Tornabuoni Arte Milano presenta "20X20 venti capolavori per venti artisti"

  • Quando:   09/04/2024 - 26/05/2024
  • evento concluso

Arte contemporaneaMostre a Milano


Tornabuoni Arte Milano presenta 20X20 venti capolavori per venti artisti
Pino Pascali, Veliero, 1962 - Tecnica mista su tavola (masonite), cm 110x170

20X20 venti capolavori per venti artisti è il titolo della mostra che Tornabuoni Arte inaugura martedì 9 aprile 2024, alle 18.00, nella sua sede di Milano, in Via Fatebenefratelli 34/36. 

Marina Apollonio, Alighiero Boetti, Alberto Burri, Giuseppe Capogrossi, Mario Ceroli, Christo, Giorgio de Chirico, Gino De Dominicis, Filippo De Pisis, Piero Dorazio, Lucio Fontana, Renato Guttuso, Wassily Kandinsky, Alberto Magnelli, Carlo Mattioli, Giorgio Morandi, Claudio Parmiggiani, Pino Pascali, Alberto Savinio, Paolo Scheggi. Questi sono i venti artisti scelti per questa particolare esposizione, ognuno rappresentato da un’opera, tra le più significative del proprio personale processo artistico. Venti opere che Tornabuoni Arte ha selezionato con cura, risultato del lavoro di una raffinata ricerca che conduce da anni con passione e dedizione. 

20X20 attraversa un intero secolo, a partire dagli anni Venti del Novecento, ad arrivare ai giorni nostri, con lavori più recenti del 2023. Il percorso, seguendo un ordine cronologico, nasce idealmente da Deux femmes di Alberto Magnelli, un dipinto realizzato tra il 1924 e il 1928, dove ancora l’artista conserva, nella struttura della composizione e nella rappresentazione delle figure umane, memoria dei maestri toscani del Quattrocento, prima di sperimentare e arrivare alla pittura astratta che lo ha contraddistinto. Filippo De Pisis e Giorgio Morandi sono sicuramente due voci originali dell’arte italiana, accomunati da una breve esperienza metafisica hanno intrapreso, poi, due strade assai diverse, quasi opposte, più vibrante il primo e più meditativa e composta il secondo. In questa sede li vediamo con due opere, distanti di pochi anni: Vaso di fiori, del 1930, di De Pisis, rigogliosa descrizione floreale, fatta di tocchi frenetici di colore, e un paesaggio del 1938 di Morandi, molto naturalistico, definito da pennellate pastose e morbide. Communiquè di Kandinsky, del 1936, ci introduce, invece, al clima internazionale in cui le ricerche sull’arte astratta si focalizzano sugli elementi grafico-strutturali, quali linea e punto, e sull’indagine emotiva dei colori. Una ricerca di cui l’artista russo sarà uno dei massimi interpreti e teorici.

Del 1940-41 è la Natura morta di Renato Guttuso, figura chiave del XX secolo, esponente del Neorealismo italiano, che ha segnato anche la storia politica e sociale del nostro Paese. Sono anni cruciali per Guttuso, gli muore il padre, si iscrive al Partito Comunista e realizza uno dei suoi quadri più famosi La Crocifissione. Le nature morte sono una tematica costante della sua produzione, che ha la capacità di restituire in modo del tutto personale e originale, oggetti semplici di uso quotidiano attraverso l’intensità del colore e delle forme. In questo contesto storico troviamo voci diverse come quella di Savinio che, con Idillio marino del 1944, ricontestualizza un’espressione artistica visionaria, legata all’inconscio, nutrita da suggestioni surrealiste e metafisiche. Accanto, il fratello Giorgio de Chirico, uno dei principali punti di riferimento della pittura metafisica. Il Trovatore, un po’ più tardo, del 1968, riprende uno dei suoi personaggi chiave, il manichino, protagonista al centro di spazi dalle atmosfere rarefatte, enigmatiche, definite da elementi architettonici.

Con la fine della Seconda guerra mondiale, si assiste alla nascita dell’lnformale, un’espressione artistica che rifiuta la figurazione per aderire all’urgenza espressiva di utilizzare il segno, il gesto e la materia. Esponente di prima piano fu Alberto Burri, la cui ricerca era orientata sulla materia e sui materiali, e che trova qui in A 1, 1953, un esempio tra i più calzanti della sua poetica: i sacchi di juta grezza strappata sono testimonianza traslata delle ferite e delle esperienze dolorose lasciate della guerra e dal trascorrere del tempo. Più o meno degli stessi anni, per l’esattezza del 1957, è Concetto spaziale di Lucio Fontana, che ha sviluppato la sua teoria dello Spazialismo, basata sull’unione di tempo e spazio, mediata dal gesto. ... leggi il resto dell'articolo»

La connotazione segnica invece caratterizza il linguaggio di Capogrossi come vediamo in Superficie 106, opera del 1954, dove appare il suo tipico archetipo che si ricompone e si ripete di volta in volta in differenti varianti.

La mostra prosegue, in questo excursus temporale, con due opere dello stesso anno, 1962, Veliero di Pino Pascali, tra i primi esponenti dell’Arte Povera, movimento teorizzato da Germano Celant, e Senza titolo di Piero Dorazio - tra i firmatari del manifesto del Gruppo Forma1, insieme a Perilli, Accardi e Turcato, tra gli altri - che rappresenta invece la corrente astrattista italiana.

Il 1967 è l’anno in cui Alighiero Boetti si unisce al movimento dell’Arte Povera, partecipando a varie mostre a Genova, Torino e Milano. Proprio del 1967 è Mimetico, l’opera scelta da Tornabuoni Arte, quasi un ready made, quasi un monocromo. Anche Mario Ceroli condivise l’esperienza poverista. Scultore, scenografo, fu capace di mescolare ogni arte e creare opere immersive. L’utilizzo del legno nei suoi lavori è una costante, come vediamo in Senza titolo,1971.

