Michelangelo Pistoletto ospite di Relazionésimo

  • Quando:   04/11/2023
  • evento concluso

Incontri e culturaMostre a VicenzaMichelangelo PistolettoVicenza


Michelangelo Pistoletto ospite di Relazionésimo

Sabato 4 novembre, arriva a Vicenza Michelangelo Pistoletto, ospite di Relazionésimo, il progetto imprenditoriale, culturale e sociale di Ketty Panni e Ombretta Zulian. L'occasione è data dalla mostra La proporzione aurea. Un viaggio tra emozioni, armonia e conoscenza, in corso fino al 10 dicembre 2023 alla Basilica Palladiana. Pistoletto, artista italiano contemporaneo più famoso al mondo, interviene in mostra con una serie di opere legate al suo Segno Arte nella rilettura dell'Uomo Vitruviano, alla Formula della Creazione e con un inedito Terzo Paradiso interattivo e realizzato per l'occasione improntato ai concetti di proporzione e relazione.

Gli incontri con Michelangelo Pistoletto

Ore 15.00: Pistoletto sarà ricevuto jn Basilica Palladiana dal sindaco Giacomo Possamai che gli consegnerà un encomio a nome della città.  

Fino alle 17.00: L'artista sarà accompagnato a visitare la mostra da Ombretta Zulian, ideatrice di Relazionésimo, Fortunato D'Amico, curatore della Fondazione Pistoletto, Rolando Bellini, curatore della mostra, Marcella Gabbiani, progettista dell'allestimento, Marco Dotti, curatore della mostra storico bibliografica in biblioteca Bertoliana.  Imperdibile occasione per scoprire l'arte e l'impegno di Pistoletto anche attraverso un dialogo con l'architetto Fortunato D'Amico che introdurrà i visitatori alle sue opere in mostra. Sono presenti anche gli artisti che espongono in mostra: Erica Tamborini, Angelo Bonello, Jacopo Gonzato, Dies_, Matteo Riva, Duccio Forzano, Paolo Marangon. 

Ore 17.00: conferimento a Pistoletto del Premio Europeo delle Relazioni 2023 per il suo «fondamentale apporto alla realizzazione di un cambiamento consapevole e responsabile all'interno della società»

Alle 18.00 presso lo spazio conferenza Pistoletto dialogherà sulla "forma della creazione" con Fortunato D'Amico, presentazione del volume "La Formula della Creazione" .... leggi il resto dell'articolo»

Terzo Paradiso, l'opera di Michelangelo Pistoletto realizzata per la mostra. 

Fulcro della mostra La proporzione aurea, il Terzo Paradiso è luogo di nuove relazioni tra emozione e ragione, tra conoscenza e armonia, tra natura e tecnologia. Realizzandolo appositamente per la mostra in Basilica Palladiana, l'artista invita i visitatori a interagire, in un lavoro che è al tempo stesso estetico ed etico. "Il Terzo Paradiso, spiega Michelangelo Pistoletto, è un'opera che invita a prendere consapevolezza del necessario «passaggio a uno stadio inedito della civiltà planetaria, indispensabile per assicurare al genere umano la propria sopravvivenza. A tale fine occorre innanzitutto ri-formare i principi e i comportamenti etici che guidano la vita comune. Il Terzo Paradiso è il grande mito che porta ognuno ad assumere una personale responsabilità nella visione globale. Il termine paradiso deriva dall'antica lingua persiana e significa "giardino protetto". Noi siamo i giardinieri che devono proteggere questo pianeta e curare la società umana che lo abita».

