Pittura del '700Mostre a Venezia

Ospiti a Palazzo. Il Molo verso la Riva degli Schiavoni con la colonna di San Marco

  • Quando:   27/03/2024 - 21/07/2024
Ospiti a Palazzo. Il Molo verso la Riva degli Schiavoni con la colonna di San Marco
Canaletto, Il Molo verso la Riva degli Schiavoni con la colonna di San Marco

A Palazzo Ducale il capolavoro di Canaletto "Il molo verso Riva degli Schiavoni con la colonna di San Marco": terzo protagonista di Ospiti a Palazzo, nella Quadreria di Palazzo Ducale dal 27 marzo.

Uno degli scorci più amati e più richiesti dagli aristocratici del Grand Tour, massima espressione della bellezza di Venezia, che da sempre ha affascinato i viaggiatori stranieri e che, nel Settecento, diventa immagine e "oggetto del desiderio" in tutta Europa grazie alla diffusione di un nuovo genere pittorico, il vedutismo. Tra i suoi massimi esponenti c'è Antonio Canal, meglio noto come Canaletto e tra le sue opere più celebri, riconducibili all'apice della sua maturità artistica, va certamente annoverata Il molo verso Riva degli Schiavoni con la colonna di San Marco (1735-1740): un dipinto in cui la prospettiva dell'impianto spaziale, la resa precisa delle architetture e la qualità della luce cristallina, che evoca in lontananza il pulviscolo atmosferico, riassumono al meglio la sua straordinaria produzione, dove ogni elemento della narrazione concorre alla resa dello spazio, alla vastità della visione, alla celebrazione di Venezia come città che sorge dalle acque, suscitando stupore e meraviglia.

È questo il terzo degli Ospiti a Palazzo, la rassegna che porta a Palazzo Ducale grandi esempi di opere pittoriche, volte a esaltare il ruolo di Venezia e dei suoi protagonisti nella storia e nella cultura europea e che, al contempo, rafforza il dialogo tra istituzioni museali, dal 27 marzo al 21 luglio, nella rinnovata Quadreria.

Come ricorda Francesca Tasso, Direttrice Area Musei del Castello, Musei Archeologici e Storici del Castello Sforzesco di Milano, sin dal Settecento Canaletto, attraverso le sue brulicanti vedute piene di luce e di vita, ha promosso l'immagine della città di Venezia in tutta Europa, contribuendo alla sua popolarità internazionale. Non è quindi un caso che i due grandi dipinti conservati nel Castello Sforzesco, "Il Molo verso la Riva degli Schiavoni con la colonna di San Marco" e "Il Molo verso la Zecca con la colonna di San Teodoro" (chiusura trionfale del percorso della Pinacoteca), siano tra le opere più amate e fotografate dal pubblico. Il prestito e l'esposizione a Palazzo Ducale di Venezia della seconda veduta - dominata dalla mole del fastoso edificio in cui viene ospitata - saranno pertanto da considerarsi non solo un'occasione eccezionale per ammirare un capolavoro di Canaletto, ma anche testimonianza del saldo legame tra Milano e Venezia e i rispettivi musei, reso possibile dalla valorizzazione del proprio patrimonio culturale.

L'esposizione a Palazzo Ducale di un dipinto iconico di Canaletto quale la Veduta del Bacino di San Marco con Palazzo Ducale, è conseguenza dei rapporti virtuosi che Fondazione Musei Civici di Venezia ha saputo instaurare con le più importanti e prestigiose istituzioni culturali italiane ed europee, in questo caso con il Castello Sforzesco di Milano, afferma Chiara Squarcina, Direttrice Scientifica di Fondazione Musei Civici di Venezia. Oltre a configurarsi come uno degli scorci più fortunati della produzione di Canaletto, l'opera, con la sua storia, testimonia di quel legame della città con la comunità inglese, che soprattutto nel Settecento accorreva in gran numero a Venezia. Vedute che si qualificano come souvenir di lusso realizzati soprattutto per i giovani aristocratici che, concluso il proprio Grand Tour, prima di lasciare Venezia desideravano conservarne memoria visiva. Il dipinto delle collezioni pubbliche milanesi è infatti parte di una coppia raffigurante le vedute opposte del Bacino di san Marco acquistata da Thomas Osborne (1713-1789), quarto duca di Leeds.... leggi il resto dell'articolo»

Ospiti a Palazzo

Un "ritorno a casa" dell'opera che raffigura, in tutta la sua maestosa armonia, Palazzo Ducale e che non solo rappresenta un prestito eccellente dalla Pinacoteca del Castello Sforzesco di Milano, ma con la sua collocazione all'interno della Quadreria offre anche un confronto con un interlocutore coevo, tra massimi esponenti della pittura veneziana del Settecento: Giambattista Tiepolo con la sua opera Nettuno offre a Venezia i doni del mare (1757-1758). Appositamente realizzata da Tiepolo per Palazzo Ducale, rappresenta il mito di Venezia come regina del mare, un'immagine che la classe dirigente voleva perpetuare.

I due artisti, pressoché coetanei, non potrebbero essere più differenti nella loro poetica. Se Canaletto (Venezia 1697 – 1768) si specializza nell'arte della veduta, nella resa precisa, lenticolare, della realtà circostante, eleggendo la città di Venezia a sua musa ispiratrice, Giambattista Tiepolo (Venezia 1696 – Madrid 1770) origina visioni d'incanto con scene popolate da divinità classiche, personaggi mitologici e allegorie. Affascinati inizialmente dall'aspro contrasto di luce e ombra, nel crescere degli anni la tensione chiaroscurale si apre, in entrambi, a una luminosità tersa, a uno stile più controllato e nitido.

