Architettura DesignEventi e spettacoli a Roma

AALTO - Aina Alvar Elissa. La dimensione del progetto

  • Quando:   14/12/2023 - 26/05/2024
AALTO - Aina Alvar Elissa. La dimensione del progetto

«La vera architettura esiste solo quando pone al centro l'essere umano» aveva detto Alvar Aalto nel 1958 e intorno a questa filosofia dell'architettura è allestita una mostra sul progettare dell'architetto finlandese che disegna insieme alla moglie edifici ma anche elementi di arredo che hanno fatto la storia.

Per Alvar Aalto, Aino Marsio ed Elissa Mäkiniemi questa affermazione rappresenta il punto di partenza per l'ideazione di un concetto completamente nuovo e rivoluzionario di architettura, destinato a lasciare un'impronta indelebile in Europa e nel mondo.

Nella visione degli Aalto architettura, arte e design sono parti inscindibili di un unicum. Edifici che sono diventati icone influenzando architetti di tutto il mondo e oggetti di design che, anche grazie all'attenzione dello Studio per la produzione in serie a basso costo, sono entrati nelle case di molte persone e sono ancora oggi in produzione.

La mostra AALTO – Aino Alvar Elissa. La dimensione umana del progetto, a cura di Space Caviar e al MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo dal 14 dicembre 2023 al 26 maggio 2024, testimonia l'incrollabile impegno dello studio nel porre l'esperienza umana al centro della propria visione.

Un fil rouge che unisce progetti e ambiti di ricerca diversi tra loro: dai circoli operai ai municipi, da abitazioni unifamiliari a complessi residenziali, da oggetti e mobili pensati per la vita quotidiana al lavoro con il vetro, i tessuti, le luci e l'arredamento per bambini.
Tutte testimonianze di un'idea di architettura e di design pensata per le persone, accogliente e funzionale, in equilibrio con l'ambiente e caratterizzata dalle inconfondibili linee fluide e ondulate (aalto in finlandese significa proprio onda).
Fondato in Finlandia nel 1923, lo Studio Aalto nasce in un periodo di rapido e turbolento cambiamento, mentre il Paese stava costruendo la sua nuova identità di nazione libera.
Aino Marsio, architetta e prima moglie di Alvar, è fondamentale nella formazione della filosofia progettuale dello studio nei primi anni. Un sodalizio che darà vita ad alcuni tra i progetti più celebri, come ad esempio il Sanatorio di Paimio.
Nel 1952, tre anni dopo la prematura scomparsa di Aino, Alvar sposa Elissa Mäkiniemi, anch'ella architetta, dando inizio a una nuova e fervida collaborazione creativa, che condurrà a un'apertura internazionale senza precedenti nella storia dell'architettura finlandese.... leggi il resto dell'articolo»

La mostra al MAXXI abbraccia cinque decenni di attività dello Studio Aalto, raccontati attraverso una selezione di undici progetti tra i più significativi, realizzati a partire dagli anni Venti fino all'inizio degli anni Ottanta: la Casa sperimentale sull'isola di Muuratsalo in Finlandia (1952 – 1954), residenza estiva le cui facciate sono il risultato della composizione di differenti tipologie di mattoni e ceramiche e a cui si ispira il progetto di allestimento ideato dallo stesso studio Space Caviar; la Casa del popolo di Jyväskylä, in Finlandia (1924 – 1925), primo edificio pubblico di rilievo progettato dallo studio; la Biblioteca civica di Viipuri, in Russia ma all'epoca della sua realizzazione (1927 – 1935) ancora compresa nel territorio finlandese; il Centro civico di Säynätsalo, Finlandia (1949-1952), architettura dal carattere unico, che si apre alla cittadinanza con i suoi ambienti a misura d'uomo; la Biblioteca dell'Abbazia di Mount Angel a St. Benedict, in Oregon – USA (1964 – 70), adagiata sul pendio della montagna e il cui progetto fu modificato per salvare due maestosi alberi d'abete; Villa Mairea a Noormarkku, Finlandia (1937 - 39) uno degli edifici simbolo dell'architettura del Novecento, rappresentata in mostra anche da una ricostruzione in scala 1:1 dell'iconica kidney pool; L'Istituto nazionale della previdenza sociale di Helsinki (1948 – 1957), un complesso di diversi volumi connessi tra loro sia in superficie che nel sottosuolo; la Chiesa e centro parrocchiale di Riola di Vergato, in Italia (1966 – 1980), progetto dalla storia complessa, che sarà realizzato dopo la morte dell'architetto, ma che testimonia il legame speciale, più volte ribadito, di Aalto con l'Italia; i dormitori del MIT a Cambridge, Massachusetts – USA (1947 – 1949), in grado di accogliere 353 studenti in 43 stanze di forme differenti; il Sanatorio di Paimio, in Finlandia (1929 – 1933), edificio che consacrerà lo studio alla fama internazionale, concepito come uno strumento medico in grado di contribuire alla guarigione dei pazienti; l'insediamento industriale di Sunila, quartiere della città portuale di Kotka, in Finlandia, di cui Aalto disegnò in diversi momenti, dal 1936 al 1954, il piano generale, una cartiera e alloggi per tutti gli operai della fabbrica.

