DesignMostre a Milano

Origin of Simplicity. 20 Visions of Japanese Design

  • Quando:   23/03/2024 - 09/06/2024
Origin of Simplicity. 20 Visions of Japanese Design
Origami Shikki, Atsushi Morita, 2022

Dal 23 marzo al 9 giugno 2024 ADI Design Museum presenta la mostra "ORIGIN of SIMPLICITY. 20 Visions of Japanese Design", a cura di Rossella Menegazzo con progetto grafico e di allestimento di Kenya Hara: una lettura culturale inedita che evidenzia l'unicità del design giapponese tra tradizione e ricerca. In mostra oltre 150 opere, molte mai presentate prima in Italia, realizzate da designer e artigiani tra i più rappresentativi del design moderno e contemporaneo, che hanno segnato la storia del design giapponese a partire dagli anni Sessanta del Novecento, ma anche esponenti delle ultime generazioni.

La mostra è uno sguardo trasversale tra design e artigianato per comprendere le origini del concetto di semplicità, ora declinabile come vuoto (ku), spazio o silenzio (ma), talvolta leggibile come povertà (wabi) e consunzione legata all'uso nel tempo (sabi), altre come asimmetria, non definitezza e imperfezione, concetti che hanno radice in diversi pensieri filosofici appartenenti a questa cultura: dal buddhismo zen al pensiero animista shintoista, quasi opposti alla razionalità occidentale.

L'essenzialità delle forme, la cura estrema dei particolari, l'originalità di ciascun pezzo pur nella continuità della tradizione, coniugate oggi a una ricerca tecnologica e ingegneristica che sviluppa nuovi materiali e il riciclo di quelli di scarto, sono peculiarità che rendono il design giapponese un'icona internazionale.

Il progetto espositivo inedito - ideato dalla curatrice Rossella Menegazzo, esperta di storia dell'arte e cultura giapponese dell'Università degli Studi di Milano, con progetto grafico e di allestimento del designer e curatore nipponico Kenya Hara - presenta un percorso concepito come una foresta dove passeggiare. Ogni albero raggruppa le opere che sono espressione di una stessa qualità, accostamenti inediti di lavori di diversi designer e artigiani, attraverso cui il tema della semplicità viene declinato attribuendo parole chiave che aiutano la lettura.

Tutti gli oggetti scelti sottolineano la sapienza artigianale, che al design ha tradizionalmente unito tecniche, materiali e forme tramandate di generazione in generazione, attraverso botteghe, laboratori storici e maestri considerati "tesori nazionali viventi", intangible heritage.... leggi il resto dell'articolo»

Origin of Simplicity

Una sapienza secolare che rivela una predilezione per i materiali naturali – legno, carta, metallo, ceramica e tessile – e una sensibilità verso le caratteristiche di ciascuno di questi, rendendo fluida la distinzione fra prodotto di design o d'arte, "la semplicità nasce proprio da una profonda aderenza delle forme alla natura, quasi un tentativo di preservare quella sacralità insita in ogni elemento che il pensiero animistico shintoista porta con sé, gettando le basi della cultura giapponese" commenta la curatrice Rossella Menegazzo.

Approccio che intende sottolineare lo stretto legame tra design e artigianalità e l'equilibrio sempre sottile tra materia e uomo, tecnica e tecnologia, che sottende alla produzione giapponese.

Un progetto di ricerca nato con lo speciale supporto della Ishibashi Foundation di Tokyo, che il Presidente di ADI Luciano Galimberti ringrazia per "la preziosa intesa che ha reso possibile un progetto inedito di analisi e diffusione del design giapponese, a confronto con quello italiano, promuovendone al pubblico il valore culturale e artistico, obiettivo e missione della fondazione sin dalle sue origini nel 1956. È interessante ricordare che pochi anni prima, nel 1954, in Italia, nasceva l'associazione ADI e il premio del Compasso d'Oro, con l'uguale obiettivo di promuovere la diffusione e l'eccellenza del sistema design italiano.

