Arte contemporaneaMostre a Milano

Marco Tamburro. Attraverso

  • Quando:   01/03/2024 - 01/04/2024
  • evento concluso
Marco Tamburro. Attraverso
Marco Tamburro, Bipolare, 170x220

A un anno esatto dal lancio e forte del grande successo che ha riscosso fra il pubblico, ritorna "GAD, Galleria d'Arte Domestica", la neonata formula espositiva, ideata da Crudemon e curata dal critico d'arte Luca Cantore D'Amore, che si distingue per la sua concezione innovativa di esposizione artistica, collocando le opere all'interno di un ambiente domestico, nella suite al 25° piano della Torre GalFa a Milano.

Questa location offre non solo uno sfondo suggestivo, ma anche una vista mozzafiato a 360 gradi sulla città, conferendo un'atmosfera unica alle mostre. La scelta di presentare le opere d'arte in un contesto domestico si rivela vincente, poiché rispecchia l'idea che le case e gli appartamenti dei collezionisti e degli appassionati d'arte sono spesso la destinazione finale naturale per queste opere.

Questa prospettiva contrasta con il tradizionale approccio che associa il prestigio di un'opera alla sua esposizione in musei o istituzioni, ampliando così la concezione di dove e come l'arte può essere apprezzata e valorizzata. Inoltre, il formato delle mostre personali a cadenza mensile permette al pubblico di scoprire e apprezzare una varietà di artisti emergenti e affermati, promuovendo sia l'incontro tra appassionati d'arte che un contatto più diretto e informale tra il pubblico e gli artisti stessi.

Questo contribuisce a creare un ambiente inclusivo e stimolante per gli amanti dell'arte, offrendo loro non solo la possibilità di ammirare le opere, ma anche di interagire con coloro che le hanno create. In definitiva, "GAD, Galleria d'Arte Domestica" si conferma non solo come una vetrina per l'arte contemporanea, ma anche come uno spazio dinamico e interattivo dove la creatività e l'espressione artistica possono essere apprezzate e condivise in modo nuovo e coinvolgente.

La prima mostra del 2024, dal 1 marzo al 1 aprile, è "Attraverso" di Marco Tamburro (Perugia 1974) artista le cui opere, intrise di simbolismo, offrono uno sguardo penetrante sul "teatro della vita".... leggi il resto dell'articolo»

La rappresentazione di Tamburro, che mostra l'umanità come burattini impotenti in un intricato sistema di fili, riflette una visione profonda e talvolta struggente della condizione umana. L'artista stesso si inserisce nell'opera, quasi a sottolineare la sua stessa partecipazione e impotenza di fronte a questa rappresentazione della vita.

L'opera di Tamburro ha ottenuto ampio riconoscimento a livello internazionale, con mostre di rilievo in Italia e all'estero. La sua presenza alla Biennale di Venezia, al MAXXI di Roma e in altre importanti sedi, conferma il suo status di artista di grande talento e rilevanza nel panorama artistico contemporaneo. La sua capacità di affrontare temi universali attraverso un linguaggio artistico ricco di simbolismo ha attirato l'attenzione di gallerie e istituzioni pubbliche in tutto il mondo, consolidando ulteriormente la sua posizione nel mercato dell'arte globale.

