Arte contemporaneaMostre a Milano

Presenze Indefinite. Massimo Lagrotteria e Tina Sgrò

  • Quando:   12/03/2024 - 31/01/2025
Presenze Indefinite. Massimo Lagrotteria e Tina Sgrò
Tina Sgrò, Interno, 2022_Acrilico su legno, 60x80

Isorropia Homegallery e Signature by Regus sono lieti di annunciare dal 12 marzo 2024 al 31 gennaio 2025 la mostra Presenze Indefinite, opere di Massimo Lagrotteria e di Tina Sgrò, al 6° piano di Signature Duomo (Via San Raffaele, 1 Milano). L'iniziativa fa parte di un approccio culturale che si sviluppa all'interno degli spazi di lavoro come valore aggiunto al vivere quotidiano. Porte aperte all'arte e alla cultura per creare un dialogo multidisciplinare a sostegno della crescita di persone e imprese.

In mostra una ventina di opere dei due artisti in un dialogo intenso e suggestivo. Se Massimo Lagrotteria basa la propria ricerca su una pittura che ha il suo perno nella figura umana, analizzata in ogni suo aspetto, dall'altro Tina Sgrò rappresenta spazi urbani e domestici, privi della figura umana, ma che ne sottintendono tuttavia la presenza. Entrambe gli artisti articolano un racconto che si dibatte sul grande tema dell'uomo e del suo posto nel mondo. Introspezioni e proiezioni, dilemmi mai sopiti che si dipanano nel percorso di Lagrotteria e Sgrò.

Massimo Lagrotteria è un artista eclettico che si muove tra pittura e scultura, la sua ricerca affonda le sue radici nel sondare il flusso dell'esistenza nel suo scorrere cristallizzandone istanti che prendono vita nella matericità dell'opera stessa. Lagrotteria esplora la figura in tutte le sue forme, in una continua ricerca che impegna diversi supporti dalla tela al rame fino al forex e al cartone attraverso un gesto pittorico immediato che richiede tuttavia tempi lenti e pazienza per stratificare il colore. Successivamente l'artista scarnifica letteralmente e rimuove la materia pittorica al fine di arrivare all'essenza archetipica dei soggetti ritratti.

"È un dialogo continuo tra opposti, esseri che baluginano da un fondo scuro cosparso di bitume, e, come una rivelazione epifanica, manifestano la loro aura. Pochi tocchi di colore, oltre al nero, perché l'artista è alla ricerca dell'invisibile e dello spirito per dare concretezza al sentimento che è centro della sua opera e a queste forme che si manifestano cercando di occupare uno spazio vuoto, nel conflitto perenne dell'artista tra la necessità di togliere e dissolverle e la spinta poi a farle rivivere in una forma diversa – afferma Rebecca Delmenico critica d'arte e curatrice -. Nel procedere compositivo Lagrotteria usa spatole e gesti rapidi che restituiscono effigi di volti e corpi colti in un istante sospeso: dalla classe ripresa nella foto di fine anno, all'uomo fermo in piedi, pronto a lottare, fino alle due donne che sembrano intente a perder tempo chiacchierando. In un'altra serie l'artista presenta dei ritratti che vanno da volti che appartengono alla statuaria classica a volti di giovani donne con uno sguardo insondabile e intrigante".

Senza titolo... leggi il resto dell'articolo»

Massimo Lagrotteria, Senza titolo. Olio su tela, 70x80

La poetica di Tina Sgrò ha il proprio cardine nella consacrazione della consuetudine, dell'oggetto quotidiano, della poesia che si cela in esso. Le ambientazioni, nelle opere, vivono delle cromie e diventano atmosferiche, stranianti e oniriche. Protagonisti gli oggetti e gli ambienti della vita di tutti i giorni che vivono nella duplicità fra le presenze e l'assenza umana, che passa e lascia le sue tracce, prima di abbandonarli. Il segno pittorico è repentino, robusto, rapido, il duello tra luce e ombra rimanda a una dimensione psicologica volta all'introspezione come atto necessario per scoprire una dimensione altra.

Racconti che narrano la successione di attimi vitali, le scie di luce si stagliano come tracce di quella memoria che impregna i luoghi dipinti dall'artista con un intento poetico, che vada oltre la loro mera rappresentazione fisica, ed è l'ignoto a prevalere in un altalenarsi fra luce e ombra, interno ed esterno come un percorso nei luoghi dell'anima. Nelle opere si passa da interni borghesi esaltati nella loro estetica a potenti vedute di paesaggio metropolitano in cui l'artista delinea le nervature del tessuto urbano afferrandone tanto la forma quanto l'essenza per farle vivere come testimonianza del tempo e dello spirito.