La mostra

La mostra La proporzione aurea indaga il tema della proporzione aurea in un vertiginoso viaggio tra passato e futuro: dalla classicità, attraverso la grande mediazione rinascimentale, con al centro la figura di Luca Pacioli, fino alla riflessione contemporanea. Uno spettacolare percorso immersivo alla ricerca della formula per la bellezza con artisti come Pistoletto e Tamborini, ma anche attraverso video, installazioni, laboratori e incontri. Non è quindi una semplice mostra, ma un'immersione nel passato, presente e futuro, tra arte, scienza e tecnologia, tra voci lontane nel tempo e i grandi protagonisti della riflessione: quella di artisti ormai "storicizzati" come Michelangelo Pistoletto, con la sua inesausta ricerca di senso, dalla rilettura dell'uomo vitruviano al Terzo Paradiso realizzato appositamente per Relazionésimo. Una riflessione che la giovane Erica Tamborini, con il suo lavoro sulle trasformazioni dalla materia alla luce, riprende esplicitamente, a partire proprio dal focus vitruviano. In un gioco profondo di richiami e rimandi tra esponenti di primissimo piano delle diverse generazioni artistiche italiane.

Fino alle nuove frontiere dell'arte. Angelo Bonello, artista eclettico e direttore del Festival delle Luci di Brescia e Bergamo, con una sua installazione ispirata a Fibonacci lavora sul simbolismo della lettera "R" insistendo sui colori e sulla loro scala di proporzione. Paolo Marangon sviluppa il tema dei caratteri e del loro rapporto con l'armonia e il disordine, da Pacioli al font popolarizzato da Apple, Helvetica. Jacopo Gonzato presenta una serie di solidi platonici, realizzati in modo da far risuonare la materia nel momento in cui il visitatore entra in relazione con l'opera. Il pluripremiato videomapper Dies_ (Fabio Volpi) con una videoinstallazione immersiva ha dato vita alla scomposizione delle proporzioni di un'opera iconica come il Partenone. La straordinaria figura del matematico Luca Pacioli viene raccontata dal graphic designer Matteo Riva e dal regista Duccio Forzano in un video che prende le mosse proprio dal quadro che è anche il manifesto della mostra. Artisti diversi, accomunati dalla sfida agli stessi antichi ed eterni concetti: cos'è l'uomo, cosa definisce la sua esperienza del mondo. Cosa dà senso alla sua vita.

«In dialogo con la Basilica, la mostra - spiega il curatore, Rolando Bellini, storico dell'arte e docente di Storia dell'arte, Museologia ed Estetica all'Accademia di Belle Arti di Brera - mette in relazione artisti di diverse scuole e generazioni, da Michelangelo Pistoletto a Erica Tamborini, da Fibonacci a Leonardo, da Fidia a Luca Pacioli, tutti chiamati a confrontarsi con un tema al tempo stesso antico e attuale: quale rapporto c'è tra arte e scienza, tra etica e forme del bello? La risposta è nel percorso della mostra: quasi un viaggio iniziatico che, toccando temi e spunti classici - dalla sezione aurea alle proporzioni - li rende attuali nella forma dell'esperienza estetica».

In Palazzo Cordellina (sede della Biblioteca Civica Bertoliana) si trova una seconda sezione dell'esposizione in cui la tematica della mostra viene affrontata attraverso un percorso bibliografico e documentario di altissimo livello, con preziosi volumi sul tema di Albrecht Dürer e di Luca Pacioli, eclettico intellettuale rinascimentale, amico di Leonardo da Vinci e Piero della Francesca. La mostra intende farne conoscere l'opera, anche tramite i suoi libri: le edizioni originali della Summa De Arithmetica (1494) e del De divina proportione (1509), due volumi rari e preziosi. L'occasione della mostra è servita anche a compiere un intervento conservativo sui volumi esposti, sostenuto da Relazionésimo.

Luca Pacioli, matematico e frate francescano a cavallo tra XV e XVI secolo, ebbe influenza in ambiti come l'economia, la storia della stampa a caratteri mobili in terra veneta, lo sviluppo della scienza delle proporzioni, ma noto anche per aver ispirato il "Dare" e "Avere" nella forma dei conti "alla veneziana", conosciuta attualmente come "Partita Doppia".