"Se la storia è anche quella contemporanea, quella dei battiti e dei furori quotidiani di ognuno di noi, allora Marco Tamburro è a tutti gli effetti già uno storicizzato – afferma il curatore, Luca Cantore D'Amore -. L'artista, infatti, sembra non avere passato, né interessarsi del futuro - non badando a provenienze che per lui possono essere prigioni, né a direzioni precise che per lui possono rappresentare costrizioni, debiti con ciò che sarà - poiché le sue opere nascono, vivono e muoiono in un bagliore di eterno presente che dura il tempo effimero e velocissimo delle emozioni, ma che sa lasciare il peso specifico nella memoria di ciò che è stato e una riflessione concentratissima e senza soluzioni rispetto alle paure di quanto probabilmente sarà. Marco Tamburro, insomma, sembra conferire un tempo ben definito, sebbene volutamente brevissimo, a una riflessione simmetrica allo spazio che fa Gotthold Ephraim Lessing; l'autore tedesco, infatti, dice nel suo Lacoonte che la grazia è la bellezza in movimento. E allora se questo è vero, è altrettanto vero che l'emozione è la bellezza ferma nel momento. Ecco, i momenti di Marco Tamburro sono dei segmenti nella sconfinatezza dell'universo indifferente che producono emozioni di bellezza e alienazione, quasi di sconforto, nonostante la grazia delle sue composizioni, in riferimento all'enormità circostante che non solo ci trascura, ma che ci ignora e ci rende individui spersonalizzati con la violenza del silenzio che ci avvolge. Il grande talento di Marco Tamburro – conclude Cantore D'Amore, è quello di ipnotizzarci dinanzi a queste vedute in cui, magneticamente, ci riconosciamo: per immedesimazione, commozione e paura".

Note biografiche

Marco Tamburro (Perugia, 1974) vive e lavora a Roma. Dopo aver ottenuto il diploma in Architettura e Arredamento presso l'Istituto d'Arte di Perugia, nel 1994 si trasferisce a Milano, dove frequenta il corso di Scenografia all'Accademia di Belle Arti di Brera. Qui avvia una collaborazione con fotografi e scenografi e matura l'interesse per l'ambiente del teatro. Nel 1999 completa la sua formazione all'Accademia di Belle Arti di Roma. Nella capitale inizia a interagire con numerose compagnie teatrali e partecipa a mostre collettive e personali. In questi anni, la sua produzione si allontana progressivamente dall'uso dei ritagli fotografici per concentrarsi sulla pratica pittorica, scelta come medium principale per esplorare temi quali la vita quotidiana, la perdita di valori, l'esistenza, l'essere umano. Nel 2019 fonda a Roma la Factory Studio 8, promuovendo mostre e scambi con artisti internazionali. Il lavoro di Marco Tamburro è stato riconosciuto e presentato in numerosi spazi pubblici e privati tra cui: Palazzo Medici Riccardi, Firenze; MACRO Testaccio - La Pelanda, Roma; Black Square Gallery, Miami; Museo dell'Ermitage, San Pietroburgo; Castel dell'Ovo, Napoli; Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino; Padiglione Lazio, LIV Biennale di Venezia, Venezia; Galerie an der Pinakothek der Morderne / Barbara Ruetz, Monaco di Baviera.

Luca Cantore D'Amore (Salerno, 1991) tre lauree, in Architettura d'Interni e Interior Design al Politecnico di Milano, e in Storia dell'Arte, è un curatore e critico indipendente per istituzioni, gallerie, fondazioni e musei. Ha curato numerose mostre e progetti speciali. Si occupa di Storia e Critica dell'arte per riviste di settore ed è editorialista di magazine artistici. Si muove liquidamente dentro e oltre la professione, spaziando tra i vari ambiti della cultura e della comunicazione, attraverso media e modalità differenti: dalla carta stampata alla radio e alla televisione passando per lezioni o conferenze universitarie, pubbliche e private. Ha all'attivo un romanzo, "L'estetica del decanter", e vari volumi, testi e cataloghi artistici - tra i più prestigiosi si segnala "Rinascenza, dolore e furore" edito da Giorgio Arnaldo Mondadori e "Non sono io? Siete voi!", edito dalla Regione Friuli. È direttore artistico di "G.A.D." (Galleria d'Arte Domestica), della Fondazione Bartolomeo Gatto, de "Il Prisma. Design Human Life" per la verticale arte. Collabora con "Bimyou Communication". È consulente per brand italiani e internazionali per esposizioni e manifestazioni culturali.

