Carole A. Feuerman. Crossing the Sea

  • Quando:   13/05/2023 - 16/09/2023
  • evento concluso

Arte contemporaneaMostre a NapoliNapoli


Carole A. Feuerman. Crossing the Sea
Carole Feuerman, ph. Francesco Squeglia

La mostra Crossing the Sea di Carole A. Feuerman, visitabile dal 13 maggio, è la prima personale a Napoli dell’artista americana pop e superrealista. Dodici grandi sculture che dialogano con gli spazi monumentali della sede della Fondazione Made in Cloister all’interno di un progetto espositivo curato da Demetrio Paparoni e realizzato in collaborazione con il Gruppo di gallerie d’arte Bel-Air Fine Art.

Come già accaduto in passato con l’artista Nicola Samorì, con questo progetto continua la collaborazione tra la Fondazione e il MANN – Museo Archeologico Nazionale di Napoli dove sarà esposta una delle opere di Carole A. Feuerman fino al 31 luglio 2023.

La mostra, costruita appositamente per gli spazi della Fondazione, vede una selezione di opere che l’artista ha realizzato nel corso della sua carriera e che sviluppano alcuni dei principali temi ed ispirazioni del suo lavoro. Uno di questi temi è quello dei grandi movimenti migratori che dagli anni ’70 in poi hanno interessato la popolazione cubana che fuggiva verso gli Stati Uniti.
Quello dei migranti è un tema particolarmente caro alla Fondazione Made in Cloister che lo ha trattato in precedenza anche con altri artisti, come il cinese Liu Jianhua nel 2019.

I cubani che – in fuga dal loro Paese - sbarcavano sulle coste della Florida percorrendo il tratto di mare di circa 100 miglia su zattere improvvisate e copertoni di autocarri, sono stati una fonte di ispirazione importante per la Feuerman che nelle sue opere trasforma i copertoni di auto in salvagenti per bagnanti e tuffatori.

Nel suo testo critico, Demetrio Paparoni, spiega che “l’arte della Feuerman è maturata nel periodo iperrealista americano ma ha subito preso le distanze dalla freddezza della precedente generazione dei pop, e da Warhol in particolare. Gli artisti pop e minimalisti erano accomunati dall’intento di escludere ogni forma di tenerezza o sentimento romantico dall’opera. Quel che la Feuerman ci mostra nelle sue sculture – e che la rende diversa dagli iperrealisti – non è una fotografia della realtà, ma il riflesso di una sensazione che si è formata nella sua mente osservando i bagnanti sulle spiagge di Long Island e di Key West.
L’esposizione da Made in Cloister, a Napoli, comprende anche Innertube, opera realizzata nel 1984, in cui su una camera d’aria nera, diversa da quelle coloratissime che generalmente sostengono le bagnanti di Feuerman, si appoggia una ragazza con una cuffia bianca. La camera d’aria nera, di quelle che si recuperavano dai copertoni delle automobili, rende l’immagine ambigua e porta a chiedersi se si tratti di una bagnante che si gode la sua giornata al mare o di una profuga stremata che sta lottando per la sua vita. Danno una risposta a questa domanda le fotografie di migranti cubani, che approdano a Key West, incluse in mostra.”... leggi il resto dell'articolo»

Voglio che la mia arte ispiri lo spettatore a guardare da vicino ciò che ha davanti”- dichiara Carole A. Feuerman. “Non è l'attimo fuggente che voglio catturare, ma il sentimento universale che si coglie in quell'attimo fuggente. Voglio che lo spettatore completi la storia guardando la mia scultura, che rifletta e si emozioni”. Per tutta la vita, fare arte è stata la mia passione. Con l'esperienza della vita e dell'arte, le forme che il mio lavoro ha assunto si sono approfondite ed evolute.
Ho iniziato la mia carriera negli anni Settanta. Insieme a Duane Hanson e John de Andrea, sono stata una dei tre fondatori dell'Iperrealismo.
Dal 1958 mi sono concentrata su nuotatori e figure con elementi acquatici. Attraverso le mie sculture esploro la classicità e la bellezza, temi che sono stati tabù nell'arte contemporanea. C'è una convinzione condizionata, ma inesatta, che l’arte radicale "buona" debba rifiutare qualcosa che sia attraente e piacevole alla vista. Io non rifiuto il concetto di bellezza, ma lo abbraccio. La vedo, la creo e la ritraggo con le mie nuotatrici, che mostrano emozione, gioia, grazia, tranquillità e sensualità. Non sono solo nuotatori, ma raccontano le mie storie. Sono amanti della pace e talvolta del piacere. Sono soddisfatti della vita e soprattutto sono dei sopravvissuti.