«La mostra – ribadiscono le fondatrici di Relazionésimo, Ombretta Zulian e Ketty Panniè l'occasione per arrivare al cuore delle persone e comunicare, attraverso la via delle emozioni e dell'arte, concetti che la nostra società ancora fatica a capire, ma di cui sente il bisogno: il valore delle relazioni, la necessità di dare forma e forza a una nuova economia, il bisogno di spiritualità e bellezza. Gli artisti, in questo percorso, sono i "traduttori" di tali concetti, perché con il loro agire si collocano tra pensiero e azione, tra emozione e conoscenza. Grazie all'arte possiamo così divulgare messaggi complessi, offrendo a generazioni diverse un messaggio capace di generare fiducia e futuro. Un futuro che dobbiamo scrivere assieme nel nome della conoscenza, della bellezza e della relazione».

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Michelangelo Pistoletto ospite di Relazionésimo

Vicenza - Basilica Palladiana

Apertura: 04/11/2023

Conclusione: 04/11/2023

Curatore: Rolando Bellini

Indirizzo: Piazza dei Signori - 36100 Vicenza

Incontri con Michelangelo Pistoletto: ore 15.00 incontro con il sindaco | 15.30 -17.00 visita della mostra | ore 17.00 conferimento premio | ore 18.00 dialogo con l'artista

Per accedere agli eventi è necessario avere il biglietto della mostra. 

Orario: martedì - domenica ore 10.00 – 18.00 | sabato ore 10.00 – 19.00 | chiuso il lunedì

Biglietti disponibili su: https://www.ticketlandia.com/m/relazionesimo-it  e alla biglietteria della mostra | intero 15 euro | ridotto 10 euro e 5 euro



Altre mostre a Vicenza e provincia

Illustrazionemostre Vicenza

Illustri festival

Illustri Festival torna a colorare Vicenza dal 28 giugno al 29 settembre 2024, trasformando ancora una volta la città nella capitale italiana dell'illustrazione. leggi»

28/06/2024 - 29/09/2024

Veneto

Vicenza

Arte contemporaneaFotografiaSculturamostre Vicenza

Dieci piccole personali

La mostra "Dieci piccole personali", allestita nella palladiana Villa Pojana, si articola tra pittura scultura e fotografia, riunite dal titolo e dal fascino dell'architettura. leggi»

29/06/2024 - 31/07/2024

Veneto

Vicenza

Arte contemporaneamostre Vicenza

HM, HE, HA | Prima parte: Pesce Khete e Michele Tocca

La Fondazione Coppola è lieta di presentare negli spazi del Torrione di Porta Castello la mostra in due parti HM, HE, HA a cura di Elena Volpato e Davide Ferri.
 leggi»

02/06/2024 - 14/09/2024

Veneto

Vicenza

Arte contemporaneamostre Vicenza

POP/BEAT – Italia 1960-1979. Liberi di Sognare

"POP/BEAT – Italia 1960-1979. Liberi di Sognare", la grande mostra in Basilica Palladiana a VIcenza celebra la libertà, i sogni e la bella rivoluzione dal 2 marzo al 28 luglio 2024. leggi»

02/03/2024 - 28/07/2024

Veneto

Vicenza

Arte modernamostre Vicenza

Opere di Mario Mirko Vucetich. La donazione Breganze

La mostra "Opere di Mario Mirko Vucetich. La donazione Breganze" ripercorre le tappe più significative della vita e della carriera professionale dell'artista. leggi»

21/12/2023 - 29/09/2024

Veneto

Vicenza

Ingresso libero

Arte contemporaneamostre Vicenza

Piero Fogliati. La città Fantastica

Atipografia presenta "La città fantastica", personale dedicata a Piero Fogliati aperta al pubblico dal 25 maggio al 14 settembre 2024 ad Arzignano. leggi»

25/05/2024 - 14/09/2024

Veneto

Vicenza

Arte anticamostre Vicenza

Argilla. Storie di incontri

Prosegue fino al 9 settembre 2024 a Vicenza la mostra "Argilla. Storie di incontri", preziosa testimonianza della cultura della Grecia d'Occidente. leggi»

12/10/2023 - 08/09/2024

Veneto

Vicenza