Impressionisti. L’alba della modernità

  • Quando:   30/03/2024 - 28/07/2024

Arte modernaMostre a Roma


Impressionisti. L’alba della modernità
PAUL LECOMTE Bateau sur la riviere Olio su tela 55 x 48 cm Collezione privata ©

Dal 30 marzo al 28 luglio 2024 il Museo Storico della Fanteria a Roma celebra con una mostra i centocinquant'anni dalla nascita dell'impressionismo con la mostra “Impressionisti. L’alba della modernità” che documenta le origini e l’eredità del rivoluzionario movimento nato a metà dell’800.

La mostra non è solo una teoria di dipinti allineati uno accanto all'altro, bensì un insieme organico di opere che intende documentare l'irrompere della rivoluzione impressionista a Parigi, indagando un arco temporale che va dal 1850 al 1915. La curatela è affidata a Vincenzo Sanfo in collaborazione con Vittorio Sgarbi.

Il progetto espositivo, vuole evidenziare gli importanti cambiamenti della società dell'epoca con l'avvento della grande industrializzazione, la nascita della fotografia, del cinema, dell'elettricità, del telefono e dei primi voli aerei, il tutto esaltato e proposto nelle celebri esposizioni internazionali parigine. Novità, che hanno ovviamente contribuito a cambiare la società e di conseguenza, anche il mondo dell'arte. 

Il percorso, totalmente inedito per la città di Roma, si avvale di un nucleo di circa 200 opere, le quali documentano con dipinti, disegni, acquerelli, sculture, ceramiche e incisioni, gli artisti che parteciparono alle otto mostre ufficiali " impressioniste" e con una particolare attenzione a tutte le tecniche da loro sperimentate e utilizzate.

A queste opere, si accompagnano materiali documentali, quali lettere, fotografie, libri, abiti e oggetti che offrono uno spaccato della società nata e affermatasi durante movimento impressionista.... leggi il resto dell'articolo»

Impressionismo in mostra in Italia

Iscriviti al nostro canale per non perdere i nuovi contenuti!

La mostra

Il percorso espositivo, oltre ai maestri di loro riferimento quali David, Guericault, Courbet si sviluppa a partire dagli artisti aderenti al movimento dell'Ecole de Barbizon che furono i germi ispiratori dei giovani Impressionisti, per passare poi ai partecipanti alle otto mostre ufficiali impressioniste a partire da quella storica del 1874 realizzata nello studio del fotografo Nadar che rappresentò l'ingresso ufficiale del movimento nel mondo dell'arte.

Troveranno quindi posto nella mostra, le opere dei grandi protagonisti quali Monet, Degas, Manet, Renoir, Cezanne, Gauguin, Pissarro e altri, accanto ai grandi comprimari come Bracquemond, Guillaumin, Forain, Desboutin, Lepic e tutti gli altri artisti che con loro hanno condiviso l'avventura di un nuovo modo di fare arte.

La mostra, forse la più grande e completa sull'Impressionismo mai apparsa in Italia, per quantità di opere e per artisti presenti, è un'occasione unica per entrare nel cuore di un movimento che ha scardinato le convenzioni artistiche e sociali del mondo a venire. I prestiti, provenienti da collezioni private, mettono in luce un substrato tutt'altro che popolare, di preziosi manufatti che non vengono quasi mai donati al pubblico.

La mostra intende documentare le origini e la storia del rivoluzionario movimento artistico nato in Francia a metà dell'Ottocento e ufficialmente riconosciuto come tale il 15 aprile 1874, in occasione della prima esposizione parigina, organizzata nello studio del fotografo Nadar. 

La presenza di alcune figure del post Impressionismo, documenta l'influenza che il movimento ha avuto nel mondo artistico di fine Ottocento, rimarcata dalle presenze di artisti come Toulouse Lautrec, Permeke, Derain, Dufy e Vlaminck tra gli altri.

Un particolare ed inedito percorso, su un movimento e sugli artisti che hanno contribuito a creare una tra le più straordinarie rivoluzioni artistiche della storia dell'arte. Un movimento che ha aperto la strada alla libertà creatrice per gli artisti di tutto il mondo.

A impreziosire ulteriormente l'esposizione si aggiunge, in questi giorni, un nuovo prestito proveniente dalla Galleria parigina Jean-François Cazeau: l'importante dipinto di Armand Guillaumin intitolato Le Pont d'Austerlitz, Quai de Seine à Paris (1873). Il dipinto a olio su tela, realizzato nell'inverno del 1873 e quasi sicuramente esposto alla prima mostra impressionista organizzata da Nadar, è, come spiega Vincenzo Sanfo, una delle opere esposte assolutamente da non perdere: "Un dipinto capolavoro, per freschezza pittorica e per i suoi risvolti socio politici, che ben descrive i sentimenti del nascente Impressionismo che vedrà la sua luce pochi mesi dopo la realizzazione di questo dipinto. L'atmosfera di quest'opera riporta alla realtà di una pittura che, forte della lezione dei pittori Barbizonniers, abbandona la rappresentazione della grandeur napoleonica e la invadente clericalizzazione della pittura, per raccontare la vita reale, paradigma di un mondo, in grande cambiamento".