Intersuperficie curva bianca, 1966, è un monocromo, caratterizzato da tre tele sovrapposte con aperture circolari, che testimonia la continua riflessione concettuale e metafisica di Paolo Scheggi. L’artista riconosciuto a livello internazionale, nell’arco della sua breve vita, ha attraversato discipline e campi diversi, dalle arti visuali all’architettura, dalla poesia alla performance. Marina Apollonio, presente con Dinamica circolare decagono 1970-2007, è una delle personalità femminili più interessanti dell’arte programmata e dell’optical-art, corrente che nasce dalle ceneri dell’esperienze astratte degli anni ’50. 

Gli anni Ottanta, in questo spaccato storico artistico, sono tracciati da tre figure che identificano altrettante modalità di ricerca. Gino De Dominicis e il suo Senza titolo, anni '80, che racchiude tutta la sua essenza raffinata, misteriosa e scanzonata che sfuggiva al tentativo di classificare o periodizzare il suo lavoro. Carlo Mattioli, pittore, disegnatore, illustratore di capolavori della letteratura italiana ed europea, estraneo a qualsiasi tentativo di assimilazione ad alcuna corrente artistica e ideologica, è ancorato alla figurazione di cui è testimone un dipinto come Nel bosco, 1982. E infine Christo e Jean-Claude, una coppia di artisti visionari, pionieri della Land Art, con il progetto Wrapped Reichstag (Project for Berlin), 1986. Attraverso gli impacchettamenti alterano visivamente e concettualmente la percezione e la fruizione dei luoghi, dei monumenti e delle architetture prescelte, azzerando la loro identità estetica e la loro funzione conoscitiva. 

Come idealmente è iniziato, il percorso cronologico di 20x20 chiude con l’opera più recente, del 2023, una splendida delocazione, Senza titolo, di un artista ‘raro’ come Claudio Parmiggiani, lontano da gruppi o movimenti.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Tornabuoni Arte Milano presenta "20X20 venti capolavori per venti artisti"

Milano - Tornabuoni Arte

Apertura: 09/04/2024

Conclusione: 26/05/2024

Indirizzo: Via Fatebenefratelli, 34/36 - 20121 (MI)

Inaugurazione: martedì 9 aprile 2024, ore 18.00

Orari: lunedì 15.00–19.00 | martedì – sabato 10.00-13.00 / 15.00-19.00

Per info: tel. +39 02 6554841 | email: milano@tornabuoniarte.it

Sito web per approfondire: https://www.tornabuoniart.com



Altre mostre a Milano e provincia

Arte contemporaneamostre Milano

Ivano Fabbri. La sala dei Molteplici

La PoliArt Contemporary di Milano, dal 30 maggio al 14 settembre 2024, presenta "Ivano Fabbri. La sala dei Molteplici". leggi»

30/05/2024 - 14/09/2024

Lombardia

Milano

Ingresso libero

Arte contemporaneamostre Milano

Antonio Cursano e Rachele Bianchi. Dolore e Resurrezione

Dal 24 maggio al 2 giugno 2024 l'Archivio Rachele Bianchi a Milano ospita la mostra di Antonio Cursano e Rachele Bianchi. leggi»

24/05/2024 - 02/06/2024

Lombardia

Milano

su prenotazione al link

Arte contemporaneamostre Milano

L’arte di collezionare. Non si fa in tempo ad avere paura

Dal 29 al 31 maggio 2024, Deutsche Bank a Milano – Bicocca ospita "L'arte di collezionare. Non si fa in tempo ad avere paura", evento nell'ambito di MuseoCity Spin-off. leggi»

29/05/2024 - 31/05/2024

Lombardia

Milano

Ingresso libero

Arte contemporaneamostre Milano

"Lady Oscar" al Museo del Fumetto

Il Museo del Fumetto "Wow Spazio Fumetto" in viale Campania a Milano, in occasione dei 45 anni di uscita, in Italia, del cartone "Lady Oscar", espone due dipinti di Albert Edwin Flury. leggi»

25/05/2024 - 15/09/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Paolo De Stefani. Sezione Aurea

Galleria Manifiesto Blanco presenta la mostra personale di Paolo De Stefani "Sezione Aurea - Luogo ancestrale. Forma architettonica. Spazio vuoto". leggi»

24/05/2024 - 22/06/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Claudio Onorato. Semplici prodigi

Il prossimo mercoledì 29 maggio, presso ON HOUSE MILANO, sarà inaugurata la mostra dell'artista Claudio Onorato dal titolo "Semplici prodigi". leggi»

29/05/2024 - 12/07/2024

Lombardia

Milano

Architettura Designmostre Milano

Gae Aulenti (1927-2012)

Dal 22 maggio 2024 al 12 gennaio 2025 Triennale Milano presenta la mostra Gae Aulenti (1927-2012), realizzata in collaborazione con l'Archivio Gae Aulenti. leggi»

22/05/2024 - 12/01/2025

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Cesare Fullone. Per Aspera ad Astra

La serie Soldati di Cesare Fullone torna dal 29 maggio al 29 giugno 2024 a Milano da galleria Fabbrica Eos e al Comune di Milano. leggi»

29/05/2024 - 29/06/2024

Lombardia

Milano

Ingresso libero

Arte contemporaneamostre Milano

In Contemporanea

Dal 28 maggio al 27 giugno 2024, Spazio HUS accoglie la mostra collettiva "In Contemporanea", a cura di Denis Jovanovic Romagnoli. leggi»

28/05/2024 - 27/06/2024

Lombardia

Milano

Ingresso libero