In questa mostra c’è il richiamo al tema dei migranti che rappresenta una delle priorità politiche per tutti i Paesi del mondo e che è molto presente nelle attività della Fondazione. Ed in contemporanea c’è, in modo chiaro, la capacità dell’artista di mostrare la bellezza celata in ogni cosa e la speranza che questo implica.” – dice Davide de Blasio, Direttore della Fondazione Made in Cloister.

Con questa mostra la Fondazione Made in Cloister prosegue la sua collaborazione con il MANN – Museo Archeologico Nazionale di Napoli che ospiterà, fino al 31 luglio, “Golden Mean” una scultura in resina epossidica e foglia d’oro 24 carati dell’altezza di 5,4 mt e del peso di circa 1000 kg.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Carole A. Feuerman. Crossing the Sea

Napoli - Fondazione Made in Cloister

Apertura: 13/05/2023

Conclusione: 16/09/2023

Curatore: Demetrio paparoni

Indirizzo: Piazza E. De Nicola, 48 - Napoli


Inaugurazione: Sabato 13 maggio
Per info: info@madeincloister.it

Sito web per approfondire: https://www.madeincloister.com/



Altre mostre a Napoli e provincia

Arte contemporaneamostre Napoli

10 Artisti emergenti in mostra da Giosi Spazio 104

Dall'11 al 25 luglio, Giosi Spazio 104 ospitera dipinti, foto e sculture, di dieci talentuosi artisti emergenti, frutto della prima "call" indetta dalla nuova realtà partenopea. leggi»

11/07/2024 - 25/07/2024

Campania

Napoli

Ingresso libero

Arte contemporaneamostre Napoli

Chelsea Culprit. Ask the cinders

Dal 27 giugno al 13 settembre 2024, dopo un periodo di residenza d'artista, Chelsea Culprit espone, per la prima volta in Italia, i suoi lavori presso la Gallerie Solito S1 di Napoli. leggi»

27/06/2024 - 13/09/2024

Campania

Napoli

Ingresso libero

Arte contemporaneamostre Napoli

Carmela De Falco. Memomirabilia

Da giovedì 20 giugno a lunedì 30 settembre 2024, il Museo Civico Gaetano Filangieri di Napoli ospita la mostra MEMOMIRABILIA di Carmela De Falco (Avellino, 1994). leggi»

20/06/2024 - 30/09/2024

Campania

Napoli

Mostra documentalemostre Napoli

Intorno a Caravaggio | carte e fotografie in mostra a Palazzo Diomede Carafa

A Palazzo Carafa, lunedi 24 giugno alle 17, inaugura la mostra «Intorno a Caravaggio» a cura di Bianca Stranieri e Paola Vona, con documenti di archivi e fotografie di Federica Gioffredi. leggi»

24/06/2024 - 26/07/2024

Campania

Napoli

Fotografiamostre Napoli

Federica Gioffredi. Sinestesie d'aqua, tra cielo e terra

Campi Flegrei e Alta Savoia negli scatti di Federica Gioffredi, che espone in un giardino segreto di Posillipo fino al 30 luglio. leggi»

19/06/2024 - 30/07/2024

Campania

Napoli

Arte contemporaneamostre Napoli

Sette Opere per la Misericordia. VII edizione

Giovedì 13 giugno, alle ore 18, al Pio Monte della Misericordia inaugura la mostra della VII edizione di "Sette opere per la Misericordia". leggi»

13/06/2024 - 13/11/2024

Campania

Napoli

Arte contemporaneamostre Napoli

Esistenze Efìmeras. Nicola De Luca e Flavio Gioia

Dal 16 giugno al 16 luglio 2024 Nicola De Luca e Flavio Gioia riflettono sul tema della spersonalizzazione con la mostra "Esistenze Efìmeras", al Museo Nazionale Parco del Vesuvio. leggi»

16/06/2024 - 16/07/2024

Campania

Napoli

Pittura del '600mostre Napoli

Oltre Caravaggio. Un nuovo racconto della pittura a Napoli

Prosegue la mostra "Oltre Caravaggio. Un nuovo racconto della pittura a Napoli" presso il Museo e Real Bosco di Capodimonte, 200 opere sul '600 napoletano. leggi»

31/03/2022 - 31/12/2024

Campania

Napoli

Arte contemporaneamostre Napoli

Il resto di niente

Al museo Madre di Napoli da giovedì 30 maggio, uno sguardo sul lavoro di uno dei protagonisti più visionari della scena architettonica italiana della seconda metà del Novecento, Aldo Loris Rossi. leggi»

30/05/2024 - 29/07/2024

Campania

Napoli