Circa 70 anni dopo questi intenti trovano il comune desiderio di produrre un evento espositivo unico, che ci auguriamo dopo l'esposizione a Milano nei nostri spazi possa continuare a diffondersi a Tokyo e oltre".

In seno alla celebrazione di questi temi nasce la partnership con UNIQLO, brand di abbigliamento che riprende il valore della semplicità nel proprio motto "Simple made better". I valori nipponici espressi nella mostra ritornano quindi anche nel design del brand, con l'intento comune di enfatizzare le radici culturali giapponesi e raccontarne la fascinazione così duratura e trasversale. Il LifeWear UNIQLO – filosofia fondante del brand – è caratterizzato da design semplice che nasconde dettagli accurati e moderni, scelti per essere accessibili a tutti. Dopo il successo di Cordusio, il marchio aprirà un nuovo store milanese in Gae Aulenti durante i mesi di apertura della mostra, sigillando così una vicinanza anche spaziale con il museo, oltre che culturale.

Partner della mostra è anche la multinazionale giapponese NTT DATA, tra i principali player a livello mondiale nell'ambito della Consulenza e dei Servizi IT. La partnership ha l'obiettivo di promuovere l'avanguardia tecnologica che contraddistingue la mission dell'azienda e che, grazie allo studio Tangity che fa parte del Gruppo, attraversa anche il design di oggetti e servizi, oltre che essere simbolo della qualità progettuale nipponica ad ampio spettro.

La mostra – prodotta da ADI Design Museum con The Museum Box – è quindi anche occasione per una rilettura del rapporto tra il design giapponese e il Made in Italy e la sua capacità intrusiva, testimoniata dalle diverse collaborazioni di marchi iconici del design italiano con designer giapponesi premiati dal Compasso d'Oro.

DESIGNERS

Aiba Kyoto, Kosuke Araki, Asahi Kogyo, Keiji Ashizawa, Shin Azumi, Cini Boeri, Domyo Co. Ltd, DRILL DESIGN, Kenji Ekuan, Kenji Fujimori, Taiji Fujimori, Shigeki Fujishiro, Keisuke Fujiwara, Naoto Fukasawa, Hiroki Furukawa, Gyokusendo, Hakuchikudo, Kenya Hara, Jun Hashimoto, Makio Hasuike, Masayuki Hayashi, HIDA, Keiko Hirano, Honoka, Toshiaki Horio, Isao Hosoe, Youna Ichikawa, Inden'ya , Koichiro Isezaki, Jun Isezaki, Junya Ishigami, Toyo Ito, Setsu Ito, Shinobu Ito, Hisao Iwashimizu, Kaikado, Chie Kanayama, Genta Kanayama, Yuma Kano, Kahori Katano, Tomu Katayanagi, Kawahira Sekishu, Motomi Kawakami, Rei Kawakubo, Kenzo, Toshiyuki Kita, Kiya, Mikiya Kobayashi, Koizumi Studio, Kohchosai Kosuga, Kengo Kuma, Shiro Kuramata, Jin Kuramoto, Kurikyu, Shunji Kurimori, Mariko Kusumoto, Tonbii Kyoto, Reality Lab, Tsukiji Masamoto, Takeo Masui, me Issey Miyake, Haruka Misawa, Ben Ryuki Miyagi, Issey Miyake, Yoshiyuki Miyamae, Miyake Design Studio, Masahiro Mori, Muji, Shuji Nakagawa, Ryuji Nakamura, Nature Architecs, Yukito Nishinaka, Ryue Nishizawa, Isamu Noguchi, Nomena, Shinichiro Ogata, Ken Okuyama, Ryobian, Katsuhisa Sano, Takeshi Sawada, Kazuyo Sejima, Atsushi Shindo, Soil, Sen no Sotan, Reiko Sudo, Sus inc., Ryo Suzuki, Yasuhiro Suzuki, Syouryu, Hiroki Takada, Hiroko Takahashi, Takeo Paper, Momoko Takeshita, Kazumi Takigawa, Takt project, Nao Tamura, Tanabe Chikuunsai IV, Ikko Tanaka, Keiichi Tanaka, Yuki Tanaka, Tendo Mokko, Norihiko Terayama, Shono Tokuzo, Kei Tominaga, Torafu Architects, Takeshi Tsujino, Masanori Umeda, Shinichi Utsumi, Riki Watanabe, Daisuke Yamamoto, Tatsuo Yamamoto, Sori Yanagi, Shoichi Yokoyama, Satoshi Yonezawa, Tokujin Yoshioka.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Origin of Simplicity. 20 Visions of Japanese Design