Note biografiche

Massimo Lagrotteria, Lucerna 1972. Fin da bambino dimostra una notevole capacità nel disegno. Negli anni segue la sua passione, sviluppando progressivamente la tecnica figurativa che sarà e rimarrà il leit motiv della sua poetica pittorica.

Alcuni viaggi a New York gli permettono di confrontarsi con la tecnica della veduta che sfocerà ad una raccolta dedicata alla Grande Mela, accanto ai volti e ai corpi, sempre presenti nella sua produzione. Lagrotteria attraverso la sua arte, è in costante ricerca di un "equilibrio dell'esistenza". Una lenta, inesorabile sottrazione della figura umana dall'oblio per mezzo di un gesto pittorico lieve che attraverso l'espressività serenamente rassegnata dei volti non sfocia mai in una Hybris dell'umano contro il Niente, ma in un'affermazione consapevole e serena dell'esistenza umana.

Tina Sgrò, Reggio Calabria 1972. Vive e lavora a Reggio Calabria, dove matura il suo percorso didattico e formativo. Le sue inclinazioni artistiche emergono fin dalla prima infanzia. Frequenta l'Istituto Statale d'Arte di Reggio Calabria e da inizio ad un percorso artistico/emozionale che sarà importante nella sua vita di donna ed artista. Consegue poi il Diploma di Pittura presso un'Accademia di Belle Arti italiana ed inizia il suo percorso artistico con la partecipazione a prestigiosi concorsi di pittura e a numerose mostre collettive. Nel 2021 si è svolta una sua personale presso il Mart di Rovereto, Museo di Arte Moderna e Contemporanea. Una sua opera è nella collezione museale del Mart.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Presenze Indefinite. Massimo Lagrotteria e Tina Sgrò

Apertura: 12/03/2024

Conclusione: 31/01/2025

Organizzazione: Isorropia Homegallery e Signature by Regus

Luogo: Milano, Signature Duomo

Indirizzo: Via San Raffaele, 1 - Milano

Inaugurazione: lunedì 11 marzo 2024 ore 17-20

Per info: Ingresso solo su registrazione: info@isorropiahomegallery.org

Orari: solo su appuntamento, previa registrazione

Sito web per approfondire: https://isorropiahomegallery.org/

Facebook: isorropiahomegallery



Altre mostre a Milano e provincia

Design

Design Beyond East and West

Dal 16 aprile al 5 maggio 2024, Milano celebra il140° anniversario delle relazioni diplomatiche tra Corea e Italia con la mostra "Design Beyond East and West". leggi»

16/04/2024 - 05/05/2024

Lombardia

Milano

Fotografia

Robin Lopvet. Living Certosa

Dal 16 aprile a fine giugno 2024 arrivano al Milano Certosa District i grandi collage fotografici open air dell'artista Robin Lopvet, con la mostra diffusa "Living Certosa" a cura del collettivo Kublaiklan. leggi»

16/04/2024 - 30/06/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporanea

Haris Epaminonda vol. XXXI: Futurism Drama

Dal 10 aprile al 12 maggio 2024 presso il Museo del Novecento di Milano inaugura "VOL. XXXI: Futurism Drama", intervento site-specific dell'artista cipriota Haris Epaminonda. leggi»

10/04/2024 - 12/05/2024

Lombardia

Milano

Mostre tematiche

Navillains and Friends | Pop Up Exhibition

Dal 20 al 21 aprile, Navillains Studio (Alzaia Naviglio Pavese 14) Navillains&Friends | Pop Up Exhibition è una mostra/open studio organizzata dal collettivo artistico Navillains. leggi»

20/04/2024 - 21/04/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporanea

Italia 70. I nuovi mostri

70 artisti invadono le strade di Milano con "Italia 70. I nuovi mostri", il progetto di Fondazione Nicola Trussardi in concomitanza con miart, l'Art Week e la Design Week. leggi»

08/04/2024 - 22/04/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporanea Design

Io sono un drago. La vera storia di Alessandro Mendini

Triennale Milano e Fondation Cartier pour l'art contemporain presentano, nell'ambito del loro partenariato culturale, un doppio omaggio ad Alessandro Mendini. leggi»

13/04/2024 - 13/10/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporanea Architettura

Chiara Camoni. Chiamare a raduno

Chiara Camoni presenta "Chiamare a raduno. Sorelle. Falene e fiammelle. Ossa di leonesse, pietre e serpentesse.", la sua architettura di collettività e raccoglimento da Hangar Bicocca, dal 15 febbraio. leggi»

15/02/2024 - 21/07/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporanea

Nari Ward. Ground Break

Fino al 28 luglio 2024 Pirelli HangarBicocca a Milano dedica a Nari Ward una retrospettiva che raccoglie per la prima volta una selezione di opere basate sull'idea di tempo, performatività e collaborazione. leggi»

28/05/2024 - 28/07/2024

Lombardia

Milano

Ingresso gratuito, prenotazione consigliata