Arte contemporanea‎Mostre a Padova

Renato Pengo. Vibrazioni Cosmiche

  • Quando:   13/01/2024 - 25/02/2024
  • evento concluso
Renato Pengo. Vibrazioni Cosmiche

Sabato 13 gennaio 2024 è stata inaugurata l'importante mostra dell'artista multimediale Renato Pengo dal titolo "Vibrazioni Cosmiche" (10 anni di inediti dal 2013 al 2023: 80 opere esposte e sezione video), visitabile fino al 25 febbraio, promossa dal Comune di Padova con il patrocinio del Dipartimento dei Beni Culturali: archeologia, storia dell'arte, del cinema e della musica dell'Università degli Studi di Padova, curata da Guido Bartorelli, Giovanni Bianchi, Luca Luciani.

"Bisogna porsi domande, nel buio involontario senza gravità.

Percorrere il sentiero obbligato lasciando impronte di effimere
indulgenze, verso la luce promessa del vuoto energetico"
Renato Pengo

Negli ultimi dieci anni la ricerca di Renato Pengo si è indirizzata verso una profonda riflessione sulla visione facendo sempre riferimento al momento in cui questa è entrata in crisi, e cioè quando si è manifestato lo shock tecnologico, tipico della modernità, che rende difficile ricomporre in un vero e proprio "vissuto" quanto man mano percepiamo. Siamo soggetti ad un "affaticamento" visivo, ad una iperstimolazione, che ha compromesso la nostra capacità di contemplare e di provare emozioni nell'atto di osservare. In risposta a questa saturazione, dovuta ad un consumo indiscriminato di rappresentazioni, Pengo mantiene fede al suo impegno di tenere viva l'analisi critica; credendo «nell'evoluzione del pensiero e nella possibilità che il linguaggio alchemico possa diventare anche un bisogno», sceglie di continuare a «volare più in alto e nei luoghi estremi del visibile e dell'invisibile».

La mostra "Pengo. Vibrazioni cosmiche" allestita presso la Galleria civica Cavour  presente per la prima volta al pubblico una selezione delle opere di Renato Pengo appartenenti a cicli recenti (dieci anni di indediti: 2013-2023).... leggi il resto dell'articolo»

Il percorso espositivo si concentra principalmente su quattro serie pittoriche: Visioni interiori (dal 2013), Visionarie presenze (dal 2014), Geometrie del vuoto (dal 2018) e Vibrazioni cosmiche (su tela dal 2019; su plexiglass dal 2023), conseguenti l'una all'altra come le tappe di un percorso interiore in togliere, verso l'invisibile.
Con fare analitico, la pittura di Pengo muove dall'elaborazione del motivo della neve televisiva per trasfigurarlo in texture che non smettono di dichiarare la propria origine, pur nella variazione sistematica. Esse sono declinate in relazione con la superficie del supporto, con l'andamento perturbato dei segni e le strutture instabili che ne emergono, sospese tra geometria e fluttuazione.
Focus della mostra sono le Vibrazioni cosmiche, ultimi lavori di Pengo che si presentano come indagini approfondite sui temi del vuoto e della trasparenza. Il materiale scelto è il plexiglas, composizione plastica che si sostituisce alla tela e alla pittura e permette all'artista di lavorare e sperimentare sul concetto, a lui caro, di visibile e invisibile.
L'ambiguità spaziale del supporto, che mette in discussione il concetto di profondità, si rivela un significativo "territorio" generativo. "Scivolando" nel vuoto, Pengo vuole ristabilire un contatto tra visibile e invisibile per riconsegnare allo spettatore il senso e il valore della visione.

Ad affiancare le opere esposte, un'importante sezione è dedicata a cinque video realizzati da Pengo che offrono la possibilità di conoscere un altro aspetto interessante della sua ricerca artistica, dove il rapporto tra dipinti e schermo è imprescindibile. Se l'artista dipinge schermi, pur con tutte le ambiguità che il cortocircuito macchina-mano comporta, è giusto che lo schermo sia in mostra per permettere al pubblico di scoprire, nella diversità fisica, il legame di appropriazione.

Ma essendo Pengo videoartista oltre che pittore, lo schermo c'è pure per trasmettere opere-video, che perseguono anch'esse l'indagine del visibile: Shock (1991), Scivolare (1993), Diamente (1996), Sogni-sogno (1998), Traparentesi (1998).