Cinque approfondimenti sono poi dedicati ad altrettanti ambiti di ricerca e attività dello studio: il lavoro con vetro, tessuti, luci, arredi per bambini e con la pionieristica impresa dell'azienda Artek, concepita dagli Aalto per sfruttare sapientemente le vaste potenzialità della produzione di massa nel settore dell'arredamento.
Esposti nella reading room all'inizio del percorso di mostra una selezione di arredi diventati vere e proprie icone del design moderno, come la sedia di Paimio e lo sgabello Stool 60.

Completa il racconto il progetto FPO (For Position Only) di Ramak Fazel, invitato dal MAXXI a esplorare con la sua macchina fotografica le architetture di Aino, Alvar ed Elissa Alto e il loro impatto sulla la vita attuale delle comunità, in viaggio tra l'Italia, la Finlandia e gli Stati Uniti.

Infine, il videogioco Hide and Seek in Architecture, realizzato dallo studio Space Caviar in occasione della mostra in collaborazione con Meta: un'esperienza immersiva nell'ambiente VR di Meta Quest che invita il giocatore a nascondersi nella geniale Casa Sperimentale a Muuratsalo.

Accompagna la mostra anche un percorso accessibile, con modelli tattili e disegni in rilievo, nato dalla co-progettazione con persone sorde e con disabilità visiva e parte del progetto di accessibilità MAXXIperTUTTI (finanziato dall'Unione europea – Next Generation EU, nell'ambito del bando del Ministero della Cultura "Rimozione delle barriere fisiche e cognitive in musei, biblioteche e archivi").

A partire da febbraio inoltre sono previste visite guidate e laboratori per bambini in LIS, nonché visite guidate e laboratori tattili per adulti e famiglie con bambini con disabilità visiva e non.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

AALTO - Aina Alvar Elissa. La dimensione del progetto

Apertura: 14/12/2023

Conclusione: 26/05/2024

Organizzazione: Fondazione Maxxi

Curatore: Space Caviar

Luogo: Roma, Maxxi

Indirizzo: via Guido Reni, 4a - 00196 Roma

Orario: martedì-domenica 11.00-19.00

Per info: +39 06 3201954 | infopoint@fondazionemaxxi.it

Sito web per approfondire: https://www.maxxi.art/



Altre mostre a Roma e provincia

Arte contemporanea‎

Elvira Salonia. Vista Mare

Dal 4 Marzo al 18 marzo 2024, Galleria dei Miracoli a Roma ospita la prima mostra personale della pittrice ragusana Elvira Salonia dal titolo "Vista Mare". leggi»

04/03/2024 - 18/03/2024

Lazio

Roma

Ingresso libero

Fotografia

Antonio Romano e Simone Proietti Marcellini. In Ucraina

Fino al 5 Maggio Drugstore Museum di Roma ospita "In Ucraina. Irpin', storie di guerra e di resilienza", mostra sul reportage fotografico di Simone Proietti Marcellini e Antonio Romano. leggi»

23/02/2024 - 05/05/2024

Lazio

Roma

ingresso gratuito

Arte contemporanea‎

Silvia Stucky. Getterò in mare il cuore che ha qualche desiderio

Silvia Stucky presenta "Getterò in mare il cuore che ha qualche desiderio" nell'ambito del progetto Umanità?! leggi»

02/03/2024 - 23/03/2024

Lazio

Roma

Arte contemporanea‎

Rossocinabro presenta N.B.

Rossocinabro presenta N.B. a cura di Joe Hansen, dal 4 al 29 marzo 2024. leggi»

04/03/2024 - 29/03/2024

Lazio

Roma

Arte contemporanea‎

Grab the city

Dal 22 febbraio al 1 aprile 2024 la Galleria Nazionale ospita una grande mostra, articolata si più livelli, dedicata al GRAB, il Grande Raccordo ciclabile di 50 km che circonda e attraversa Roma. leggi»

22/02/2024 - 01/04/2024

Lazio

Roma

Mostre Immersive

Macchine del Tempo

Prosegue fino al 24 marzo 2024 "Macchine del Tempo", la mostra dell'Istituto Nazionale di Astrofisica al Palazzo delle Esposizioni di Roma. leggi»

25/11/2023 - 24/03/2024

Lazio

Roma

Arte contemporanea‎

Cent'anni di Carla Accardi

A 10 anni dalla morte e a 100 dalla nascita, Roma dedica una grande mostra antologica a Carla Accardi, dal 6 marzo al 9 giugno. leggi»

06/03/2024 - 09/06/2024

Lazio

Roma

Arte contemporanea‎

Lina Passalacqua. Io... e il mare

Dal 1al 16 marzo 2024 Plus Arte Puls, di Roma presenta "Io... e il mare", personale di Lina Passalacqua. leggi»

01/03/2024 - 16/03/2024

Lazio

Roma

Arte contemporanea‎

Enrico Accatino. Riquadrare la storia

Dal 22 marzo al 15 maggio 2024 Sala 1-Centro Internazionale d'Arte Contemporanea di Roma presenta "Riquadrare la storia", retrospettiva dedicata ad Enrico Accatino. leggi»

22/03/2024 - 15/05/2024

Lazio

Roma