Comitato Scientifico: Gilles Chazal, ex Direttore Musée du Petit Palais, Membre école du Louvre | Vittorio Sgarbi, Storico dell'Arte, Direttore Mart di Rovereto | Vincenzo Sanfo,  Curatore mostre internazionali, esperto di Impressionismo | Maithe Valles-Bled, ex Direttrice Musée de Chartres e Musee Paul Valéry

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Impressionisti. L’alba della modernità

Roma - Museo Storico della Fanteria

Apertura: 30/03/2024

Conclusione: 28/07/2024

Organizzazione: Navigare srl

Curatore: Vincenzo Sanfo con Vittorio Sgarbi

Indirizzo: Piazza di S. Croce in Gerusalemme, 9 - 00182 Roma

Orario: lunedì-venerdì 9.30-19.30 | sabato e domenica 9.30-20.30

Biglietto: € 15,00 intero weekend e festivi | € 13,00 intero feriali | € 10,00 ridotto ( solo in biglietteria): tutti i giorni Giovani fino a 14 anni, giornalisti, universitari, convenzioni | € 8,00 gruppi oltre 10 persone | € 16,00 open Include ingresso salta la fila | € 5,00 Scuole | Gratuito Bambini fino a 5 anni



Altre mostre a Roma e provincia

Arte contemporaneamostre Roma

Dialoghi silenziosi – incontri tra uomo, città e natura

La galleria Arte Borgo Gallery, venerdì 24 maggio, inaugura “Dialoghi silenziosi – incontri tra uomo, città e natura”, la mostra collettiva del Gruppo realtà e forma. leggi»

24/05/2024 - 31/05/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Adriana Pignataro. Argento Vivo

La personale dell'artista Adriana Pignataro dal titolo "Argento Vivo", dal prossimo 29 maggio al 12 giugno 2024, avrà luogo presso la Galleria Vittoria a Roma. leggi»

29/05/2024 - 12/06/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Andrea Barzini. Camerun

"Camerun" di Andrea Barzini, regista, scrittore e artista, apre alla Galleria MO.C.A. di Roma, a sostegno della scuola di musica del Maestro africano As’a Telong, dal 12 al 19 giugno 2024. leggi»

12/06/2024 - 19/06/2024

Lazio

Roma

Ingresso gratuito

Mostre multimedialimostre Roma

OxidAction. Relocating film decay

Dal 7 giugno al 31 luglio a Roma nell'ambito di Archivissima 2024, il percorso visuale e sensoriale "OxidAction / Relocating film decay" in cui il linguaggio fotografico e filmico creano nuovi immaginari. leggi»

07/06/2024 - 31/07/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Marco Crispano. Il volo dell'albatros

Atelier Montez è lieto di presentare "Il volo dell'albatros", una nuova mostra personale dell'artista Marco Crispano, in programma dal 31 Maggio al 14 Giugno. leggi»

31/05/2024 - 14/06/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Spectrum

Dal 7 al 10 giugno 2024 bar.lina è orgogliosa di ospitare "Spectrum" del fotografo Alberto Branca che amplificare le voci e la visibilità delle sfide di salute mentale che la comunità LGBTQI+ affronta. leggi»

07/06/2024 - 10/06/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Intus 2024

Intus 2024: dal 23 maggio 2024 al 22 gennaio 2025 Thomas Berra, Andrea Mariconti, Monica Mazzone e Silvia Negrini espongono presso la sede romana di Regione Lombardia. leggi»

23/05/2024 - 22/01/2025

Lazio

Roma

Ingresso gratuito, previa registrazione

Arte contemporaneamostre Roma

Giulietta Cavallotti. Viaggio nello spazio

A Roma, dal 25 al 28 maggio 2024, la mostra 'Viaggio nello spazio' della pittrice Giulietta Cavallotti, vincitrice del Premio Borgo 2023, apre presso La Scala d'Oro. leggi»

25/05/2024 - 28/05/2024

Lazio

Roma

Fotografiamostre Roma

Emiliano Bartolucci. Mozart

Dal 18 maggio al 31 luglio, il Teatro Portaportese di Roma ospita nel foyer un'esposizione fotografica inedita di Emiliano Bartolucci, dedicata ad una leggenda della pallacanestro. leggi»

18/05/2024 - 31/07/2024

Lazio

Roma