La mostra è accompagnata da un ricco catalogo illustrato che, oltre a presentare i lavori esposti, offre l'opportunità di approfondire alcuni aspetti legati al suo lavoro, con un affondo storico sugli anni Settanta e sulla pratica performativa. Completa il catalogo un accurato apparato biografico e bibliografico.

"Pengo. Vibrazioni cosmiche" è promossa dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Padova con il patrocinio del Dipartimento dei Beni Culturali: archeologia, storia dell'arte, del cinema e della musica dell'Università degli Studi di Padova.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Renato Pengo. Vibrazioni Cosmiche

Apertura: 13/01/2024

Conclusione: 25/02/2024

Curatore: Guido Bartorelli, Giovanni Bianchi, Luca Luciani

Luogo: Padova, Galleria Cavour

Indirizzo: Piazza Cavour – 35122 Padova

Orario: da martedì a domenica, ore 15.00-20.00

Per info sulla mostra: infocultura@comune.padova.it | +39 0498204544

Per info sull'artista: www.renatopengo.it



Altre mostre a Padova e provincia

Arte contemporanea‎

Fabrizio Plessi. Nero Oro

Dal 6 aprile al 13 ottobre 2024 a Padova si tiene "Nero Oro" la mostra monografica dedicata a Fabrizio Plessi che racconta l'evoluzione del tema dell'Oro nella sua poetica.| leggi»

06/04/2024 - 13/10/2024

Veneto

Padova

Ingresso libero

Arte contemporanea‎

Federica Fontolan. Parole tra lo Spazio e il Silenzio

Federica Fontolan esplora il potere delle parole come veicolo di significato e trasformazione in "Parole tra lo Spazio e il Silenzio" dal 2 al 17 marzo 2024 a Limena. leggi»

02/03/2024 - 17/03/2024

Veneto

Padova

Ingresso gratuito

Arte contemporanea‎

Mari Contrapposti: Orizzonti. Pietro Faggin / Rordick Dixon Gently

Dal 24 febbraio al 9 marzo 2024 Galleria Città di Padova presenta "Mari Contrapposti : Orizzonti" di Pietro Faggin e Rodrick Dixon Gently in un'unione ideale tra Mar dei Caraibi e il Mar Mediterraneo. leggi»

24/02/2024 - 09/03/2024

Veneto

Padova

Ingresso libero

Arte moderna Pittura del '800

Da Monet a Matisse. French Moderns 1850–1950

A Palazzo Zabarella a Padova si accendono i riflettori sul modernismo francese con la mostra "Da Monet a Matisse. French Moderns, 1850–1950". leggi»

16/12/2023 - 12/05/2024

Veneto

Padova

Arte moderna

Monet. Capolavori dal Musée Marmottan Monet di Parigi

Dal 9 marzo al 21 luglio Monet in mostra a Padova con i capolavori cui teneva di più, le "sue" opere, quelle che ha conservato gelosamente nella sua casa di Giverny, provenienti dal Musée Marmottan. leggi»

09/03/2024 - 21/07/2024

Veneto

Padova

Fotografia

Mimmo Cattarinich. Backstage

Dal 9 febbraio al 16 giugno 2024 il Museo Villa Bassi ad Abano Terme ospita "Backstage" del grande fotografo di scena Mimmo Cattarinich, testimone dell'opera di Maestri assoluti del cinema. leggi»

09/02/2024 - 16/06/2024

Veneto

Padova

Arte contemporanea‎

Orditi della razionalità

Orditi della razionalità è una collettiva di carattere internazionale dove le opere della collezione della Fondazione Alberto Peruzzo dialogano con importanti opere provenienti da altre collezioni. leggi»

11/11/2023 - 03/03/2024

Veneto

Padova

Ingresso gratuito

Arte contemporanea‎

Esther Stocker. Uno scenario mentale

La Fondazione Alberto Peruzzo dedica a Esther Stocker l'ultima mostra del 2023, che proseguirà fino a marzo 2024, allestita nella navata della Nuova Sant'Agnese. leggi»

11/11/2023 - 03/03/2024

Veneto

Padova

Ingresso gratuito

Fotografia

Giotto. La Cappella degli Scrovegni nella fotografia tra ‘800 e ‘900

Dal 28 ottobre 2023 al 7 aprile 2024, il Museo Eremitani di Padova propone la mostra Lo Scatto di Giotto. La Cappella degli Scrovegni nella fotografia tra '800 e '900. leggi»

28/10/2023 - 07/04/2024

Veneto

Padova