare completamente il mondo che si trova davanti.
Non ci resta, dunque, che chiudere gli occhi... E iniziare a guardare.

Elisabetta Masala

Biografia dell'artista.

Luca Spano (1982, IT) è un artista multidisciplinare. Si è formato tra Europa e Stati Uniti, con una laurea in Scienze della Comunicazione alla Sapienza di Roma, un MA in fotografia alla London College of Communication a Londra e un MFA in arti visuali alla Cornell University a Ithaca (US). Il suo lavoro è stato esposto internazionalmente in musei, gallerie e festival come: Triennale di Milano, MACRO (Museo di Arte Contemporanea di Roma), BredaPhoto Festival (NL), Malta Festival (PL), Saavy Contemporary a Berlino (DE), Luis Adelantado Gallery (ES), Paolo Erbetta Gallery (IT), Caelum Gallery a New York, Istituto di Cultura Italiana di Parigi, Istituto di Cultura Italiana di Amburgo e l'Istituto Superiore Regionale Etnografico.

Luca è stato artista in residenza alla Fundacion Botin (ES), a NoArte Paese Museo (IT), Künstlerischen Tatsache (DE), Kultur einer Digitalstadt (DE) e visiting artist a Arts Letters and Numbers Residency (US) ed altri. Il suo lavoro ha ricevuto premi e grants come la MEAD Fellowship (UK), CCA Grant e Einaudi research grant (US), The John Hartell Award (US), Graziadei Prize (IT), il Premio del Paesaggio Regione Sardegna (IT), New Work Prospect Art Grant (US), Strategia Fotografia 2022 MiBACT (IT).

È stato uno dei direttori della agenzia fotografica OnOff Picture con sede a Roma, co-direttore dell'organizzazione NYC Creative Salon a New York, e ideatore di OCCHIO, un laboratorio di ricerca e didattica sull'immagine con sede a Cagliari.
Il suo lavoro è incluso in collezioni pubbliche e private come il Museo MAXXI di Roma, la collezione di libri d'artista della Cornell University, la collezione Graziadei e l'Istituto Superiore Regionale Etnografico Sardo e il Museo MAN di Nuoro.

PRINCIPALI MOSTRE PERSONALI:
2023 After the Last Image, Museo MAN Nuoro
2022 A Journey is an Inventory, Istituto Italiano di Cultura, Colonia, Germania
2019 Terra Incognita, Istituto Italiano di Cultura, Parigi, Francia

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Luca Spano. Suspended

Milano, Red Lab Gallery

Apertura: 02/03/2024

Conclusione: 31/05/2024

Organizzazione: Red Lab Gallery

Curatore: Elisabetta Masala

Indirizzo: Via Solari, 46 - 20144 Milano

Inaugurazione: Sabato 2 marzo ore 17.30

Sito web per approfondire: http://www.redlabgallery.com/



Altre mostre a Milano e provincia

Architettura Designmostre Milano

Cini Boeri nella biblioteca del parco

In occasione delle celebrazioni per il centenario della nascita di Cini Boeri, Triennale Milano e Archivio Boeri le dedicano la mostra "Cini Boeri nella biblioteca del parco", dal 15 al 28 aprile 2024. leggi»

15/04/2024 - 28/04/2024

Lombardia

Milano

Designmostre Milano

Gaetano Pesce. Nice To See You

Dal 19 al 23 aprile 2024, in occasione della Design Week, Milano celebra Gaetano Pesce, architetto, artista e design recentemente scomparso, con due progetti: "Nice to See You" e "L'Uomo Stanco". leggi»

19/04/2024 - 23/04/2024

Lombardia

Milano

ingresso libero

Arte contemporanea Sculturamostre Milano

Claudia Comte. Home Sweet Home

Vistamare è lieta di presentare "Home Sweet Home", personale di Claudia Comte, fino all'8 giugno 2024 a Milano. leggi»

11/04/2024 - 08/06/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Dady Orsi - Lo spazio dell'altrove

L'Associazione Dady Orsi organizza negli spazi espositivi della Galleria Carlo Orsi (Via Bagutta 14) la mostra "Dady Orsi - Lo spazio dell'altrove", a cura di Elena Pontiggia. leggi»

22/05/2024 - 31/05/2024

Lombardia

Milano

Fotografiamostre Milano

Mario Giacomelli. Questo ricordo lo vorrei raccontare

Nel contesto Mufoco20Fest il 24 febbraio 2024 inaugura la mostra del grande maestro della fotografia italiana Mario Giacomelli "Questo ricordo lo vorrei raccontare". leggi»

25/02/2024 - 19/05/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Giuseppe Veneziano. Art Design

La galleria Fabbrica Eos ospita, nel suo spazio di Viale Pasubio 8/a, dal 5 aprile all'11 maggio 2024 la mostra personale di Giuseppe Veneziano dal titolo ART DESIGN. leggi»

05/04/2024 - 11/05/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporanea Designmostre Milano

What? A homage to Alessandro Mendini by Philippe Starck

Triennale Milano ospita nell'Impluvium, dal 16 aprile al 16 giugno 2024, un'installazione ideata da Philippe Starck. leggi»

16/04/2024 - 16/06/2024

Lombardia

Milano

Designmostre Milano

Design Beyond East and West

Dal 16 aprile al 5 maggio 2024, Milano celebra il140° anniversario delle relazioni diplomatiche tra Corea e Italia con la mostra "Design Beyond East and West". leggi»

16/04/2024 - 05/05/2024

Lombardia

Milano

Fotografiamostre Milano

Robin Lopvet. Living Certosa

Dal 16 aprile a fine giugno 2024 arrivano al Milano Certosa District i grandi collage fotografici open air dell'artista Robin Lopvet, con la mostra diffusa "Living Certosa" a cura del collettivo Kublaiklan. leggi»

16/04/2024 - 30/06/2024

Lombardia

Milano