FotografiaMostre a Trento

Paesi Perduti. Appunti per un viaggio nell’Italia dimenticata

  • Quando:   20/11/2022 - 26/02/2023
  • evento concluso
Paesi Perduti. Appunti per un viaggio nell’Italia dimenticata
Gabriele Basilico. Fiera di Primiero, 2003. Mart, Soprintendenza per i beni culturali

La Galleria Civica di Trento prosegue l’indagine sul contemporaneo con una mostra che mette al centro un tema estremamente attuale e urgente: la complessa dinamica che, intrecciando fattori antropologici, sociali ed economici, porta all’abbandono di ampie zone del Paese, in modo particolare aree montane lontane dai centri principali e dalle vie di comunicazione

Andateci in un giorno di maggio

in uno di questi paesi dalle porte chiuse

e decidete con calma dove passare il resto della vostra vita.

Non badate alle convenienze,... leggi il resto dell'articolo»

scegliete il bene nascosto,

il bello che non c'è in nessun altro posto.

(F. Arminio)

L’etimologia della parola “paesaggio” deriva da quella di “paese” e il suo significato può essere ricondotto al “fare comunità”, al rapporto tra una società e il luogo in cui essa vive. Il termine “paese” quindi non indica solamente un’aggregazione di edifici ma rappresenta l’insieme degli individui che nel paese risiedono.

Il territorio italiano, pur nelle significative differenze economiche, sociali, culturali, linguistiche, storiche che lo caratterizzano, è accomunato da un tema ampiamente discusso ma raramente affrontato in maniera sistematica dall’agenda politica: lo spopolamento, con non rari casi di abbandono vero e proprio, di ampie zone interne. Si tratta di aree estese, lontane dalle grandi città, dalle principali vie di comunicazione, dalle infrastrutture ferroviarie, aeroportuali e marittime, spesso caratterizzate da problemi di gestione, passata e presente, del territorio. Lo spopolamento non è solamente un fatto quantitativo. Spesso, anzi, è l’aspetto qualitativo che prevale. L’abbandono non si manifesta solo dove non risiedono più persone o ne risiedono meno, ma in tutti quei luoghi dove la qualità delle relazioni umane si è persa e deteriorata fino a creare dinamiche di isolamento, solitudine, scomparsa della comunità.

Il progetto indaga le complesse e molteplici forme in cui questo fenomeno si manifesta: da casi di indebolimento del tessuto sociale o di deterioramento del rapporto fra paesaggio e costruito, fino a casi di vero e proprio abbandono. Fuori dalle rotte ufficiali c’è una rete di terre abbandonate, paesi sospesi in un altro tempo, buchi neri sulle mappe. Sono i paesi fantasma per differenti cause: calamità naturali, bassa natalità o perché gli abitanti ad un certo punto hanno preferito trasferirsi. Si tratta di aree estese che sembrano

rispondere a un’estetica dell’invisibilità e della desolazione, invasi e ripopolati da nuove forme di vita e dove la natura si è impossessata di mura, strade e costruzioni per custodire il ricordo della vita. Luoghi spesso messi al centro di una retorica banalizzante, che mira a processi di artificiosa rivitalizzazione turistica senza passare per una vera consapevolezza dell’abitare e vivere un territorio.

Il progetto culturale si avvarrà di due strumenti complementari, una mostra video/fotografica, che documenterà luoghi e paesaggi dell’abbandono e le loro possibili rinascite, e un volume che raccoglierà saggi e testimonianze con il punto di vista sull’argomento di numerosi studiosi, antropologi, politologi, poeti, imprenditori, sognatori. Un coro di voci, anche dissonanti fra loro, si esprimerà su questa tematica attuale e urgente, da anni al centro dei pensieri e delle attenzioni del presidente del Mart, Vittorio Sgarbi, uno dei massimi conoscitori dei tesori nascosti, spesso abbandonati, del nostro paese. È prevista, per il mese di febbraio 2023, l’organizzazione di una giornata di studi sul tema, in collaborazione con Tsm|step Scuola per il governo del territorio e del paesaggio.

Attraverso le fotografie di Gabriele Basilico, Silvia Camporesi, Flavio Faganello, Paolo Simonazzi, Italo Zannier e i video di Vittorio De Seta, Franco La Cecla, Patrizia Giancotti la mostra documenta luoghi e paesaggi dell’abbandono; un mondo di paesi silenziosi, di attività antropiche capaci di resistere alla tentazione dell’emigrazione, di grandi occasioni perse ma anche di futuri possibili, di sviluppo sostenibile, di rinascite. Oltre duecento scatti fotografici e quattro opere video offrono una visione complessiva del nostro Paese dagli anni Cinquanta fino all’oggi.

Un viaggio inedito e suggestivo in luoghi familiari o mai visitati, ripresi da punti di vista rilevanti e inusuali.

