Anthropos e Kainos

  • Quando:   10/06/2022 - 20/06/2022
  • evento concluso

Arte contemporanea‎

Anthropos e Kainos

"Anthropos e Kainos", mostra di arte contemporanea sulla tematica dell'era geologica attuale e l'equilibrio del Pianeta, a cui partecipano 40 noti artisti italiani e stranieri a Roma, presso la TAG Gallery.

L‘ambiente terrestre è profondamente condizionato dall’azione umana, guidata dalla logica del profitto e dello sfruttamento delle risorse, e dagli effetti che essa provoca a livello atmosferico, idrologico, geologico e biosferico: un’azione trasformativa invasiva e distruttiva, le cui conseguenze, prese nella loro totalità, costituiscono quel fenomeno eminente e globale che prende il nome di cambiamento climatico.

Il termine deriva dall’unione di due parole greche: Anthropos (uomo) e Kainos (recente, nuovo). Il significato che assume, dunque, è quello di un “periodo in cui la Terra ha un nuovo aspetto, a causa delle azioni umane”, senza sostituire il termine corrente usato per l'epoca geologica attuale, Olocene, ma indica esclusivamente l'impatto che l'Homo sapiens ha sull'equilibrio del pianeta.
Il “Capitalocene” (o l’età del capitale), denominazione coniata dal coordinatore del World-Ecology Research Network, Jason Moo­re, è l’era geologica in cui viviamo, frutto della nostra presenza su un pianeta che stiamo distruggendo. Ma il suo ordine di grandezza sembra purtroppo spesso sfuggire al controllo, alla percezione.
I tipi di società umana che si sono succeduti dalla nostra comparsa sulla Terra, dall’uomo-cacciatore all’uomo-agricoltore fino ad arrivare all’uomo-economico, hanno sempre differito enormemente tra loro; la speranza è che la prossima organizzazione sociale differisca anch’essa, enormemente e radicalmente, da quella attuale. E’ certamente, uno dei temi d’attualità più importanti : il cambiamento climatico, è l’emergenza della nostra epoca, e sostengo che bisogna cambiare direzione, e porre la Natura a sostegno del benessere, e rendere dunque “LA NATURA COME LA CASA COMUNE DELL’UMANITÀ“.

Con tale credo mi sono attivata all’organizzazione dell’evento, dando voce in tema all’Arte ed agli artisti, alla loro sensibilità profonda e complessa, per parlare del nostro Pianeta e dei suoi cambiamenti, con la volontà di esplorare una possibile ecologia di co-esistenza tra umani e non-umani. Arte ed espressioni dell’artista come antropologo, dell’artista quale “semionauta” intento a navigare e ad intercettare nelle sue esplorazioni, il mondo.
I tipi di società umana che si sono succeduti dalla nostra comparsa sulla Terra, dall’uomo-cacciatore all’uomo-agricoltore fino ad arrivare all’uomo-economico, hanno sempre differito enormemente tra loro; la speranza è che la prossima organizzazione sociale differisca anch’essa, enormemente e radicalmente, da quella attuale, ma dobbiamo impegnarci subito tutti perché ciò diventi possibile.
I propositi di sensibilizzazione non s’esauriscono all’interno dell’esposizione, ma quale primo step, intendono travalicarla per rendere il terreno fertile ad un progetto in espansione, che veda coinvolti, ad ogni prossimo appuntamento, sempre un maggior numero di artisti , di spazi ospitanti, di enti e di istituzioni a supporto, mirando a concreti riscontri.

Maria Rita Bassano Ferretti

Espongono:

Paola Alviano Glaviano , Paolo Angelosanto, Ali Assaf, Giancarlino Benedetti Corcos, Francesco Canini, Antonio Maria Catalani , Franco Cenci, Primarosa Cesarini Sforza, Daniele Contavalli, Lea Contestabile, Federico Cozzucoli , Eleonora del Brocco, Laura della Gatta, Stefania Fabrizi, Tony Fasanella, Elisabeth Frolet, Luo Guixia, Paulina Humeres, Silvana Leonardi, Enrico Lombardi, Claudio Marani, Adamo Marrucci, Diego Mazzoni, Riccardo Monachesi, Daniela Monaci, Luis Moro, Massimo Napoli, Daniela Perego, Adriana Pignataro, Andrea Pochetti, David Pompili, Piero Pompili, Virginia Ryan, Massimo Ruiu, Rocco Salvia, Anna Maria Scocozza, Silvia Stucky, Fabiano Trionfi, Barry Wolfryd, Fiorenzo Zaffina.

Per tutta la durata della Mostra, si svolgeranno interventi performativi:

• 10 e 19 Giugno ore 19,30: “La Psicologia dell’albero” di e con la voce narrante di Massimo Napoli.
• 11 Giugno ore 19,30: ArtisineSpazio 3.0 presenta “Ludus Wangari ” estemporanea di Danza contemporanea di e con la coreografa Camen de Sandi.
• 14 Giugno ore 19,30 : “Incartastorie” di e con l’artista Anna Maria Scocozza.
• 16 Giugno ore 19,30 : “Triaca” performance multimediale e interattiva di e con l’artista Luis Moro
• 18 Giugno ore 19,30: “Equilibrio segreto delle piante”, con la voce narrante dell’artista
Silvia Stucky , tratto dalla Costituzione della Nazione delle Piante scritta dal botanico Stefano Mancuso.
• 18 Giugno ore 19,30: “Antropocene “ di e con l’artista Daniele Contavalli.

Titolo: Anthropos e Kainos

Apertura: 10/06/2022

Conclusione: 20/06/2022

Organizzazione: TAG Gallery Roma

Curatore: Maria Rita Bassano Ferretti

Luogo: Roma, TAG Gallery

Indirizzo: Via di Santa Passera 25 – Roma

Orari: dalle ore 18,30 alle 24,00

Ingresso libero con tessera associativa

Sito web per approfondire: https://www.tevereartgallery.net/