GAD, Galleria d'Arte Domestica è un nuovo modo di avvicinarsi e godere dell'arte, uno spazio in cui le opere vengono esposte in modo "informale" alle pareti di una casa, proprio dove ogni appassionato o collezionista vorrebbe vederle. Una formula inusuale, in cui l'atmosfera è semplice, amichevole, colloquiale, dove il pubblico dialoga con l'artista per scoprire come nascono le opere, il loro senso, dove l'arte diventa argomento non solo di riflessione, ma di conversazione davanti a un bicchiere di champagne. Ideato da Massimiliano Pianta, Domenico Galeotti – fondatori di CrudeMon - il progetto prevede una mostra al mese dedicata ad artisti emergenti o già affermati.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Marco Tamburro. Attraverso

GAD, Galleria d’Arte Domestica

Apertura: 01/03/2024

Conclusione: 01/04/2024

Organizzazione: CrudeMon, Massimiliano Pianta, Domenico Galeotti

Curatore: Luca Cantore D’Amore

Indirizzo: Torre GalFa 25° Piano, via Alfredo Campanini, 12 - 20124 Milano

Inaugurazione: venerdì 1 marzo dalle ore 19.00 (su invito)

Orario: lunedì-venerdì 10.00-17.00 su appuntamento

Per info: +39 0291320473 | info@crudemon.com

Sito web per approfondire: https://crudemon.com/cru-de-art/



Altre mostre a Milano e provincia

Arte contemporaneamostre Milano

Giuseppe Veneziano. Art Design

La galleria Fabbrica Eos ospita, nel suo spazio di Viale Pasubio 8/a, dal 5 aprile all'11 maggio 2024 la mostra personale di Giuseppe Veneziano dal titolo ART DESIGN. leggi»

05/04/2024 - 11/05/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporanea Designmostre Milano

What? A homage to Alessandro Mendini by Philippe Starck

Triennale Milano ospita nell'Impluvium, dal 16 aprile al 16 giugno 2024, un'installazione ideata da Philippe Starck. leggi»

16/04/2024 - 16/06/2024

Lombardia

Milano

Designmostre Milano

Design Beyond East and West

Dal 16 aprile al 5 maggio 2024, Milano celebra il140° anniversario delle relazioni diplomatiche tra Corea e Italia con la mostra "Design Beyond East and West". leggi»

16/04/2024 - 05/05/2024

Lombardia

Milano

Fotografiamostre Milano

Robin Lopvet. Living Certosa

Dal 16 aprile a fine giugno 2024 arrivano al Milano Certosa District i grandi collage fotografici open air dell'artista Robin Lopvet, con la mostra diffusa "Living Certosa" a cura del collettivo Kublaiklan. leggi»

16/04/2024 - 30/06/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Haris Epaminonda vol. XXXI: Futurism Drama

Dal 10 aprile al 12 maggio 2024 presso il Museo del Novecento di Milano inaugura "VOL. XXXI: Futurism Drama", intervento site-specific dell'artista cipriota Haris Epaminonda. leggi»

10/04/2024 - 12/05/2024

Lombardia

Milano

Designmostre Milano

Iconic Women. Solo show by Domenico Pellegrino

"Iconic Women" dell'artista siciliano Domenico Pellegrino: dieci icone pop per dieci racconti, per dieci voci femminili che regalano un'anima alle installazioni luminose. leggi»

15/04/2024 - 26/04/2024

Lombardia

Milano

Designmostre Milano

KUO DUO. WORD PLAY: OBJECTS

In occasione della Milano Design Week 2024, Lapalma presenta la mostra "WORD PLAY: OBJECTS", prima personale a Milano dei KUO DUO. leggi»

15/04/2024 - 21/04/2024

Lombardia

Milano

Designmostre Milano

ALL IS WELL- GUESS WHO I AM?

Per il Fuorisalone 2024 in occasione della Milano Design Week nel Tortona Design District, lo Spazio Model+Studio di Via Novi ospiterà l'ambizioso evento espositivo ALL IS WELL- GUESS WHO I AM? leggi»

16/04/2024 - 21/04/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Italia 70. I nuovi mostri

70 artisti invadono le strade di Milano con "Italia 70. I nuovi mostri", il progetto di Fondazione Nicola Trussardi in concomitanza con miart, l'Art Week e la Design Week. leggi»

08/04/2024 - 22/04/2024

Lombardia

Milano