Apertura: 23/03/2024

Conclusione: 09/06/2024

Organizzazione: ADI Design Museum

Curatore: Rossella Menegazzo

Luogo: Milano, ADI Design Museum

Indirizzo: Piazza Compasso d'Oro 1 - 20154 Milano

Orari di apertura: dal lunedì alla domenica, dalle 10.30 alle 20.00

Chiuso il venerdì

Ultimo ingresso alle 19.15

Sito web per approfondire: https://adidesignmuseum.org



Altre mostre a Milano e provincia

Fotografia

Robin Lopvet. Living Certosa

Dal 16 aprile a fine giugno 2024 arrivano al Milano Certosa District i grandi collage fotografici open air dell'artista Robin Lopvet, con la mostra diffusa "Living Certosa" a cura del collettivo Kublaiklan. leggi»

16/04/2024 - 30/06/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporanea

Haris Epaminonda vol. XXXI: Futurism Drama

Dal 10 aprile al 12 maggio 2024 presso il Museo del Novecento di Milano inaugura "VOL. XXXI: Futurism Drama", intervento site-specific dell'artista cipriota Haris Epaminonda. leggi»

10/04/2024 - 12/05/2024

Lombardia

Milano

Mostre tematiche

Navillains and Friends | Pop Up Exhibition

Dal 20 al 21 aprile, Navillains Studio (Alzaia Naviglio Pavese 14) Navillains&Friends | Pop Up Exhibition è una mostra/open studio organizzata dal collettivo artistico Navillains. leggi»

20/04/2024 - 21/04/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporanea

Italia 70. I nuovi mostri

70 artisti invadono le strade di Milano con "Italia 70. I nuovi mostri", il progetto di Fondazione Nicola Trussardi in concomitanza con miart, l'Art Week e la Design Week. leggi»

08/04/2024 - 22/04/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporanea Design

Io sono un drago. La vera storia di Alessandro Mendini

Triennale Milano e Fondation Cartier pour l'art contemporain presentano, nell'ambito del loro partenariato culturale, un doppio omaggio ad Alessandro Mendini. leggi»

13/04/2024 - 13/10/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporanea Architettura

Chiara Camoni. Chiamare a raduno

Chiara Camoni presenta "Chiamare a raduno. Sorelle. Falene e fiammelle. Ossa di leonesse, pietre e serpentesse.", la sua architettura di collettività e raccoglimento da Hangar Bicocca, dal 15 febbraio. leggi»

15/02/2024 - 21/07/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporanea

Nari Ward. Ground Break

Fino al 28 luglio 2024 Pirelli HangarBicocca a Milano dedica a Nari Ward una retrospettiva che raccoglie per la prima volta una selezione di opere basate sull'idea di tempo, performatività e collaborazione. leggi»

28/05/2024 - 28/07/2024

Lombardia

Milano

Ingresso gratuito, prenotazione consigliata

Arte contemporanea Scultura

“Pino Pascali”, Fondazione Prada

Fondazione Prada presenta un'ampia retrospettiva dedicata all'artista italiano Pino Pascali (1935-1968) a cura di Mark Godfrey. leggi»

28/03/2024 - 23/09/2024

Lombardia

Milano