Fotografie di

Gabriele Basilico, Silvia Camporesi, Flavio Faganello, Paolo Simonazzi, Italo Zannier

Opere video di

Franco La Cecla, Vittorio De Seta, Patrizia Giancotti

Contribuiti scientifici / testimonianze di

Franco Arminio - Andrea Bartoli - Gianluca Cepollaro - Luca Faoro - Patrizia Giancotti - Franco La Cecla - Gabriele Lorenzoni - Daniele Kihlgren - Katia Malatesta - Andrea Meneghelli - Mauro Francesco Minervino - Carmen Pellegrino - Carlo Petrini - Antonio Presti - Annibale Salsa – Vittorio Sgarbi - Italo Zannier - Francesco Zanzot - Alice Zorzin

In collaborazione con

Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria – Archivio Gabriele Basilico – Archivio Eredi Flavio Faganello – Archivio Italo Zannier - CITRAC – Circolo Trentino per l’Architettura Contemporanea - Farm Cultural Park - Fondazione Antonio Presti - Fondazione Cineteca di Bologna - Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina - Sextantio Onlus - Soprintendenza per i Beni Culturali della Provincia autonoma di Trento - Tsm|step Scuola per il governo del territorio e del paesaggio

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Paesi Perduti. Appunti per un viaggio nell’Italia dimenticata

Apertura: 20/11/2022

Conclusione: 26/02/2023

Organizzazione: Galleria Civica di Trento

Curatore: Gabriele Lorenzoni

Luogo: Galleria Civica di Trento

Indirizzo: Via Rodolfo Belenzani, 44 - 38122 Trento (TN)


Per info: T+39 0461 985511 + 39 800 397760 F +39 0461 277033 civica@mart.tn.it

Orari: Martedì–Domenica 10.00-13.00/14.00-18.00. Lunedì chiuso

Tariffe

Intero: 2 €

Gratuito: Mart Membership, bambini fino a 14 anni

Sito web per approfondire: https://www.mart.trento.it

Facebook: martrovereto



Altre mostre a Trento e provincia

Arte contemporanea‎

Sciamani. Comunicare con l'invisibile

Fino al 30 giugno 2024, tre musei, una Fondazione, due sedi, un tema: "Sciamani" a Trento e San Michele dell'Adige. leggi»

17/12/2023 - 30/06/2024

Trentino Alto Adige

Trento

Arte contemporanea‎

Flower Power

Dal 21 febbraio fino al 15 marzo 2024 Cellar Contemporary accoglie una primavera anticipata con la mostra "Flower Power". leggi»

21/02/2024 - 15/03/2024

Trentino Alto Adige

Trento

Arte contemporanea‎

Andrea Fontanari. The monumental ordinary

Boccanera Gallery presenta "The monumental ordinary", la nuova mostra personale dell'artista trentino Andrea Fontanari, dal 5 marzo all'11 maggio 2024 a Trento. leggi»

05/03/2024 - 11/05/2024

Trentino Alto Adige

Trento

Arte contemporanea‎

Margherita Manzelli. Oscuro è il cuore della bellezza

Fino al 10 marzo 2024 la Galleria Civica di Trento dedica una mostra a Margherita Manzelli, artista celebre per i suoi enigmatici e misteriosi soggetti femminili. leggi»

17/12/2023 - 10/03/2024

Trentino Alto Adige

Trento

Arte moderna Arte contemporanea‎ Arte antica

L'uomo senza qualità. Gian Enzo Sperone collezionista

Il Mart presenta, per la prima volta tutte insieme, 400 opere provenienti dalla collezione privata di Gian Enzo Sperone. leggi»

26/10/2023 - 03/03/2024

Trentino Alto Adige

Trento

Arte contemporanea‎

Global painting. La Nuova pittura cinese

"Global Painting. La Nuova pittura cinese" propone 24 giovani artisti cinesi al Mart di Rovereto fino al 14 aprile 2024. leggi»

07/12/2023 - 14/04/2024

Trentino Alto Adige

Trento

Arte contemporanea‎

Ozmo. Amalgama, un viaggio alchemico

Lo Studio d'Arte Raffaelli di Trento presenta "Amalgama", un viaggio alchemico di Ozmo, dal 19 dicembre 2023 al 7 aprile 2024. leggi»

19/12/2023 - 07/04/2024

Trentino Alto Adige

Trento

Arte moderna

Dürer. Mater et Melancholia

Al Mart di Rovereto la Madonna col Bambino e una serie di incisioni di Albrecht Dürer. Le opere di Dürer dialogano con quelle di grandi artisti del XX secolo come Boccioni, Casorati, de Chirico. leggi»

07/12/2023 - 03/03/2024

Trentino Alto Adige

Trento