Inaugurata nel 2022 con l'esposizione del capolavoro Maria Maddalena in estasi di Artemisia Gentileschi, e proseguita lo scorso anno con L'ultimo Senato della Repubblica di Venezia, di Vittorio Emanuele Bressanin, la rassegna Ospiti a Palazzo presenta quest'anno un autore veneziano celebre in tutto il mondo. Conservato presso la Pinacoteca del Castello sforzesco, il dipinto entrò a far parte delle collezioni pubbliche italiane soltanto in epoca recente, nel 1995, proveniente dalla collezione milanese del senatore Luigi Albertini.

Antonio Canal detto Canaletto (Venezia, 1697-1768) proviene da una famiglia di artisti. Il padre e il fratello erano pittori di scenografie, con loro Antonio collaborò agli allestimenti scenici nei teatri veneziani; ciò gli consentì di studiare la prospettiva e i suoi 'trucchi' ottici, fondamentali per la successiva carriera. Nel 1719 decise di abbandonare il teatro per dedicarsi alla pittura di vedute.
L'esordio fu dirompente. Rispetto ai suoi predecessori, il salto qualitativo venne subito avvertito dai contemporanei e il successo strepitoso delle sue vedute gli procurò importanti commissioni. È da porsi agli inizi del 1730 l'avvio del sodalizio con il banchiere, mercante e collezionista di altissimo lignaggio Joseph Smith, dal 1744 console britannico a Venezia. Un sodalizio destinato a lanciare Canaletto definitivamente nel panorama artistico internazionale. Smith teneva esposte nel suo palazzo ai Santi Apostoli dodici vedute del Canal Grande eseguite dal pittore, vero e proprio campionario per gli ospiti e potenziali acquirenti che frequentavano la sua casa. A scopo prettamente promozionale, Antonio Visentini fu incaricato di inciderle.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Ospiti a Palazzo. Il Molo verso la Riva degli Schiavoni con la colonna di San Marco

Venezia, Palazzo Ducale

Apertura: 27/03/2024

Conclusione: 21/07/2024

Organizzazione: Palazzo Ducale

Indirizzo: Piazza San Marco, 1 - 30124 Venezia

Orari: aperto tutti i giorni - dal 01 aprile al 31 ottobre: 9.00 – 19.00 (ultimo ingresso ore 18.00)

Biglietti:

  • Biglietto intero: 25,00 euro
    Prezzo per ingresso con acquisto online con un anticipo superiore a 30 giorni rispetto alla data di visita
  • Biglietto intero: 30,00 euro
  • Biglietto ridotto: 13,00 euro
    Prezzo per ingresso con acquisto online con un anticipo superiore a 30 giorni rispetto alla data di visita
  • Biglietto ridotto: 15,00 euro

Sito web per approfondire: https://palazzoducale.visitmuve.it/



Altre mostre a Venezia e provincia

Cinemamostre Venezia

Nebula

In occasione di Biennale Arte 2024 Fondazione In Between Art presenta "Nebula", mostra con otto video installazioni dal 17 aprile al 24 novembre 2024 presso il complesso dell'Ospedaletto a Venezia. leggi»

17/04/2024 - 24/11/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Padiglione Perù alla 60. Esposizione Internazionale d'Arte - La Biennale di Venezia

Latente è il titolo del Padiglione Uruguay alla 60. Esposizione Internazionale d'Arte della Biennale di Venezia. leggi»

20/04/2024 - 24/11/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Padiglione Uruguay alla 60. Esposizione Internazionale d'Arte - La Biennale di Venezia

Latente è il titolo del Padiglione Uruguay alla 60. Esposizione Internazionale d'Arte della Biennale di Venezia. leggi»

20/04/2024 - 24/11/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Padiglione della Repubblica del Camerun
alla 60. Esposizione Internazionale d'Arte - La Biennale di Venezia

La Repubblica del Camerun torna protagonista alla 60. Esposizione Internazionale d'Arte – La Biennale di Venezia, con il progetto "Nemo propheta in patria". leggi»

20/04/2024 - 24/11/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Cen Long. Seminare speranza

Crux Art Foundation presenta la mostra "Seminare speranza" con opere dell'artista Cen Long in occasione della 60. Esposizione Internazionale d'Arte La Biennale di Venezia. leggi»

20/04/2024 - 24/11/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

La Biennale di Venezia. 60. Esposizione Internazionale d'Arte. Stranieri Ovunque - Foreigners Everywhere

Sarà aperta al pubblico da sabato 20 aprile a domenica 24 novembre 2024, la 60. Esposizione Internazionale d'Arte dal titolo Stranieri Ovunque – Foreigners Everywhere. leggi»

20/04/2024 - 24/11/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Klaus Littmann. Arena for a Tree

L'installazione Arena for a Tree (Arena per un albero) di Klaus Littmann sarà presentata a Venezia per la prima volta. leggi»

16/04/2024 - 31/07/2024

Veneto

Venezia

Sculturamostre Venezia

Futurismi Contemporanei, da Boccioni a Guerriero

Dal 16 marzo al 2 maggio Villa Valmarana ospita "Futurismi Contemporanei, da Boccioni a Guerriero" mentre nel Parco saranno esposte le "Epifanie". leggi»

16/03/2024 - 02/05/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Kuril Chto. Under Jove's Protection

Dal 17 aprile al 17 maggio 2024, in concomitanza con la 60ma Biennale d'Arte di Venezia apre al pubblico "Under Jove's protection", personale di Kuril Chto dal titolo, a cura di Valentin Diakonov. leggi»

17/04/2024 - 17/05/2024

Veneto

Venezia